option
My Daypo

bio

COMMENTS STADISTICS RECORDS
TAKE THE TEST
Title of test:
bio

Description:
Test prova

Author:
Morg1
(Other tests from this author)

Creation Date:
01/01/2023

Category:
Science

Number of questions: 180
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Last comments
No comments about this test.
Content:
Quale tra queste affermazioni è quella VERA? Solo dipoli ossigeno-idrogeno possono formare ponti ad idrogeno Molecole polari non possono formare ponti ad idrogeno I ponti ad idrogeno sono legami covalenti e stabili ad alte temperature Tutte le molecole polari sono solubili in acqua.
Quale delle seguenti affermazioni riguardo la molecola dell'acqua NON è corretta? L'acqua è formata da due atomi di idrogeno ed un atomo di ossigeno legati covalentemente L'ossigeno è più elettronegativo dell'idrogeno e quindi il legame è polarizzato L'ossigeno ha parziale carica negativa mentre gli idrogeni hanno parziale carica positiva molecole apolari possono sempre interagire con le molecole di acqua.
Quale di queste affermazioni riguardo al legame covalente è FALSA? Il legame covalente polare è caratterizzato da un decentramento degli elettroni di legame verso l'atomo più elettronegativo. Il legame covalente tra due atomi della stessa specie non è mai polare. Il legame covalente tra due atomi di carbonio è un legame covalente puro. Il legame covalente tra due atomi di idrogeno è polare.
01. Quale affermazione riguardo alle molecole idrofobiche è FALSA? Si tratta sicuramente di molecole apolari. Le molecole idrofobiche possono essere solubilizzate in acqua utilizzando dei detergenti anfipatici. Le molecole idrofobiche possono essere disciolte in acqua se si mescola energicamente e si applica calore. Le molecole idrofobiche non possono essere disciolte in acqua.
02. Quale funzione hanno i detergenti? Possono solubilizzare molecole apolari in acqua. non riescono ad interagire con molecole apolari se sono in acqua. Possono dissociare molecole apolari in acqua. Possono caricare elettricamente molecole apolari.
03. Completa la frase nel modo corretto. Le molecole anfipatiche sono... ...molecole capaci di interagire con l'acqua solo ad alte temperature. ...molecole capaci di interagire solo con l'acqua e con altre molecole polari. ...molecole in grado di interagire sia con molecole polari che con molecole apolari ma non con le molecole d'acqua. ...molecole in grado di interagire sia con le molecole di acqua ed altre molecole polari che con molecole apolari.
04. Quale tra queste affermazioni riguardo alle molecole anfipatiche NON è vera? Le molecole anfipatiche non sono in grado di aggregarsi in acqua se sono presenti molecole cariche. Le molecole anfipatiche in acqua possono permettere di solubilizzare molecole apolari. Le molecole anfipatiche possono formare vescicole in cui è presente una cavità acquosa all'interno. Le molecole anfipatiche in acqua possono facilmente formare strutture micellari se hanno una forma a cuneo.
05. Quale tra queste affermazioni riguardo ai soluti è VERA? I sali sono solubili in solventi polari o in acqua. Una molecola è solubile in un solvente polare solo se viene disciolta in piccole quantità. una molecola polare è sempre solubile in olio. Una molecola è insolubile in un solvente se il solvente ha una temperatura troppo bassa.
Quale di queste affermazioni sull'acqua è FALSA? Gli ioni idrogeno rilasciati dalla dissociazione della molecola di acqua sono immediatamente idratati. La ionizzazione dell'acqua porta alla formazione di ioni idronio. Generalmente le molecole di acqua non sono cariche elettricamente. Le molecole di acqua non sono mai cariche elettricamente.
Quale affermazione riguardo alla scala del pH è FALSA? Il prodotto ionico dell'acqua corrisponde al valore base di 7 della scala del pH. Ad un valore di pH di 8 corrisponde una concentrazione di ioni H+ di 10−8. All'aumentare del valore di pH diminuisce l'acidità della soluzione. All'aumentare del valore di pH aumenta l'acidità della soluzione.
Quale di queste affermazioni riguardo alla costante di dissociazione acida è FALSA? La Ka dell’acido si calcola utilizzando le misure della concentrazione molare dell’acido indissociato HA e delle due specie ioniche H+ e A− in acqua. La costante di dissociazione acida Ka misura la quantità di ioni H+ liberati dall'acido nel mezzo. Maggiore è il valore della costante Ka e minore è la forza dell’acido. Il valore di pKa corrisponde al logaritmo negativo in base 10 della Ka.
04. Identifica il completamento sbagliato della seguente frase Il movimento di molecole di soluto all'interno di una soluzione... ...avviene per diffusione semplice. ...avviene più rapidamente se si scalda la soluzione. ...avviene lentamente a basse temperature. ...non avviene senza l'azione di mescolamento.
05. Identifica l'affermazione FALSA. L'osmosi è un processo che... ...richiede una certa quantità di energia per avvenire. ...permette di equilibrare l'osmolarità di due soluzioni a concentrazione differente, separate da una membrana. ...regola il movimento di molecole attraverso le membrane cellulari. ...controlla il movimento di molecole di solvente attraverso membrane semipermeabili.
Come si può equilibrare una soluzione ipotonica in modo che non faccia scoppiare le cellule? Si aumenta la temperatura della soluzione. Si aumenta il numero delle cellule. Si abbassa il pH della soluzione. Si aumenta la concentrazione dei soluti nella soluzione.
Cosa succede se si applica una soluzione ipertonica ad una cellula? La cellula sviluppa microvilli. La cellula perde volume e si raggrinzisce. La cellula non si modifica in nessun modo. La cellula si rigonfia fino a scoppiare.
Prendendo in esempio il più semplice degli amminoacidi, la glicina, quali gruppi funzionali sono presenti in questa piccola molecola? Un gruppo amminico secondario e un gruppo carbossilico. Un gruppo amminico primario ed un gruppo carbossilico. Un gruppo imminico ed un gruppo carbossilico. Un gruppo amminico primario ed un gruppo aldeidico.
Cosa determina la geometria di legame tetraedrica degli atomi di carbonio? La sovrapposizione tra orbitali atomici Le forze di repulsione tra atomi adiacenti. L'ibridazione Sp3 degli orbitali atomici. L'elettronegatività del carbonio.
Quale è la principale differenza tra legame carbonio-carbonio di tipo singolo rispetto al doppio legame carbonio-carbonio? Il legame doppio non si forma mai in natura ma è un legame formato artificialmente. Il legame singolo non può essere mai rotto mentre il doppio legame si. Il legame singolo consente la rotazione sul suo asse, il doppio legame è rigido e planare. Il legame singolo può essere rotto più facilmente rispetto ad un legame doppio o triplo.
Gli scheletri carboniosi possono formare strutture ad anello. Quale è il limite minimo di atomi di carbonio che devono essere presenti affinchè si possa formare una struttura ciclica? 3 4 6 5.
Cosa succede se si formano tre doppi legami in un anello a 6 atomi di carbonio? L'anello si distorce e si apre. L'anello diventa rigido e planare. Non è possibile che siano presenti tre doppi legami in un anello a 6 atomi di carbonio. L'anello si piega a formare una sedia.
Cosa differenzia una aldeide da un chetone? Il differente grado di polarizzazione del legame carbonio-ossigeno. La posizione del gruppo funzionale carbossilico C=O sullo scheletro carbonioso della molecola, all'estremità o nel mezzo. La presenza di un ulteriore gruppo alcolico nelle aldeidi. La lunghezza e la forza del legame carbonio-ossigeno.
07. L'etanolo, il comune alcol etilico è un alcole formato da due atomi di carbonio, un gruppo sostituente -OH ed i restanti legami del carbonio interessano atomi di idrogeno. Quanti sono questi atomi? 5 7 4 6.
Quale elemento chimico caratterizza i gruppi funzionali amminici? Zolfo (S) Azoto (N) Fosforo (P) Ossigeno (O).
