option
My Daypo

Linguistica cap 17 - cap 45 work in progress

COMMENTS STADISTICS RECORDS
TAKE THE TEST
Title of test:
Linguistica cap 17 - cap 45 work in progress

Description:
da paniere Elisea fonologia morfologia e sintassi

Author:
Laura76
(Other tests from this author)

Creation Date:
21/11/2022

Category:
Others

Number of questions: 81
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Last comments
No comments about this test.
Content:
L'accento, in italiano, ha valore fonetico, ma non rilevanza fonematica ha solo valore intonativo è una variante allofonica ha valore fonetico e rilevanza fonematica.
In italiano, se il fonema che forma la coda di una sillaba è uguale a quello che costituisce l'attacco della sillaba seguente la coda può essere occupata da qualunque tipo di consonante la coda può essere occupata solo da /n r l/ la coda può essere occupata solo da sonoranti la coda può essere occupata solo da liquide o approssimanti.
Segmenti dotati di carattere distintivo sono detti foni fonemi grafemi consonanti.
Le parole rocca e roccia non costituiscono una coppia minima costituiscono una coppia minima perché si differenziano solo per l'alternanza di un'affricata palatale sorda intensa (rocca) / una occlusiva velare sorda intensa (roccia) non costituiscono una coppia minima perché la vocale tonica di rocca è /ɔ/, di roccia è /o/ costituiscono una coppia minima perché si differenziano solo per l'alternanza di un'occlusiva velare sorda intensa (rocca) / un'affricata palatale sorda intensa (roccia).
I suoni /ɛ/ e /ɔ/ in italiano non sono fonemi e infatti compaiono solo in posizione tonica non sono fonemi e infatti compaiono sia in posizione tonica sia in posizione atona sono fonemi che compaiono solo in posizione tonica sono fonemi che compaiono sia in posizione tonica sia in posizione atona.
In italiano, [n], [ŋ], [ɱ] sono tre allofoni del fonema /ŋ/ tre fonemi distinti tre allofoni del fonema /n/ tre fonemi dell'allofono /ɱ/ .
In italiano, pero e cero non formano una coppia minima: /p/ e /ʧ/ sono dunque due allofoni formano una coppia minima: /p/ e /c/ sono dunque due grafemi distinti formano una coppia minima: /p/ e / ʧ / sono dunque due fonemi distinti formano una coppia minima: /p/ e /c/ sono dunque due fonemi distinti.
Quale di queste affermazioni è falsa? In italiano la /n/ preconsonantica non ha rilievo fonematico In italiano la lunghezza della vocale ha valore fonematico In italiano l'accento ha valore fonematico In italiano la distinzione fra consonante intensa e consonante scempia ha valore fonematico.
Le parole sciocco e ciocco costituiscono una coppia minima perché si differenziano solo per l'alternanza di una affricata palatale (sciocco)/una fricativa palatale (ciocco) in prima posizione non costituiscono una coppia minima non costituiscono una coppia minima perché nel primo caso la i dell'ortografia tradizionale non è diacritica costituiscono una coppia minima perché si differenziano solo per l'alternanza di una fricativa palatale (sciocco)/un'affricata palatale (ciocco) in prima posizione.
Qual è la differenza fra fonetica e fonematica (o fonologia)? La fonetica studia le modalità con cui i suoni di una lingua vengono articolati, la fonematica individua quali suoni della lingua hanno capacità distintiva Sono sinonimi La fonematica studia le modalità con cui i suoni di una lingua vengono articolati, la fonetica individua quali suoni della lingua hanno capacità distintiva La fonetica, che studia l'articolazione dei suoni, è una parte della fonematica.
Indicate quale delle seguenti parole non costituisce una coppia minima con la parola latte latta batte matte botte.
Individuate quale fra le seguenti parole non costituisce una coppia minima con la parola torta tolta corta torte tonta.
Individuate quale fra le seguenti parole non costituisce una coppia minima con la parola sonno tonno segno sogno senno.
