option
My Daypo

Lingua e traduzione inglese 4 - domande test autoval

COMMENTS STADISTICS RECORDS
TAKE THE TEST
Title of test:
Lingua e traduzione inglese 4 - domande test autoval

Description:
Rossi Valentina

Author:
edwige
(Other tests from this author)

Creation Date:
03/06/2021

Category:
University

Number of questions: 54
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Last comments
No comments about this test.
Content:
Nel descrivere un evento, bisogna suddividere il testo in: invito, corpo, conclusione introduzione, corpo, conclusione corpo, commento, conclusione indicare solo luogo e data .
Tradurre: Presuppone uno studio metodico Presuppone l'essere filologi Presuppone che si abbiano le basi di linguistica, ma anche di semiotica.
La traduzione: interessa diverse discipline, come la linguistica, le letterature comparate e gli studi culturali affonda le sue radici esclusivamente negli studi storici presuppone che la linguistica vada di pari passo con la filosofia .
Grazie alla traducibilità: si definisce il parametro della differenza tra due realtà autoctone in un dato momento storico si definisce il parametro della differenza tra due realtà politico-sociali in un dato momento storico si definisce il parametro della differenza tra due realtà culturali in un dato momento storico .
Charles Peirce afferma che la traduzione interlinguistica: è un raffronto dinamico fra due mondi targhetta sillabe da una lingua all'altra è una scommessa per il traduttore.
Lo scopo dei traduttori delle belles infidèles era quello di: ottenere lo stesso effetto che aveva in mente l'autore, rispettando il suo stesso numero di sillabe ottenere lo stesso effetto che aveva in mente l'autore, lasciano le parole-chiave in lingua madre ottenere lo stesso effetto che aveva in mente l'autore, adattando il testo al gusto del proprio tempo .
Le belles infidèles furono in voga: trent'anni la prima metà del XVII secolo vent'anni.
I traduttori francesi del XVII secolo dovevano stare attenti a: non urtare la suscettibilità del sovrano non trattare argomenti spinosi, quali la politica o l'economia non offendere les délicatesses della lingua francese .
Le traduzioni francesi del XVII secolo vennero definite: tradiction méres belles traductions belles infidèles.
La traduzione inglese de "il Cortegiano" risale a: i primi anni 60 del 1500 i primi anni del 1500 gli anni 60 del 1600 .
La traduzione inglese de "il Cortegiano": non fu mai conclusa venne poi usata come canovaccio per le traduzioni francesi nessuna delle precedenti .
"Il Cortegiano" fu tradotto da: Thomas Hobbes Thomas Hoby Anonimo.
Una delle opere italiane più utili al dibattito relativo all'istruzione dei ceti elevati fu: le Bucoliche di Virgilio il Galateo il Cortegiano .
Nella fase prescientifica, la traduzione è considerata: una professione redditizia fonte di arricchimento per la propria lingua e cultura principale attività di mecenati ed intellettuali .
Ad unire tutte le lingue secondo l'approccio universalistico: sono i suoni sono i fonemi sono universali linguistici comuni.
Dal 1750, gli approcci con cui ci si rivolge alla traduzione sono: tre quattro due.
L'opera nella quale possiamo leggere le idee di Goethe in merito alla traduzione è: Note sulla traduzione I dolori del giovane Werther Note sul Divan occidentale-orientale .
Fra i tipi di traduzione individuati da Goethe NON rientra quella: prosaica parodistica satirica.
Goethe, Von Humboltd e Schleiermacher, compito del traduttore è: far aderire la lingua di arrivo su quella di partenza indirizzare ogni lingua verso una lingua universale orientare la propria lingua verso quella straniera.
Il terzo tipo di traduzione per Goethe: raffina un testo di partenza dialettale e grezzo permette di gustare un testo nella sua originalità nessuna delle precedenti .
Un esempio di traduzione parodistica sono: le traduzioni di Goethe le belles infidèles le prime due parti della Bibbia di Lutero .
Nel terzo tipo di traduzione per Goethe, la traduzione: si contrappone all'originale non si contrappone all'originale non occupa un preciso ruolo rispetto all'originale.
Il terzo tipo di traduzione per Goethe è: il meno attendibile il meno diffuso più elevato.