Se una molecola é costituita da uno scheletro carbonio di 3 atomi di carbonio ed é presente un legame di tipo singolo ed un legame di tipo doppio, quanti legami sono disponibili per legare atomi di idrogeno? 8 7 5 6.
Identifica l'affermazione NON corretta riguardo ai legami covalenti del carbonio. Il legame singolo carbonio-carbonio può ruotare sul suo asse liberamente. Il doppio legame carbonio-carbonio permette una parziale rotazione sul suo asse. Il doppio legame carbonio-carbonio è rigido e planare. Il triplo legame tra due atomi di carbonio genera una molecola lineare e rigida.
01. Identifica il completamento non corretto. L'ibridazione degli orbitali del carbonio... ...permette all'atomo di carbonio di coordinare fino a 4 legami covalenti di tipo singolo contemporaneamente. ...conferisce una geometria di legame tetraedrica agli atomi di carbonio. ...distorce gli obitali di legame rendendoli meno stabili. ...si genera per rimescolamento degli orbitali p ed s.
02. Le biomolecole sono spesso molecole complesse in cui sono presenti uno o più centri chiralici. Che rilevanza ha la stereoisomeria per queste molecole? Individua la risposta FALSA. Gli stereoisomeri non hanno grande rilevanza nel mondo biologico perchè i sistemi biologici si possono adattare ai differenti stereoisomeri. La stereisomeria è estremamente importante per l'interazione tra biomolecole come ad esempio l'interazione tra farmaco e suo bersaglio farmacologico o tra ligando e suo recettore In alcune molecole i due stereoisomeri della stessa molecola hanno effetti e funzione differenti o talvolta totalmente opposti. Le biomolecole sintetizzate dall'organismo vengono sempre sintetizzate nella stessa forma stereoisomerica con reazioni stereospecifiche.
Se su di uno scheletro carbonioso è presente un solo gruppo sostituente ossidrilico -OH la molecola appartiene alla categoria degli: Alcoli Chetoni Aldeidi Acidi carbossilici.
Quale tra queste affermazioni riguardo agli stereoisomeri NON è vera? I diastereoisomeri non sono speculari tra loro. Una molecola che ha più di un centro chirale possiede più di due stereoisomeri. Gli enantiomeri di una molecola sono speculari ma non sovrapponibili se ruotati. Gli enantiomeri di una molecola sono speculari e sovrapponibili se ruotati.
In quale nota molecola biologica troviamo 3 gruppi estere? Trigliceridi Trisaccaridi Acidi tricarbossilici Tripeptidi.
Un monosaccaride (zucchero) si definisce chetosio quando: Il gruppo carbonilico è in una qualsiasi posizione dello scheletro carbonioso tranne che alle estremità Il gruppo carbonilico è in una qualsiasi posizione dello scheletro carbonioso Il gruppo carbonilico è ad una delle estremità dello scheletro carbonioso Lo scheletro carbonioso manca del gruppo carbonilico.
Amilosio ed amilopectina sono due polimeri del glucosio presenti nelle piante come riserva energetica (amidi) e differiscono tra loro poichè... ...l'amilosio è un polimero lineare mentre l'amilopectina è un polimero ramificato. ...l'amilopectina è formata da un numero inferiore di ripetizioni di glucosio. ...l'amilosio possiede sia unità di glucosio che unità di galattosio. ...L'amilopectina contiene zuccheri fosfati.
Il glucosio viene immagazzinato nelle cellule animali sotto forma di glicogeno (polimero ramificato del glucosio) perchè: Il glucosio non può uscire dalla cellula sotto forma di glicogeno e quindi viene "bloccato" al suo interno. il glicogeno è solubile e quindi facilmente utilizzabile. il glicogeno è insolubile e non contribuisce all'osmolarità della cellula e quindi non causa ingresso di grandi quantità di acqua e lisi della cellula. il glicogeno è più stabile a temperatura ambiente mentre i glucosio tende a degradarsi.
Il glicogeno è un polimero costituito da lunghe ripetizioni di unità di D-glucosio... ...unite tramite legame α1→4 glicosidico e non sono presenti ramificazioni ...unite tramite legame α1→4 glicosidico, contenente anche ramificazioni generate da legami di tipo diesterico ...unite tramite legame α1→4 glicosidico, contenente anche ramificazioni generate da legami α1→6 glicosidico ...unite tramite legame β1→4 glicosidico glicosidico e non sono presenti ramificazioni.
Quale affermazione riguardo alla cellulosa NON è corretta? La cellulosa è un polisaccaride costituito da unità di glucosio legate mediante legame β1→4 glicosidico. La cellulosa è un polisaccaride costituito da unità di glucosio legate mediante legame α1→4 glicosidico. La cellulosa è un polimero lineare disposto in catene parallele a formare microfibrille. La cellulosa è un componente glucidico della parete cellulare vegetale.
L'uomo non può digerire la cellulosa (polisaccaride strutturale presente nelle piante) poichè: Non possiede enzimi digestivi capaci di rompere i legami di tipo α1→4 glicosidico Il pH dello stomaco non è sufficientemente basso da permettere una adeguata digestione Non possiede enzimi digestivi capaci di rompere i legami di tipo β1→4 glicosidico La flora batterica intestinale umana interferisce con i processi digestivi.
Il glucomannano genera senso di sazietà pur non fornendo calorie poichè si tratta di un polimero non digeribile ed altamente IGROSCOPICO. Cosa si intende con questo termine? Assorbe altre sostanze nutrienti a livello intestinale rendendole non digeribili. Libera molecole di acqua. Assorbe acqua aumentando di volume. Riduce il pH gastrico.
Completa la frase nel modo corretto. "La cellulosa è considerata fibra alimentare nell'uomo poichè... ...viene digerita dagli enzimi intestinali umani ma rimane comunque sotto forma di fibre colloidali." ...non viene digerita dagli enzimi intestinali umani poichè costituita da monomeri di glucosio uniti con legami glicosidici β1→4." ...viene digerita dagli enzimi intestinali umani poichè costituita da monomeri di glucosio uniti con legami glicosidici α1→4." ...aiuta a potenziare le fibre muscolari della parete intestinale aiutando la peristalsi.".
Quale è la caratteristica che distingue un polisaccaride nutritivo da una fibra alimentare glucidica? Tutti i polisaccaridi nutritivi sono solubili in acqua mentre tutte le fibre alimentari glucidiche sono insolubili in acqua. Il polisaccaride nutritivo può essere digerito ed assimilato dall'uomo come singoli monosaccaridi mentre i polisaccaridi della fibra alimentare sono resistenti alla digestione e non vengono assorbiti. I polisaccaridi nutritivi sono presenti in tutti gli alimenti farinacei mentre le fibre alimentari glucidiche raramente si trovano negli alimenti. I polisaccaridi nutritivi possono essere utilizzati per preparare alimenti come pane e pasta mentre i polisaccaridi considerati fibra alimentare non sono adatti a preparare alimenti.
Quali tra questi polimeri NON è considerato fibra alimentare? Amilopectina Beta-glucano Glucomannano Pectina LM.
I nucleotidi sono costituiti dalle seguenti componenti: Uno gruppo fosfato, uno zucchero esoso e una base azotata. Un gruppo fosfato, uno zucchero pentoso e una base azotata. Un gruppo amminico, uno zucchero pentoso e una base azotata. Un gruppo carbossilico, uno zucchero pentoso e un gruppo fosfato.
Quale regione dei nucleotidi è considerata come "regione attiva"? gruppo -OH in posizione 2' Gruppo fosfato. Zucchero pentoso. Base azotata.
Come si chiama il legame chimico che unisce più nucleotidi tra loro a formare una molecola polimerica? Legame estere Legame N-β-glicodilico Legame O-glicosidico Legame fosfodiesterico.
In un generico nucleotide, quale tipologia di legame chimico lega lo zucchero pentoso alla sua rispettiva base azotata? Legame O-glicosidico Legame N-β-glicosidico Legame estere Legame etere.