Individuale quale fra le seguenti parole non costituisce una coppia minima con carta carte certa corta sarta.
Se la coda di una sillaba è costituita da un fono diverso da quello di attacco della sillaba seguente esso può essere soltanto una vibrante o laterale, una nasale, una semivocale esso può essere soltanto una fricativa esso può essere un fono qualunque esso può essere soltanto un'occlusiva.
Indicare quale delle seguenti parole non costituisce una coppia minima con la parola mare dare more mele male.
Nella parola campione sono fonemi /k/, /a/, /m/, /p/, /i/, /o/, /e/, ma è un allofono /n/ sono presenti solo allofoni sono fonemi /k/, /a/, /p/, /j/, /o/, /n/, /e/, ma è un allofono /m/ sono presenti solo fonemi.
Il passaggio mangiare bene > mangiar bene è un caso di sincope elisione aferesi apocope.
Il raddoppiamento fonosintattico prevede che la vocale iniziale di una parola raddoppi dopo alcune parole uscenti in vocale la consonante iniziale di una parola raddoppi dopo alcune parole uscenti in vocale la vocale iniziale di una parola raddoppi dopo alcune parole uscenti in consonante la consonante iniziale di una parola raddoppi dopo alcune parole uscenti in consonante.
Il passaggio /con ˈvoi/ > [coɱ ˈvoi] è un caso di assimilazione progressiva dissimilazione progressiva dissimilazione regressiva assimilazione regressiva.
Il raddoppiamento fonosintattico è un fenomeno di rafforzamento metatesi coalescenza (o fusione) indebolimento (o lenizione).
La metafonesi è un caso di assimilazione anticipatoria (o regressiva) assimilazione perseverativa (o progressiva) dissimilazione perseverativa (o progressiva) dissimilazione anticipatoria (o regressiva).
In che cosa si differenzia l'elisione dall'apocope? L'apocope è la caduta delle vocali e e o (raramente i, in antico anche a) finali di parola davanti a parola che inizia per consonante solo quando la consonante finale è una sonante; l'elisione è la caduta di un elemento vocalico finale di parola davanti a parola che inizia per vocale L'apocope è la caduta di un elemento vocalico finale di parola davanti a parola che inizia per consonante; l'elisione è la caduta delle vocali e e o (raramente i) finali di parola davanti a parola che inizia per vocale L'elisione è la caduta di un elemento vocalico finale di parola davanti a parola che inizia per consonante; l'apocope è la caduta delle vocali e e o (raramente i, in antico anche a) finali di parola davanti a parola che inizia per vocale L'apocope è la caduta delle vocali e e o (raramente i, in antico anche a) finali di parola davanti a parola che inizia per consonante; l'elisione è la caduta di un elemento vocalico finale di parola davanti a parola che inizia per vocale.
Nelle sequenze qual è e un albero abbiamo lo stesso fenomeno, l'elisione abbiamo nel primo caso un'elisione se ci si riferisce ad un femminile, nel secondo un'apocope abbiamo nel primo caso un'apocope se ci si riferisce ad un maschile, nel secondo un'apocope abbiamo lo stesso fenomeno, l'apocope.
L'inserzione di [i] nel sintagma per iscritto è un caso di prostesi epentesi elisione aferesi.
La forma toscana antica portòe ('portò') si spiega come un caso di prostesi epentesi aferesi epitesi.
La forma 'sto ("questo") è un caso di epentesi aferesi prostesi epitesi.
Quale dei seguenti fenomeni fonetici è attribuibile al fenomeno generale dell'indebolimento? anafonesi raddoppiamento fonosintattico sonorizzazione delle consonanti occlusive sorde intervocaliche metafonesi.
Quale delle seguenti affermazioni è falsa? La cancellazione è l'eliminazione di uno o più segmenti vocalici o consonantici L'inserzione è l'aggiunta di una vocale o di una consonante La lenizione è l'aumento del grado di forza articolatoria di un segmento vocalico o consonantico La metatesi è l'alterazione dell'ordine originario di due segmenti.