L'inizio del periodo prescientifico coincide con: le crociate la I guerra mondiale l'epoca greco-romana.
Il periodo prescientifico NON comprende: l'Illuminismo il Romanticismo gli anni successivi alla II guerra mondiale .
Fra i nomi che gli studi sulla traduzione hanno rivestito NON c'è: traduttologia Translation Studies Cultural Studies of Translation.
Fra i nomi che gli studi sulla traduzione hanno rivestito NON c'è: traduttoria teorie della traduzione scienza della traduzione.
Fra i concetti che tutt'oggi influenzano gli studi sulla traduzione hanno rivestito NON compare: l'integrità testuale la proprietà letteraria la personalità del traduttore.
Fanno parte della seconda fase del periodo prescientifico: le teorie romantiche le belles infidèles le idee di Goethe.
Appartengono alla seconda fase del periodo prescientifico: i Gender Studies i Cultural Studies nessuna delle precedenti.
Appartiene alla prima fase del periodo prescientifico: la Bibbia di Lutero il Corpus di studi derridiani il mito della Torre di Babele.
La prima fase del periodo prescientifico inizia: con l'Umanesimo col fiorire del sapere greco grazie alla figura di Cicerone.
L'aute che traducendo Euripide scrive le sue riflessioni sulla traduzione è: Goethe Schleiermacher von Humboldt.
Le riflessioni di von Humboldt sulla traduzione sono contenute: nell'introduzione alla traduzione di Agamennone nell'introduzione alla traduzione dell'Eneide nell'introduzione alla traduzione delle opere di Eschilo.
Per von Humboldt la lingua NON è: struttura del pensiero un involucro che contiene concetti prefissati nessuna delle precedenti .
von Humboldt sottolinea: l'indipendenza del pensiero dalla parola l'indipendenza della parola dal pensiero la dipendenza reciproca tra pensiero e parola .
La traduzione per von Humboldt non è: un commento una versione fedele di un testo in un'altra lingua un lavoro rispettoso dell'originale.
Per Scheiermacher, l'obiettivo di tradurre come l'autore ha originariamente concepito il suo testo è: possibile naturale vuoto e assurdo.
Al fine di proporre una traduzione degna, Schleiermacher ricorre a: parafrasi e analessi rifacimento e conversione parafrasi e rifacimento.
Il concetto di "langue" appartiene a: Saussure Lefevere Foucault.
Per Schleiermacher, compito del traduttore è: rispettare il senso globale della lingua rispettare la grammatica della lingua rispettare purezza ed integrità della lingua.
"Constructing Culture" è un testo curato da: Bassnett e Derrida Lefevere e Derrida Bassnett e Lefevere.
Il concetto di "scenes-and-frames" appartiene a: Bassnett Lefevere Jakobson.
Fra i saggi NON composti da Lefevere citiamo: Translation Studies Why waste our time on Rewrites? Translation, rewriting and manipulation of literary fame.
The Translation Turn in Cultural Studies annuncia: una nuova era nella ricerca interdisciplinare il fallimento delle teorie strutturalistiche il crollo delle certezze in materie di studi sulla traduzione.
Lucy is ___ sage ___ determinate not/and as/and both/and.
Usare aggettivi sempre diversi contribuisce a: rendere la descrizione meno monotona esaltare le nostre doti rendere la descrizione monotona.
Nella descrizione di un luogo, possiamo eventualmente raccontare nel corpo del testo: delle nostre opinioni com'era prima e com'è adesso dei nostri commenti.
Se, in una descrizione di luoghi, uniamo due frasi mediante i "connectors", lo stile risulterà: pedante fluido artificioso.
Le descrizioni dei luoghi sono tipicamente stampate su: brochure industriali brochure aziendali brochure turistiche.
E' tipico leggere un "article": in annunci di lavoro in quotidiani e riviste in brochure turistiche.
Fra le riviste NON dedicate alla traduzione citiamo: BLAST Target The Translator.
Quali di questi saggi NON è stato scritto da Lefevere? Why waste our time on Rewrites? sono entrambi saggi di Lefevere The Trouble with the Role of Rewriting in an Alternative Paradigm.
I Gender Studies diventano oggetto di studio: nel dopoguerra negli anni Novanta del '900 grazie agli studi di Derrida.
Report abuse Terms of use
HOME
CREATE TEST
COMMENTS
STADISTICS
RECORDS
Author's Tests