Quale differenza strutturale distingue lo zucchero pentoso che compone i nucleotidi ad RNA da quelli a DNA Tutte le precedenti Lo zucchero non è pentoso ma esoso Lo zucchero è un aldosio invece che un chetosio Lo zucchero pentoso del ribosio possiede un gruppo OH in posizione 2'.
Il DNA può esistere in quale forma? Molecola a singolo filamento lineare se il DNA è denaturato Molecola a singolo filamento in cui si forma transitoriamente una forcina per appaiamento di due sequenze complementari nella stessa molecola. Molecola a doppio filamento (costituita da due filamenti distinti appaiati tra loro). Tutte le precedenti.
Quale è la forma principale in cui è possibile trovare il DNA a doppia elica? A K B Z.
Come sono nominate le tre forme strutturali del DNA a doppia elica? A,B,U A,B,K A,B,C A,B,Z.
Quale operazione svolge il complesso dello spliceosoma? Formazione del 5'CAP Rimozione degli introni dai pre-mRNA Generazione della coda poli-A Rimozione degli esoni dai pre-mRNA.
Con quale delle seguenti basi azotate è sostituita la timina negli acidi nucleici ad RNA? Uracile Ornitina Tiramina Uridina.
Quale funzione hanno i tRNA? Permettono la maturazione degli RNA messaggeri Trasportano amminoacidi e fungono da adattatori molecolari per la traduzione Stabilizzano il ribosoma durante la sintesi proteica Contengono l’informazione genetica per la produzione delle proteine.
Con quale delle seguenti basi azotate è sostituita la timina negli acidi nucleici ad RNA? Uridina Tiramina Ornitina Uracile.
Quale è la funzione dell'enzima adenilato ciclasi? Catalizza la rottura del legame fosfato dell'ATP generando AMP + difosfato e liberando energia. Catalizza la formazione di ATP all'interno di alcuni cicli di produzione energetica. Catalizza la formazione del messaggero cellulare "AMP ciclico" a partire dall'ATP. Catalizza la prima tappa di produzione di nuovi nucleotidi adeninici.
Individua l'affermazione errata riguardo al legame peptidico: Può essere scisso mediante reazione di idrolisi. E' un legame di tipo covalente tra il carbonio del gruppo carbossilico di un amminoacido e il carbonio del gruppo amminico di un altro amminoacido. E' un legame che si forma per condensazione tra il gruppo OH del gruppo carbossilico ed un idrogeno del gruppo amminico liberando H2O nel mezzo. E' un legame di tipo covalente tra il carbonio del gruppo carbossilico di un amminoacido e l'azoto del gruppo amminico di un altro amminoacido.
La sintesi delle proteine: Avviene nei lisosomi utilizzando l'RNA messaggero che trasporta l'informazione per la corretta sequenza di amminoacidi. Nessuna delle precedenti. Avviene nei ribosomi utilizzando l'RNA messaggero che trasporta l'informazione per la corretta sequenza di amminoacidi. Avviene nei liposomi utilizzando l'RNA messaggero che trasporta l'informazione per la corretta sequenza di amminoacidi.
Quale delle seguenti affermazioni riguardo al ripiegamento delle proteine (folding) è FALSA: E' guidato dalla riduzione dell'energia libera di Gibbs fino al raggiungimento dello stato con minima energia possibile Il processo di folding di alcune proteine richiede l'ausilio di proteine chaperone Inizia con il collasso della catena polipeptidica e la formazione di una struttura grezza detta "globulo fuso" Alte temperature non possono alterare o danneggiare la struttura di una proteina correttamente ripiegata.
Gli amminoacidi sono costituiti da un carbonio alfa (Cα) legato a: Due gruppi amminici H3N+, un gruppo carbossilico acido COO− e un atomo di idrogeno. Un gruppo amminico, un gruppo carbossilico acido, un atomo di idrogeno e un gruppo solforico. Un gruppo amminico H3N+, un gruppo carbossilico acido COO− e un gruppo carbonilico. Un gruppo amminico, un gruppo carbossilico acido, un atomo di idrogeno e un gruppo R variabile definito catena laterale.
Quale delle seguenti affermazioni riguardo alle strutture secondarie delle proteine è VERA? Nella stessa proteina non possono coesistere strutture secondarie ad α-elica e β-foglietto. Tutte le precedenti. Le strutture supersecondarie sono domini funzionali in cui semplici strutture secondarie sono combinate tra loro a formare motivi tridimensionali particolari. Le strutture secondarie sono stabilizzate da legami covalenti e mai da interazioni e legami non covalenti.
Quale gruppo di amminoacidi possiede catene laterali in grado di dissociare e liberare un protone H+ in ambiente acquoso? Amminoacidi ramificati BCAA. Amminoacidi acidi. Amminoacidi basici. Amminoacidi aromatici.
Quale gruppo di amminoacidi possiede residui non idonei ad entrare in contatto con l'ambiente acquoso cellulare? Amminoacidi acidi. Amminoacidi neutri con residui polari. Amminoacidi neutri con residui apolari. Amminoacidi basici.
Quanta energia viene consumata dall'enzima glicogeno fosforilasi per liberare una molecola di glucosio mediante glicogenolisi? 1 molecola di GTP 1 molecola di ATP Viene solo utilizzato un fosfato inorganico senza consumo di nucleotidi trifosfati 1 molecola di ATP ogni due residui di glucosio liberati.
Quali fattori sono importanti per la formazione della corretta struttura terziaria di una proteina? Identifica quello NON pertinente. Formazione dei corretti ponti ad idrogeno. Formazione di ponti disolfuro. Corretta sequenza di amminoacidi della catena polipeptidica. Fosforilazione dei residui di tirosina.
Quali di queste strutture NON è una struttura secondaria delle proteine? alfa-elica beta-foglietto antiparallelo Doppia elica sinistrorsa beta-foglietto parallelo.
Ad un valore di pH del mezzo uguale al punto isoelettrico, in quale forma troviamo gli amminoacidi? Forma cationica (carica +) Forma switterionica Forma anionica (carica -) Forma dicationica (carica ++).
Ad un valore di pH del mezzo superiore al punto isoelettrico, in quale forma troviamo gli amminoacidi? Forma cationica (carica +) Sono privi di carica elettrica Forma switterionica Forma anionica (carica -).
Ad un valore di pH del mezzo inferiore al punto isoelettrico, in quale forma troviamo gli amminoacidi? Forma priva di cariche Forma anionica (carica -) Forma switterionica Forma cationica (carica +).
Quale di queste affermazioni sulle proteine globulari è FALSA: Sono proteine insolubili e precipitano in acqua. Possono svolgere attività enzimatica. Sono proteine solubili. Possono possedere domini a "tasca" idrofobici in cui si possono collocare molecole apolari.
Quale è la funzione delle proteine "dineine" e "chinesine"? Trasportano vescicole rispettivamente in senso retrogrado o anterogrado, "camminando" lungo i microtubili. Catalizzano la degradazione dei microtubuli. Catalizzano la formazione di nuovi microtubuli. Trasportano entrambe vescicole solo in senso anterogrado, "camminando" lungo i microtubuli.
Quale caratteristica fondamentale hanno le proteine che attraversano la membrana? Possiedono domini transmembrana costituiti da amminoacidi con catene laterali apolari. Possiedono domini transmembrana costituiti da amminoacidi con catene laterali polari. Possiedono domini transmembrana costituiti da amminoacidi con catene laterali acide. Possiedono domini transmembrana costituiti da amminoacidi con catene laterali basiche.
In che modo le proteine possono associarsi alla membrana? Possono associarsi solo se attraversano la membrana da lato a lato. Possono attraversare la membrana da lato a lato, integrarsi in un singolo strato fosfolipidico o essere ancorate alla membrana. Possono associarsi solo se attraversano la membrana o se si integrano in uno strato fosfolipidico. Le proteine non possono mai associarsi alla membrana.
Il recettore per l'ormone insulina: E' una proteina globulare solubile. E' una proteina di membrana. NON è una proteina di membrana. E' una proteina della matrice mitocondriale.