Il fenomeno della gorgia toscana è un fenomeno di rafforzamento metatesi indebolimento (o lenizione) coalescenza (o fusione).
In che cosa consiste la risillabificazione? consiste in un'accurata divisione in sillabe è la regola ortografica che individua i criteri per dividere in sillabe un testo scritto è l'abitudine degli insegnanti elementari di pronunciare sillaba per sillaba per facilitare l'apprendimento dei bambini è la creazione di nuove sillabe, in fonosintassi, nel punto di contatto fra le parole.
Davanti a sci si usa l'articolo lo perché sci comincia con s 'impura' sci comincia con un nesso di due consonanti sci comincia con una consonante intensa sci comincia con /s/.
Davanti a gnomo si usa l'articolo forte perché gnomo comincia con /ɲ/ gnomo comincia con un suono raro in italiano in posizione iniziale gnomo comincia con una consonante intensa gnomo comincia con un nesso di due consonanti.
Nella pronuncia standard dell'italiano quali sono i fonemi sempre intensi? /ʧ/ /ʤ/ /ɲ/ /ʃ/ /λ/ /s/ /z/ /ɲ/ /n/ /ʃ/ /c/ g/ /ɲ/ /ʃ/ /λ/ /ʦ/ /ʣ/ /ɲ/ /ʃ/ /λ/.
Il raddoppiamento fonosintattico regolare è innescato dai monosillabi atoni e dalle parole tronche da tutte le parole tronche da alcuni monosillabi atoni e da alcune parole tronche da undici monosillabi atoni e da tutte le parole tronche.
La regola ortografica italiana che impone la divisione in sillabe del tipo re-sta non è giustificata a livello articolatorio perché la s costituisce la coda della sillaba precedente res- come dimostra il fatto che davanti a parole maschili che iniziano per s+cons. si usa l'articolo lo (non il) che consente la risillabificazione (los-ta-tu-to) è giustificata a livello articolatorio perché la s è l'attacco della sillaba -sta come dimostra il fatto che alcune parole iniziano per sta (statuto per es.) non è giustificata a livello articolatorio perché la sillabazione della s davanti a consonante è libera e alcune lingue sillabano diversamente è giustificata a livello articolatorio in italiano ma non in altre lingue.
In italiano, la lunghezza vocalica è predicibile dal contesto, dunque ha valore allofonico non è predicibile dal contesto, dunque ha valore fonologico è predicibile dal contesto, dunque ha valore fonologico non è predicibile dal contesto, dunque ha valore allofonico.
Indicate quale delle affermazioni è errata L'alterazione è la formazione di parole derivate mediante suffissi, in cui l'ambito di significato della parola alterata resta lo stesso della base I prefissi hanno soltanto valore derivazionale e non flessivo Le parole derivate mediante prefissi non appartengono alla stessa categoria lessicale della base La conversione è la formazione di parole derivate ottenuta senza aggiunta di suffisso derivazionale.
Le parole complesse si suddividono in derivate e composte lessicali e grammaticali derivazionali e flessive temi e radici.
Il morfema si definisce come la più piccola unità linguistica la più piccola unità linguistica dotata di significato la più piccola unità lessicale dotata di significato la più piccola unità linguistica non dotata di significato.
Indicate la corretta separazione in morfemi della parola amante am-a-nte am-a-nt-e ama-nt-e am-ante.
Nella parola canino, i morfemi can- e -in- hanno entrambi significato grammaticale il primo significato grammaticale e il secondo significato lessicale entrambi significato lessicale il primo significato lessicale e il secondo significato grammaticale.
Individuate la corretta scomposizione in morfemi della parola adocchiare ad-occhi-a-re a-docchi-a-re ad-occhia-re ad-occh-ia-re.