Quale di queste affermazioni riguardo le proteine di membrana è corretta? Non possono interagire con altre proteine di membrana. Hanno solo ed esclusivamente funzione strutturale. Posseggono uno o più domini composti da amminoacidi con residui idrofobici tali da permettere il posizionamento nel doppio strato fosfolipidico della membrana cellulare Garantiscono l'integrità della membrana che altrimenti sarebbe fragile e suscettibile a rotture.
Il peptide segnale: Viene eliminato tramite taglio proteolitico nel momento in cui la proteina va incontro a maturazione. Fornisce indicazioni sulla destinazione finale della proteina che sta per essere prodotta. Indirizza la sintesi delle proteine di membrana al reticolo endoplasmatico rugoso. Tutte le precedenti affermazioni sono vere.
01. Cosa si intende per accoppiamento energetico? Due reazioni chimiche, entrambe esoergoniche, vengono accoppiate per produrre grandi quantità di energia. L'accoppiamento energetico avviene tra due reazioni chimiche, entrambe endoergoniche al fine di coinvolgere un solo enzima che le catalizzi. Due reazioni chimiche che producono energia per la cellula vengono accoppiate per produrre energia più rapidamente. Due reazioni chimiche, una esoergonica ed una endoergonica vengono accoppiate per riutilizzare l'energia liberata da una reazione, rendendo possibile l'altra reazione accoppiata.
Gli enzimi permettono di... Tutte le risposte ...abbassare la soglia dell'energia di attivazione. ...rompere più facilmente vecchi legami chimici permettendo la formazione di nuovi legami chimici. ...distorcere e destabilizzare legami chimici che devono essere rotti.
Quale delle seguenti affermazioni riguardo agli enzimi è FALSA? Gli enzimi non hanno specificità di substrato. Permettono a reazioni chimiche cellulari che normalmente avverrebbero in tempi molto lunghi, di essere molto rapide e compatibili con i processi cellulari. Abbassare la soglia dell'energia di attivazione, rendendo meno difficile rompere vecchi legami chimici e formarne di nuovi. Accoppiare due reazioni (una esoergonica ed una endoergonica) utilizzando l'energia liberata da una reazione per permettere la realizzazione della reazione accoppiata.
Quale delle seguenti affermazioni riguardo agli enzimi è VERA? Aumentano la loro velocità catalitica con l'aumentare della temperatura (entro l'intervallo di temperatura non denaturante). Tutte le risposte sono corrette. Sono influenzati nella loro attività catalitica dal pH del mezzo. Possono essere interessati da legame con modulatori, attivatori o inibitori dell'attività enzimatica.
01. Il 2,3-bisfosfoglicerato è una molecola presente negli eritrociti ed ha la funzione di: Aumentare l'affinità dell'emoglobina per l'ossigeno, riducendo il rilascio di ossigeno ai tessuti periferici, quando il livello di emoglobina saturata dall'ossigeno è molto basso Diminuire l'affinità dell'emoglobina per l'ossigeno, permettendo un adeguato rilascio di ossigeno ai tessuti periferici, quando il livello di emoglobina saturata dall'ossigeno è molto basso. Aumentare l'affinità dell'emoglobina per l'ossigeno, permettendo un adeguato rilascio di ossigeno ai tessuti periferici, quando il livello di emoglobina saturata dall'ossigeno è molto basso. Diminuire l'affinità dell'emoglobina per l'ossigeno, riducendo il rilascio di ossigeno ai tessuti periferici, quando il livello di emoglobina saturata dall'ossigeno è molto basso.
Identifica l'affermazione errata. La mioglobina differisce dall'emoglobina... ...per la minore affinità per l'ossigeno dell'emoglobina. ...per la maggiore affinità per l'ossigeno dell'emoglobina. ...per la specifica localizzazione muscolare della mioglobina rispetto a quella eritrocitaria dell'emoglobina. ...per la presenza di 4 subunità nell'emoglobina in grado di cooperare allostericamente.
Indicare quale tra queste affermazioni riguardo il gruppo eme NON è corretta: Il gruppo eme è legato non covalentemente ad emoglobina e mioglobina tramite interazione dell'atomo di ferro con un residuo di istidina della proteina. Il gruppo eme nella mioglobina può legare ben 2 molecole di O2 E' costituito da un anello protoporfirinico unito ad un atomo di ferro ferroso ( Fe++ ). Il gruppo eme è definito come "gruppo protestico" delle proteine emoglobina e mioglobina.
Quale è la funzione del gruppo eme nelle proteine emoglobina e mioglobina? Ancora l'emoglobina e la mioglobina a strutture citoscheletriche cellulari. Permette ad emoglobina e mioglobina di interagire con molecole lipofile grazie alla sua struttura policiclica. Permette di legare reversibilmente l'ossigeno molecolare grazie alla presenza di un atomo di ferro ferroso. Permette alla mioglobina e all'emoglobina di mantenere il corretto folding.
Quali tra queste affermazioni riguardo alle differenze tra emoglobina e mioglobina NON è vera? L'emoglobina ha affinità più bassa per l'ossigeno rispetto alla mioglobina. L'emoglobina avendo una struttura quaternaria e 4 gruppi eme, ha una affinità maggiore per l'ossigeno rispetto alla mioglobina. L'emoglobina ha una localizzazione eritrocitaria mentre la mioglobina si trova a livello delle cellule muscolari. L'emoglobina ha una struttura quaternaria composta da 4 subunità, la mioglobina invece ha solo struttura terziaria.
Quale funzione ha il 2,3-bisfosfoglicerato a livello eritrocitario, quando interagisce con l'emoglobina? Va a causare una transizione dell'emoglobina verso uno stato parzialmente rilassato, rendendo il legame con l'ossigeno più facile. Quindi migliora l'ossigenazione. Va a causare una transizione dell'emoglobina verso uno stato parzialmente rilassato, rendendo il legame con l'ossigeno più difficile. Quindi peggiora l'ossigenazione. Va a causare una transizione dell'emoglobina verso uno stato parzialmente teso, rendendo il legame con l'ossigeno più difficile. Quindi peggiora l'ossigenazione. Previene il legame irreversibile dell'emoglobina con il monossido di carbonio.
Quale di queste affermazioni riguardo agli effetti del pH sull'attività enzimatica è FALSA? Il pH ha effetto sull'attività enzimatica poichè modifica lo stato di carica degli amminoacidi che compongono gli enzimi modificandone la struttura tridimensionale. Gli enzimi generalmente non sono influenzati dal pH ma solo dalle variazioni di temperatura. Praticamente tutti gli enzimi hanno un range di pH ottimale per la loro attività. Alcuni enzimi funzionano solo a pH acido e non hanno attività a pH neutro o basico.
L'anidride carbonica prodotta dai processi di respirazione cellulare viene eliminata: Convertito in H2CO3 nei globuli rossi dove dissocia istantaneamente in acido carbonico ( HCO3− + H+ ) e viene rilasciata nel sangue venoso fino a raggiungere i polmoni. Trasportata nel sangue venoso come CO2 disciolta fino a raggiungere i polmoni. Tutte le precedenti. Legata alle proteine (carbaminoemoglobina) e quindi trasportata ai polmoni.
Quale effetto ha un aumento della temperatura sull'attività enzimatica? Diminuisce la velocità catalitica progressivamente fino a denaturazione termica degli enzimi. Diminuisce la velocità catalitica e riduce l'attività enzimatica. Aumenta la velocità catalitica ed aumenta l'attività enzimatica. Aumenta la velocità catalitica fino a che la temperatura non è troppo alta da causare denaturazione degli enzimi.
Quali sono i fattori che possono influenzare la velocità catalitica e l'attività enzimatica? Temperatura e pH. numero di unità enzimatiche e concentrazione del substrato. Concentrazione del substrato e temperatura. Temperatura, pH, numero di unità enzimatiche, concentrazione del substrato.