Indicate quale delle seguenti divisioni in morfemi è corretta stra- (pref. derivaz. con valore grammaticale), -ordinaria- (parola base), -mente (suff. derivaz. con valore grammaticale) stra- (pref. compositivo con valore lessicale), -ordinaria- (parola base), -mente (suff. derivaz. con valore grammaticale) stra- (pref. derivaz. con valore lessicale), -ordinaria- (parola base), -ment- (suff. derivaz. con valore grammaticale), -e (suff. flessivo con valore grammaticale) stra- (pref. derivaz. con valore lessicale), -ordinaria- (parola base), -mente (suff. derivaz. con valore grammaticale).
Quale delle seguenti definizioni è falsa? fonema: segno linguistico dotato di carattere distintivo significante di un segno linguistico: le caratteristiche articolatorie di un suono referente: entità extralinguistica a cui il segno linguistico si riferisce fonema: segno linguistico dotato di significato e di significante.
In italiano, i prefissi esprimono solo valori flessivi e non sono usati nei processi derivazionali non sono usati né nei processi derivazionali né in quelli flessivi sono usati sia nei processi derivazionali che in quelli flessivi esprimono solo valori derivazionali e non sono usati nei processi flessivi.
Indicate la definizione corretta La composizione è un processo morfologico che alla parola base aggiunge informazioni relative a genere e numero per i nomi, numero persona, tempo, aspetto per i verbi La derivazione è un processo morfologico che consiste nella creazione di una parola nuova tramite l'aggiunta di un affisso a un morfema lessicale o a una parola base La flessione è un processo morfologico che crea parole nuove a partire da due parole autonome La parasintesi è la formazione di parole nuove attraverso un cambio di significato.
La parola prosciugamenti è formata da quattro morfemi: prosciug-a-ment-i da due morfemi: prosciuga-menti da cinque morfemi: pro-sciug-a-ment-i da tre morfemi: prosciuga-ment-i.
Cos'è la derivazione? è un processo morfologico che prevede l'aggiunta di un prefisso a una parola autonoma è un processo morfologico che crea parole nuove tramite l'aggiunta di un affisso a un morfema lessicale o a una parola autonoma è un processo morfologico che crea parole nuove a partire da due parole autonome preesistenti è un processo morfologico che aggiunge alla parola base informazioni che riguardano le categorie flessive.
Quale di queste parole comprende un suffisso derivazionale? sfogliare leone pulcino personale.
In genere, nella derivazione per alterazione (per es. casa > casetta) il significato lessicale della parola alterata resta lo stesso della base, ma non la categoria grammaticale la categoria grammaticale della parola alterata resta la stessa della base, ma non il significato lessicale sia la categoria grammaticale che il significato lessicale della parola alterata restano gli stessi della base sia la categoria grammaticale che il significato lessicale della parola alterata sono diversi da quelli della base.
Il passaggio arma > armare è un caso di parasintesi conversione derivazione composizione.
La parola trasbordare presenta un fenomeno di parasintesi: al morfema lessicale -bord- è aggiunto un prefisso derivazionale (tras-) e si ha, mediante il suffisso flessivo -are, il passaggio alla categoria verbale di conversione: al morfema lessicale -bord- è aggiunto un prefisso derivazionale (tras-) di derivazione: al morfema grammaticale -bord- è aggiunto un prefisso derivazionale (tras-) e un morfema flessivo -are di derivazione: al morfema lessicale -bord- è aggiunto un prefisso flessivo (tras-) e un morfema derivazionale -are.
Indicate quale fra le seguenti parole è un caso di conversione per parasintesi descrivere sottoclasse abbellire notare.
A quale categoria appartengono le parole lavamano, piedipiatti, dopoguerra parole composte con testa a destra parole composte con testa a destra e a sinistra parole composte con testa a sinistra parole composte senza testa.