Quale è la principale differenza tra inibitori enzimatici reversibili competitivi e non competitivi? Gli inibitori competitivi legano l'enzima nel suo sito catalitico mentre gli inibitori non competitivi legano l'enzima in un sito alternativo sull'enzima. Gli inibitori non competitivi legano l'enzima nel suo sito catalitico mentre gli inibitori competitivi legano l'enzima in un sito alternativo sull'enzima. Gli inibitori competitivi sono molto più efficaci dei non competitivi e per proprio questo motivo vengono chiamati inibitori competitivi. Gli inibitori non competitivi non sono specifici per un singolo enzima mentre gli inibitori competitivi sono specifici per un solo enzima o famiglia di enzimi.
Gli acidi grassi vengono definiti saturi se: Nessuna delle risposte è corretta. Possiedono almeno un doppio legame carbonio-carbonio. Possiedono almeno un triplo legame carbonio-carbonio. Possiedono solo legami singoli carbonio-carbonio.
I lipidi sono: sempre solubili in acqua. solubili in acqua ad alte temperature. totalmente idrofobici e mai solubili in acqua. Per la maggior parte idrofobici ma alcuni lipidi possiedono gruppi polari che conferiscono lieve solubilità in acqua.
Le membrane cellulari, nella loro componente lipidica, sono costituite da: un doppio strato fosfolipidico. un doppio strato di sfingolipidi e colesterolo. Nessuna delle precedenti. un doppio strato di triacilgliceroli.
I fosfolipidi sono molecole costituite da una testa polare unita a due acidi grassi polari e possono interagire con molecole sia polari che polari ed essere solubili in entrambi. Per questa loro caratteristica vengono definite molecole: Alifatiche Dipolari Bipolari Anfipatiche.
La presenza di colesterolo a livello delle membrane cellulari può: Diminuire la fluidità della membrana. Aumentare la fluidità della membrana. Tutte le risposte sono corrette. Aumentare la permeabilità della membrana a piccoli ioni.
Individua il completamento errato. "Il colesterolo... ...se presente a livello delle membrane può alterarne la fluidità ma non ha effetto sulla permeabilità a piccoli soluti." ...è in grado di intercalarsi a livello delle membrane cellulari alterandone la fluidità." ...è una molecola caratterizzata da una struttura base policiclica rigida e planare." ...è una molecola anfipatica, dotata di una catena isoprenoide e di un gruppo -OH.".
Quale tra queste funzioni NON viene svolta dal colesterolo? Il colesterolo è utilizzato dalle cellule come precursore di tutti gli ormoni steroidei. Il colesterolo partecipa al trasferimento di elettroni a livello mitocondriale. Il colesterolo partecipa alla formazione dei raft di membrana. Il colesterolo partecipa alla regolazione della plasticità delle membrane.
Quale ruolo ha il colesterolo a livello delle membrane cellulari? Indica la risposta NON corretta. Previene l'eccessivo irrigidimento delle membrane a basse temperature. Aumenta la permeabilità a piccoli soluti. Previene l'eccessivo irrigidimento delle membrane ad alte temperature. Previene l'eccessiva fluidificazione delle membrane ad alte temperature.
Quale di queste componenti lipidiche NON è coinvolta nella regolazione della fluidità delle membrane cellulari? Fosfolipidi Triacilgliceroli Sfingolipidi Colesterolo.
Da dove proviene l'acido arachidonico che viene utilizzato dalle cellule per sintetizzare prostaglandine, prostacicline, trombossani ed altri leucotrieni? Viene rilasciato dai fosfolipidi presenti nelle membrane cellulari. Viene rilasciato dai trigliceridi immagazzinati negli adipociti bianchi. Viene rilasciato dagli sfingolipidi presenti nelle membrane cellulari. Viene rilasciato dai trigliceridi immagazzinati negli adipociti bruni.
L'acido arachidonico è un acido grasso di che tipo? Poliinsaturo omega 6. Monoinsaturo Poliinsaturo omega 3. Monoinsaturo.
Quale domanda riguardo agli ormoni steroidei è FALSA? Gli ormoni steroidei derivano tutti da un unico precursore comune, il colesterolo. Gli ormoni steroidei sono tutte molecole dotate di uno scheletro carbonioso policiclico. Gli ormoni steroidei non sono in grado di entrare all'interno della cellula in assenza del loro trasportatore. Gli ormoni steroidei legano il loro recettore attivandolo.
Quale affermazione riguardo agli ormoni steroidei è VERA? I recettori per gli ormoni steroidei sono tutti localizzati sulla membrana cellulare. Gli ormoni steroidei vengono sintetizzati a partire dagli acidi grassi a lunga catena. Gli ormoni steroidei possono diffondere attraverso le membrane cellulari quindi i loro recettori sono all'interno della cellula. Gli ormoni steroidei possono diffondere attraverso la membrana ma i recettori sono comunque localizzati sulla membrana cellulare.
Quale è il ruolo più importante della vitamina K? Permette l'integrità delle membrane mitocondriali. Partecipa al processo di coagulazione del sangue. Viene ossidato facilmente per produrre energia. Partecipa al processo di sintesi del DNA.
Quale è la più grave conseguenza della carenza di vitamina D nell'infanzia? Forti mal di testa ricorrenti. Affaticabilità muscolare. Rachitismo. Difficoltà nella digestione.
Quale ruolo hanno i tocoferoli (vitamina E) a livello del nostro organismo? Mantengono la fluidità delle membrane mitocondriali. Funzionano come antiossidanti naturali prevenendo il danno ossidativo. Mantengono l'integrità strutturale delle membrane cellulari. Trasportano elettroni nelle reazioni redox cellulari.
Quale ruolo ha il retinale (vitamina A) a livello dell'occhio? Permette la trasmissione dei segnali visivi al cervello, dando inizio alla risposta alla luce nelle cellule della retina. Funziona come antiossidante a livello della retina, impedendo danno delle cellule visive. E' un pigmento dell'occhio e determina il colore dell'iride. Permette la visione notturna quando la luminosità ambientale è scarsa.
Quali tipi di legami chimici sono digeriti grazie all'azione delle α-amilasi? Legami α1→4 glicosidici Legami α1→6 glicosidici Legami β1→3 glicosidici Legami β1→4 glicosidici.
Il ciclo dell'acido citrico permette la completa ossidazione del gruppo acetilico dell'acetil-CoA a CO2. Quale è lo scopo finale di queste reazioni di ossidazione? Entrambe le risposte precedenti. La produzione di coenzimi ossidoriduttivi NAD e FAD ridotti, che in seguito possano trasferire elettroni alla catena respiratoria per sintetizzare grandi quantità di ATP. Nessuna delle risposte precedenti. Permette di accoppiare una delle reazioni esoergoniche intermedie generando 1 molecola di GTP per ogni giro del ciclo.
Quale gruppo di enzimi completa il processo di digestione degli amminoacidi a livello intestinale? Tripsina e chimotripsina. Carbossipeptidasi Elastasi Enzimi dell'orletto a spazzola.
L'enzima proteolitico pepsina, opera a livello gastrico una prima grossolana digestione delle proteine. La pepsina ha una attività limitata ad uno specifico intervallo di pH. A quale valore corrisponde la massima attività di questo enzima? 8-10 2-3 10-12 6-7.
Come si chiama l'enzima intestinale iniziatore e responsabile dell'attivazione a cascata di tutti gli enzimi digestivi pancreatici? Fosfolipasi Enteropeptidasi Carbossipeptidasi Endochinasi.
Per quale motivo il ciclo dell'acido citrico viene appunto definito "ciclo"? Perchè l'attivazione del ciclo dell'acido citrico ha appunto un andamento ciclico durante la giornata. Perchè il prodotto finale del ciclo dell'acido citrico è una molecola ciclica (struttura ad anello). Perchè il prodotto finale ottenuto dall'ultima tappa viene reintrodotto nella prima reazione (reazione di condensazione) permettendo un nuovo giro di ossidazione del substrato. Nessuna delle precedenti.