Nella formazione dei composti, l'italiano, generalmente, presenta l'ordine TESTA-MODIFICATORE, come il latino presenta l'ordine MODIFICATORE-TESTA, diversamente dal latino presenta l'ordine MODIFICATORE-TESTA, come il latino presenta l'ordine TESTA-MODIFICATORE, diversamente dal latino.
Indicare quale fra le seguenti parole composte non ha la testa a sinistra lavamano pescecane termosifone paralume.
La parola democrazia è una parola derivata per prefissazione derivata per suffissazione derivata per parasintesi composta con temi lessicali.
Indicate quale è una parola derivata altopiano pescecane innervosire banconota.
Camposanto e senzatetto sono il primo, un composto con la testa a destra, il secondo un composto con la testa a sinistra due composti, entrambi con la testa a destra due composti, entrambi con la testa a sinistra il primo, un composto con la testa a sinistra, il secondo un composto con la testa a destra.
In genere, nei plurali dei composti endocentrici (banconota, capostazione, ecc.) non c'è flessione la testa si flette al plurale, solo se si trova in prima posizione la testa si flette al plurale, solo se si trova in seconda posizione la testa si flette al plurale, sia che si trovi in prima posizione sia che si trovi in seconda posizione.
Quale fra le seguenti è una parola composta con testa a destra? controappello parapioggia centrotavola lavamano.
Riconoscete la corretta suddivisione in sintagmi della frase Maria ha acquistato la lampada di cucina ad un mercatino d’antiquariato. Maria | ha acquistato | la lampada di cucina | ad un mercatino | d’antiquariato. Maria | ha acquistato | la lampada | di cucina | ad un mercatino | d’antiquariato. Maria | ha acquistato | la lampada di cucina | ad un mercatino d’antiquariato. Maria | ha acquistato | la lampada | di cucina | ad un mercatino d’antiquariato.
Possono essere testa di un sintagma solo le categorie funzionali: articoli, pronomi e congiunzioni solo le categorie lessicali: nomi, aggettivi, verbi, preposizioni e avverbi sia le categorie lessicali sia quelle funzionali: Nomi, aggettivi, verbi, preposizioni e avverbi, articoli, pronomi e congiunzioni solo le categorie lessicali: articoli, pronomi e congiunzioni.
Riconoscete qual è la corretta suddivisione in sintagmi della frase Il figlio di mio fratello si è fidanzato con la figlia di Maria Il figlio | di mio fratello | si è fidanzato | con la figlia di Maria Il figlio | di mio fratello | si è fidanzato | con la figlia | di Maria Il figlio di mio fratello | si è fidanzato | con la figlia di Maria Il figlio di mio fratello | si è fidanzato | con la figlia | di Maria.
Indicate la corretta distinzione in sintagmi della frase La casa di tuo fratello è riscaldata da pannelli solari La casa | di tuo fratello | è | riscaldata | da pannelli solari La casa di tuo fratello | è | riscaldata | da pannelli solari La casa | di tuo fratello | è riscaldata | da pannelli solari La casa di tuo fratello | è riscaldata | da pannelli solari.
Riconoscete qual è la corretta suddivisione in sintagmi della frase Ho fatto un viaggio nei dintorni di Malaga con l'auto di mio fratello. Ho fatto | un viaggio | nei dintorni di Malaga | con l'auto | di mio fratello. Ho fatto | un viaggio | nei dintorni | di Malaga | con l'auto di mio fratello. Ho fatto | un viaggio | nei dintorni di Malaga | con l'auto di mio fratello. Ho fatto | un viaggio | nei dintorni | di Malaga | con l'auto | di mio fratello.
Nella frase Luca è arrivato con la sua bella macchina nuova il sintagma "con la sua bella macchina nuova" è un sintagma preposizionale con testa e specificatori un sintagma nominale con complementi (con la sua bella) e specificatori (nuova) disposti intorno alla testa (macchina) un sintagma nominale con specificatori (con la sua bella) e complementi (nuova) disposti intorno alla testa (macchina) un sintagma preposizionale con testa e complementi.