L'enzima mitocondriale succinato deidrogenasi, è l'unico enzima del ciclo dell'acido citrico ancorato alla membrana mitocondriale interna (mentre gli altri sono liberi nella matrice mitocondriale). Questo enzima ha una duplice funzione, per prima cosa catalizzare l'ossidazione del succinato a fumarato generando FADH2 (forma ridotta del FAD) e... ...riossida immediatamente il FAD trasferendo istantaneamente gli elettroni all'ubichinone ed immettendoli nella catena di trasporto degli elettroni. ...permette di regolare la permeabilità della membrana mitocondriale interna. ...essendo esso ancorato alla membrana, localizza gli altri enzimi del ciclo dell'acido citrico in un punto specifico. ...sfrutta l'energia prodotta dall'ossidazione del succinato per pompare protoni nello spazio intermembrana.
01. Si può distinguere il glicogeno principalmente in glicogeno muscolare e glicogeno epatico. Quale è la funzione di un tipo rispetto all'altro? Il glicogeno muscolare costituisce una riserva energetica specifica per fornire energia al muscolo. Il glicogeno epatico costituisce una riserva di energia per l'intero organismo, specialmente per i tessuti glucosio-dipendenti. Nessuna delle affermazioni è corretta. Il glicogeno muscolare costituisce una riserva energetica specifica per fornire energia al muscolo. Il glicogeno epatico costituisce una riserva di energia per supportare le attività metaboliche epatiche. Il glicogeno muscolare costituisce una riserva energetica specifica per fornire energia al muscolo. Il glicogeno epatico non costituisce una vera riserva energetica ma un immagazzinamento temporaneo.
Quale tra queste affermazioni sulla glicogenina NON è vera? La glicogenina è capace di polimerizzare interamente il glicogeno senza l'ausilio della glicogeno sintasi. E' una proteina "core" a cui si ancorano le estremità riducenti delle molecole di glicogeno. E' l'iniziatore della sintesi del glicogeno svolgendo anche funzione di catalisi enzimatica. Si autoglicosila legando il primo residuo di glicogeno ad un suo residuo dell'amminoacido serina.
Quale substrato viene utilizzato da glicogenina e da glicogeno sintasi per polimerizzare il glicogeno? Glucosio 6-fosfato UDP-glucosio Glucosio 1-fosfato ADP-glucosio.
Ogni quanti residui di glucosio viene inserita una ramificazione durante il processo di sintesi del glicogeno? 18-22 8-12 15-20 3-4.
Quanti enzimi sono coinvolti nel processo di glicogenosintesi? Solo uno, la glicogeno sintasi. 3: Fosfoglucomutasi, glicogenina e glicogeno sintasi. 2: Fosfoglucomutasi e glicogeno sintasi 6: Fosfoglucomutasi, UDP-glucosio pirofosforilasi, pirofosfatasi inorganica, glicogenina, glicogeno sintasi ed enzima ramificante.
Quale di queste affermazioni riguardo al glicogeno è FALSA? E' un polimero del glucosio non ramificato. La glicogenina è la proteine iniziatrice del processo di sintesi del glicogeno. L'insulina stimola la sintesi del glicogeno. Viene immagazzinato principalmente nel fegato e nel muscolo.
Quale è la funzione dell'enzima deramificante? Elimina le ramificazioni del glicogeno durante la sua demolizione. Trasferisce residui di glucosio dal glicogeno ad una nuova molecola di glicogenina. Rimuove ramificazioni di oligosaccaridi presenti sulle membrane cellulari. Genera ramificazioni delle catene principali durante la sintesi del glicogeno.
Quale affermazione riguardo l'enzima deramificante NON è vera? Non necessita dell'intervento di altri enzimi per completare la glicogenolisi. E' un enzima autonomo. Interviene nel processo di glicogenolisi permettendo l'eliminazione delle ramificazioni che si originano dai legami α1→6 glicosidico. Ha doppia attività catalitica, opera prima come trasferasi e poi come α1→6 glicosidasi. Coopera con l'enzima glucosio fosforilasi per completare efficacemente il processo di glicogenolisi.
Quale di queste affermazioni riguardo al metabolismo NON è corretta? Le vie cataboliche sono generalmente convergenti mentre quelle anaboliche sono divergenti. Le vie anaboliche utilizzano molecole semplici come precursori per sintetizzare macromolecole, senza dover però consumare energia. Il metabolismo è costituito dall'insieme di tutte le vie metaboliche cellulari. Le vie cataboliche demoliscono molecole complesse generando molecole semplici, producendo energia.
01. Quale tra queste affermazioni riguardo la glicolisi NON è vera? La glicolisi non necessita di ossigeno ma può avvenire in anaerobiosi. La glicolisi genera 2 molecole di NADH (per riduzione del NAD+) per ogni molecola di glucosio. Il prodotto finale della degradazione del glucosio sono due molecole di piruvato per ogni molecola di glucosio. La via glicolitica ha un bilancio finale di 2 molecole di ATP prodotte a prescindere che sia utilizzato glucosio libero o che sia utilizzato glucosio proveniente da glicogenolisi.
Quale di queste affermazioni riguardanti la regolazione a lungo termine della via glicolitica è FALSA? E' mediata dall'azione degli ormoni insulina e glucagone. E' un processo irreversibile. E' un processo che avviene lentamente ed in seguito a lunga stimolazione ormonale. Modula i livelli di espressione dei geni che codificano per gli enzimi della via glicolitica.
La fosfofruttochinasi-1 (PFK1) è l'enzima che catalizza il "committed step" della glicolisi. Cosa si intende per "committed step"? E' l'unica tappa della via glicolitica soggetta a regolazione allosterica. E' l'unica tappa della via glicolitica che produce un composto ad alto potenziale di trasferimento di gruppi fosfato. E' l'unica tappa regolata della via glicolitica esclusiva solo della via glicolitica e non condivisa con altre vie metaboliche. E' l'unica tappa della via glicolitica a non essere soggetta a regolazione allosterica.
L'enzima fosfofruttochinasi-1 (PFK1) è uno dei 3 enzimi regolati della via glicolitica e costituisce il "committed step" della glicolisi. Per quale motivo la sua regolazione è così importante? Bloccando la PFK1 si blocca la via glicolitica ma non le altre vie metaboliche che utilizzano il glucosio come substrato. Bloccando la PFK1 si inibisce la produzione di glucosio 6-fosfato. Bloccando la PFK1 si bloccano tutte le vie metaboliche che utilizzano il glucosio come substrato. Bloccando la PFK1 si va ad inibire la respirazione mitocondriale.
Per quale motivo in condizioni anaerobiche deve essere prodotto il lattato? Per riconvertire il NADH nella sua forma ossidata. Per smaltire il piruvato in eccesso. Per facilitare il rilascio di elettroni a livello della catena di trasporto. Per produrre nuovo glucosio mediante gluconeogenesi.
Quale ruolo svolge l'enzima lattato deidrogenasi (LDH)? Converte il piruvato in lattato ma può anche convertire il lattato in piruvato. Converte il lattato in ossalacetato. Converte il piruvato in lattato. Converte il piruvato in beta-idrossibutirrato a livello epatico.
Durante l'attività anaerobica viene prodotto lattato a partire dal piruvato. Quale di queste affermazioni é VERA? Entrambe le affermazioni sono vere. Nessuna delle affermazioni è vera. Il lattato può essere trasportato dal muscolo che lo ha prodotto al fegato, dove può essere riconvertito in piruvato. Il piruvato può essere utilizzato dal fegato per produrre nuovo glucosio per gluconeogenesi ed il glucosio può essere nuovamente trasportato al muscolo per la glicolisi. Riducendo il piruvato a lattato, il NADH viene riossidato a NAD+. Questo processo rigenera il NAD per il rientro nella via glicolitica senza dover passare per la respirazione mitocondriale aerobica.
Quale delle seguenti affermazioni riguardo al destino del piruvato nell'uomo è FALSA? Il piruvato può essere utilizzato tramite la via della gluconeogenesi per risintetizzare glucosio. In condizioni aerobiche viene utilizzato per generare acetil-CoA. In condizioni anaerobiche viene utilizzato per produrre lattato. In condizioni anaerobiche viene utilizzato mediante fermentazione alcolica per produrre etanolo.
Quale ruolo ha l'ubichinone nella respirazione cellulare? Riceve elettroni riducendosi ed essendo una molecola mobile e liposolubile può diffondere nella membrana mitocondriale e trasportarli al successivo accettore di elettroni. regola il flusso di protoni attraverso il canale di flusso dell'ATP sintasi. Trasporta direttamente protoni dalla matrice mitocondriale allo spazio intermembrana per generare un gradiente protonico. Si lega all'enzima ATP sintasi attivandolo e permettendo la sintesi di ATP.
Quale di queste affermazioni riguardanti la catena di trasporto degli elettroni è FALSA? La catena di trasporto degli elettroni accoppia reazioni redox esoergoniche con meccanismi di pompa protonica, pompando protoni nello spazio intermembrana. La catena di trasporto degli elettroni riceve elettroni dai coenzimi ossidoriduttivi NAD e FAD ridotti, riossidandoli. Non è necessaria la presenza di ossigeno, il trasporto di elettroni può avvenire anche in condizioni anaerobiche Genera un forte gradiente protonico utilizzato successivamente per la sintesi di ATP da parte dell'ATP sintasi.
Quale affermazione riguardo alla catena di trasporto degli elettroni è FALSA? L'accettore finale degli elettroni è l'ossigeno molecolare che viene ridotto generando molecole di acqua. I complessi di membrana della catena di trasporto degli elettroni ricevono elettroni da NADH e FADH2 L'ubichinone trasporta gli elettroni come navetta mobile diffondendo nella membrana mitocondriale. L'accettore finale degli elettroni è l'ossigeno molecolare che viene ridotto generando molecole di anidride carbonica.
Quale funzione importante svolge la catena di trasporto degli elettroni? Indica l'affermazione NON corretta tra quelle elencate. Utilizza il flusso di elettroni per attivare molteplici vie di trasduzione del segnale. Utilizza il bilancio energetico positivo delle reazioni redox per pompare protoni nello spazio intermembrana. Riduce l'ossigeno molecolare che è accettore finale degli elettroni, generando molecole di acqua. Riceve elettroni dai vari coenzimi ossidoriduttivi in forma ridotta, rigenerandoli nella forma ossidata.
Quali sono le principali caratteristiche dell'ubichinone? Individua l'affermazione errata. Può trovarsi in forma parzialmente ridotta, come radicale semichinonico. E' un coenzima ossidoriduttivo coinvolto nel ciclo di Krebs. Può trasportare elettroni da un complesso della catena di trasporto all'altro. E' una molecola lipofila ed estremamente mobile.
Che tipo di proteina è la termogenina UCP-1? Globulina Proteina canale transmembrana Enzima allosterico Pompa protonica.
Quale di questi elementi NON fa parte del complesso della ATP sintasi? Subunità β della testa Camma y Subunità α della testa UCP-1.
Quale delle seguenti affermazioni riguardanti l'enzima ATP sintasi NON è vera? Il flusso di protoni permette la rotazione sul suo asse della camma γ dell'ATP sintasi. L'attività di sintesi dell'ATP catalizzata dall'ATP sintasi può avvenire anche in anaerobiosi. Sfrutta il gradiente protonico facendo fluire protoni verso la matrice mitocondriale attraverso uno specifico canale. La termogenina (proteina disaccoppiante UCP1) disaccoppia il flusso di protoni dalla ATP-sintasi utilizzando il gradiente elettrochimico per generare calore anzichè produrre ATP.
Quale funzione ha la proteina mitocondriale UCP-1 espressa nei mitocondri del tessuto adiposo bruno? Accetta gli elettroni dall'ubichinolo riossidandolo ad ubichinone. Disaccoppia il gradiente protonico dall'ATP sintasi producendo calore anzichè energia. Stabilizza il complesso della ATP-sintasi potenziando la produzione di energia. Facilita il trasporto di protoni operato dalla catena di trasporto degli elettroni verso lo spazio intermembrana.
Alcuni acidi grassi non possono essere direttamente ossidati ma richiedono dei passaggi enzimatici aggiuntivi per la corretta e completa β-ossidazione. Di quali acidi grassi si tratta? Acidi grassi a catena corta. Acidi grassi con catena pari. Acidi grassi mono e poliinsaturi. Acidi grassi saturi.
Quale molecola, importante intermedio metabolico viene prodotta ad ogni ciclo di β-ossidazione di un acido grasso? Aril-CoA Acetil-CoA Succinil-CoA Acil-CoA.
Quante molecole di acetil-CoA vengono prodotte dalla corretta β-ossidazione di una molecola di acido stearico (acido grasso 18:0 )? 6 7 9 8.
La successione di eventi in grado di produrre la quantità maggiore di energia, mediante ossidazione degli acidi grassi, consiste nelle seguenti fasi: β-ossidazione degli acidi grassi, immissione dell'acil-CoA prodotto nel ciclo dell'acido citrico e trasferimento degli elettroni prodotti alla catena respiratoria β-ossidazione degli acidi grassi, sintesi dei corpi chetonici a partire dall'acetil-CoA prodotto, esportazione dei corpi chetonici. β-ossidazione degli acidi grassi, immissione dell'acetil-CoA prodotto nel ciclo dell'acido citrico e trasferimento degli elettroni prodotti alla catena respiratoria. Nessuna delle precedenti è corretta.
Quante molecole di acetil-CoA vengono prodotte dalla corretta β-ossidazione di una molecola di acido palmitico (acido grasso 16:0 )? 6 10 8 5.
Quante molecole di acetil-CoA vengono prodotte dalla β-ossidazione di un acido grasso saturo con una catena di 16 atomi di carbonio? 9 12 8 7.
Per quale motivo la carnitina, considerata, "brucia grassi" ed utilizzata spesso come integratore dietetico è importante nel metabolismo dei lipidi? Permette il trasporto dei precursori del catabolismo lipidi all'interno del mitocondrio mediante un sistema a navetta. Attiva le lipasi cellulari. Tutte le affermazioni sono corrette. Si lega ai lipidi rendendoli polari e impedisce l'attraversamento della membrana delle cellule adipose.
Il D-β-idrossibutirrato viene prodotto nel fegato e trasportato attraverso il sangue ad altri tessuti dove può essere utilizzato dalle cellule. In quale modo questa molecola viene utilizzata? Viene scisso in due molecole di acetil-CoA che possono quindi essere ossidate per produrre energia. Viene utilizzato per la biosintesi di alcuni amminoacidi. Stimola il metabolismo cellulare. Induce l'espressione di geni per il metabolismo energetico.
Cosa si intende per "amminoacidi chetogenici"? Possono essere utilizzati per la biosintesi di corpi chetonici. La loro catena laterale è sostituita con un corpo chetonico. Vengono sintetizzati partendo da corpi chetonici. Possono legare i corpi chetonici per favorire il loro trasporto.
Quale di queste affermazioni riguardanti il ciclo glucosio-alanina è corretta? Tutte le affermazioni sono vere tranne una. Il ciclo glucosio-alanina permette la gluconeogenesi epatica e il ritorno di glucosio al muscolo. Il ciclo glucosio-alanina permette di trasportare i gruppi amminici in forma non tossica al fegato. Il ciclo gucosio-alanina permette di utilizzare glucosio per produrre alanina e permettere la sintesi proteica.
Quali molecole vengono prodotte dalla transamminazione degli amminoacidi? L-glutammato ed α-chetoglutarato. L-glutammina ed L-glutammato. Ammoniaca L-glutammato e l’α-chetoacido corrispondente dell’amminoacido deamminato.
Quale funzione ha il biciclo di Krebs? Permette di ossidare gli acidi grassi. Reintroduce prodotti intermedi del ciclo dell'urea come intermedi metabolici del ciclo di Krebs. Accelera il ciclo di Krebs in modo tale che avvenga due volte più rapidamente. Nessuna delle risposte.