Indicate la corretta divisione in sintagmi della frase La vicina di mia madre ha acquistato la casa della propria infanzia con i soldi dell'eredità La vicina di mia madre | ha acquistato | la casa | della propria infanzia con i soldi dell'eredità La vicina | di mia madre | ha acquistato | la casa | della propria infanzia | con i soldi dell'eredità La vicina di mia madre | ha acquistato | la casa della propria infanzia | con i soldi dell'eredità La vicina di mia madre | ha acquistato la casa | della propria infanzia | con i soldi dell'eredità.
I test per decidere se una sequenza di parole costituisce un sintagma sono tre: spostamento, enunciabilità in isolamento, coordinabilità quattro: pronominalizzazione, sostituibilità, enunciabilità in isolamento, coordinabilità quattro: spostamento, sostituibilità, enunciabilità in isolamento, coordinabilità quattro: spostamento, sostituibilità, enunciabilità in isolamento, compattezza semantica.
Riconoscete qual è la corretta suddivisione in sintagmi della frase Il compito di Gianni è parso pienamente sufficiente agli esaminatori Il compito | di Gianni | è parso pienamente sufficiente | agli esaminatori Il compito di Gianni | è parso pienamente | sufficiente agli esaminatori Il compito di Gianni | è parso | pienamente sufficiente | agli esaminatori Il compito di Gianni | è parso pienamente sufficiente | agli esaminatori.
Riconoscete la corretta suddivisione in sintagmi della frase Con i soldi della pensione mia nonna ha comprato un anello d’oro. Con i soldi | della pensione | mia nonna | ha comprato | un anello d’oro. Con i soldi | della pensione | mia nonna | ha comprato | un anello | d’oro. Con i soldi della pensione | mia nonna | ha comprato | un anello d’oro. Con i soldi della pensione | mia nonna | ha comprato | un anello | d’oro.
Riconoscete la corretta suddivisione in sintagmi della frase La scrivania di Carlo è completamente occupata da libri ed appunti. La scrivania di Carlo | è completamente occupata | da libri ed appunti. La scrivania di Carlo | è completamente occupata da libri ed appunti. La scrivania | di Carlo | è completamente occupata da libri ed appunti. La scrivania | di Carlo | è completamente occupata | da libri ed appunti.
Nella frase Il barattolo della cioccolata è caduto in terra il Soggetto ha il ruolo tematico (semantico) di OGGETTO AGENTE TERMINE ESPERIENTE.
Indicate in quale di queste frasi il Soggetto ha il ruolo di OGGETTO Alicia riceve un buono sconto I bambini cadono spesso I nonni regalano una bambola a Alicia Alicia guarda i cartoni animati.
In quale di queste frasi, il Verbo è monovalente? Tu lavorerai con me. Paolo mangia una mela. Dorme. Domani pioverà.
Nella frase La vicina di mia madre ha acquistato la casa della propria infanzia con i soldi dell'eredità il verbo acquistare è bivalente zerovalente trivalente monovalente.
Indicate se nella frase Il sole bacia i belli il verbo bacia è trivalente bivalente zerovalente monovalente.
Indicate quale affermazione è giusta L'Oggetto diretto non ha mai il ruolo tematico di AGENTE L'Oggetto diretto riveste sempre il ruolo tematico di TERMINE L'Oggetto diretto riveste sempre il ruolo tematico di OGGETTO L'Oggetto diretto è un argomento esterno del verbo.
Indicate in quale di queste frasi il Soggetto ha il ruolo di ESPERIENTE Alicia ha visto un bel cartone animato I nonni regalano una bambola a Alicia Alicia riceve un buono sconto I bambini cadono spesso.
Nei ruoli tematici, l'attante coinvolto dall'evento verbale che non controlla l'azione si chiama TERMINE o FINE OGGETTO o TEMA ESPERIENTE AGENTE.
Report abuse Terms of use
HOME
CREATE TEST
COMMENTS
STADISTICS
RECORDS
Author's Tests