05. Nelle reazioni di transamminazione, Il gruppo α-amminico di un amminoacido viene trasferito all’atomo di carbonio α dell’ α-chetoglutarato, generando l’α-chetoacido corrispondente. Quale è lo scopo biologico di questa reazione? Trasferire gruppi amminici come gruppi prostetici su alcune proteine, rendendole biologicamente attive. Distaccare gruppi amminici dagli amminoacidi e liberarli nel sangue come gruppi amminici liberi. La raccolta dei gruppi amminici derivanti da diversi tipi di amminoacidi, in un unico prodotto universale, l’ L-glutammato. Esso diventa donatore universale del gruppo amminico per le vie biosintetiche o per le reazioni delle vie di eliminazione dei prodotti azotati di scarto. Nessuna delle risposte è corretta.
Quale è la principale differenza che contraddistingue il catabolismo degli amminoacidi da quello di acidi grassi e glucosio? Identifica la risposta corretta. Il catabolismo degli amminoacidi avviene in tempi molto più rapidi rispetto agli altri due. Il catabolismo degli amminoacidi non avviene mai a livello mitocondriale. Il catabolismo degli amminoacidi prevede sia l'eliminazione dell'azoto che l'ossidazione degli scheletri carboniosi. Il catabolismo degli amminoacidi non genera energia.
Quale è la funzione della creatina nel sistema ATP-CP? Permette all'ADP di essere degradata ad AMP segnalando il basso stato energetico della cellula. Viene ossidata per produrre ATP a livello mitocondriale. Viene convertita in fosfocreatina durante l'esercizio per mantenere alta la carica energetica muscolare. Viene convertita in fosfocreatina nelle fasi di riposo e cede il fosfato all'ADP per ripristinare ATP durante l'esercizio.
Quale tra queste affermazioni riguardo allo smaltimento del lattato prodotto a livello muscolare è FALSA? Può essere captato dal cervello ed altri organi che lo possono convertire in piruvato ed ossidare per produrre energia. Può essere convertito in BCAA nelle fibre muscolari di tipi II. Può essere captato dal fegato ed utilizzato per produrre glucosio mediante gluconeogenesi. Può essere captato da muscolo cardiaco e fibre muscolari di tipo I per essere riconvertito in piruvato ed ossidato.
Quale è la funzione dei reagenti DTT e β-mercaptoetanolo nel trattamento delle proteine? Agenti riducenti Inibitori delle fosfatasi Agenti ossidanti Detergenti non ionici.
Quale di queste funzioni NON è una funzione Triton X-100 utilizzato nei buffer di omogenizzazione e lisi cellulare? Solubilizzazione delle proteine con scarsa solubilità in acqua Permeabilizzante delle membrane Agente riducente dei ponti disolfuro Solubilizzazione delle proteine di membrana.
Quale è la funzione dei tamponi salini nei buffer di omogenizzazione e lisi cellulare? Mantenere il pH dell'estratto entro un range prestabilito Creare un ambiente della soluzione globalmente riducente Permeabilizzare le membrane cellulari Disgregare gli organelli cellulari.
Cosa si intende per trasmittanza dei campioni nell'analisi spettrofotometrica? La quantità di radiazione trasmessa attraverso il cammino ottico prima di aver aggiunto il campione La quantità di radiazione ritrasmessa dal campione verso la sorgente. La quantità di radiazione trasmessa dalla sorgente al campione da analizzare. La quantità di radiazione non assorbita e quindi trasmessa attraverso il campione.
Nel metodo di dosaggio spettrofotometrico diretto delle proteine, quali molecole contribuiscono all'aumento dell'assorbanza delle proteine persovrapposizione dello spettro di assorbimento? Fosfolipidi Trigliceridi Acidi nucleici Glicogeno.
Per quale scopo viene utilizzata la gel filtrazione? Individua la risposta errata. Frazionamento per peso molecolare Eliminazione di contaminanti Eliminazione di sali Estrazione di una specifica proteina.
Quale è la caratteristica peculiare della cromatografia per affinità? Specificità di bersaglio Rapidità di esecuzione Costi di esecuzione ridotti Nessuna caratteristica elencata è corretta.
Nelle colonne per gel filtrazione, quali molecole vengono eluite più rapidamente? Proteine prive di carica di superficie Enzimi Proteine a più basso peso molecolare Proteine ad più alto peso molecolare.
Quali proteine vengono trattenute dalla matrice delle colonne cromatografiche a scambio anionico? Proteine con carica di superficie positiva Proteine con domini idrofobici esposti Proteine con carica di superficie negativa Proteine in condizioni switterioniche.
Quali proteine vengono trattenute dalla matrice delle colonne cromatografiche a scambio cationico? Proteine con carica di superficie negativa Proteine con carica di superficie positiva Proteine con domini idrofobici esposti Proteine in stato switterionico.
In che modo le proteine vengono separate nell'elettroforesi bidimensionale? Prima in base al peso molecolare e poi in base al punto isoelettrico Prima in base al punto isoelettrico e poi in base al peso molecolare Prima in base al volume della proteina e poi in base al peso molecolare Prima in base al punto isoelettrico e poi in base alla conformazione della proteina.
Nell'elettroforesi SDS-page, quali proteine migrano più velocemente verso il basso? Proteine in condizioni switterioniche Proteine a basso peso molecolare Proteine con carica di superficie negativa Proteine ad alto peso molecolare.
Quale è la funzione del sodio dodecilsolfato (SDS) nell'elettroforesi per le proteine? Conferisce carica negativa a tutte le proteine Agente chelante Agente ossidante Agente riducente.
Quale di queste molecole è un intermedio del ciclo di Krebs? Acetoacetil-CoA Acido glutammico Argininosuccinato Malato.
Il dosaggio proteico spettrofotometrico, sia diretto che colorimetro, è una tecnica di quantificazione relativa. Cosa è quindi necessario realizzare al fine di ottenere un valore reale di concentrazione? Realizzare una retta di taratura con proteina standard Eliminare contaminanti dal campione (esempio lipidi e carboidrati) Diluire il campione.
Quale funzione hanno gli agenti riducenti utilizzati per il trattamento delle proteine? Riducono i ponti bisolfuro presenti nelle proteine Conferiscono carica negativa alle proteine Alterano il punto isolelettrico delle proteine.
Quale è il corretto ordine delle operazioni da compiere per realizzare un western blotting? Trasferimento, colorazione, separazione, visualizzazione Separazione, trasferimento, colorazione, visualizzazione Visualizzazione, separazione, colorazione, trasferimento.
Quale tra questi reagenti è un agente denaturante Sodio dodecilsolfato Ditiotreitolo Beta-mercaptoetanolo.
Quale tecnica cromatografica ha specificità di bersaglio? Cromatografia a scambio cattolico Gel filtrazione Cromatografia per affinità.
Quale è la funzione del Triton X-100 Agente denaturante Tensioattivo non ionico Agente riducente.
Quali proteine vengono eluite prima utilizzando una colonna per gel filtrazione? Proteine non elettricamente cariche Proteine a basso peso molecolare Proteine ad alto peso molecolare.
Durante l'isoelettrofocalizzazione, in quale direzione migrano le proteine? Verso il polo negativo della strip Verso il polo positivo della strip Verso il polo di segno opposto fino a raggiungere il PI.
Quale enzima è responsabile della mobilizzazione degli acidi grassi del tessuto adiposo? Fosfolipasi Colipasi Lipasi ormone-sensibile Collagenasi.
Quale di queste molecole non è un intermedio della fase preparatoria alla polimerizzazione del glicogeno? Glucosio 1-fosfato Glucosio 1,6-bifosfato UDP-glucosio Fruttosio 1,6-bifosfato.
Quale è l'unico enzima della via glicolitica che catalizza una reazione irreversibile nelle condizioni cellulari? Glucochinasi Fosfofruttochinasi 1 Fosfoesosio isomerasi Piruvato deidrogenasi.
Quale di queste vie metaboliche NON è una via ciclica? Glicolisi Urea Krebs Acido citrico.
Report abuse Terms of use
HOME
CREATE TEST
COMMENTS
STADISTICS
RECORDS
Author's Tests