option
My Daypo

Lett lat

COMMENTS STADISTICS RECORDS
TAKE THE TEST
Title of test:
Lett lat

Description:
Letteratura latina I

Author:
Pico
(Other tests from this author)

Creation Date:
29/11/2022

Category:
Others

Number of questions: 119
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Last comments
No comments about this test.
Content:
Il proemio del DRN mette in luce _______del materialismo epicureo. la visione organica l'arbitrarietà la casualità il meccanicismo.
Esattamente, il tema chiave nel proemio del DRN è: il piacere come forza generativa della Natura la forza del piacere come degenerativa della Natura il piacere il dolore.
Significativa nel proemio del DRN è la ripetizione dell'avverbio______ avide timide cupide rapide.
Ferae e pecudes nel proemio del DRN sono rispettivamente: gli animali domesticati e quelli selvatici le fiere e le feste gli animali selvatici e quelli domesticati i felini e le pecore.
Lo stile di L. visto finora è caratterizzato: dall'uso di forme della lingua parlata dall'uso di allegorie dall'uso di metafore dall'uso di forme arcaiche.
Una cesura, in metrica, si trova all'interno di parola all'inizio di un verso tra due parole alla fine di un verso.
una sillaba chiusa è facilmente individuabile perché: non ha vocali la sua vocale è seguita da una sola consonante sta alla fine del verso la sua vocale è seguita da almeno due consonanti.
una sillaba chiusa è: breve sempre breve quasi sempre lunga sempre lunga quasi sempre.
un dittongo è: raramente lungo raramente breve sempre lungo sempre breve.
un dittongo è formato da: una vocale più una semivocale che fa da consonante una vocale più una semiconsonante che fa da vocale due vocali separate due vocali unite.
Una cesura è: una pausa alla fine del verso una pausa a metà di un metron (o piede) una pausa alla fine di un metron (o piede) una pausa in qualunque posizione del verso.
L'esametro usato da Lucrezio è formato da: 6 metra trocaici 6 metra dattilici 6 metra dattilici catalettici 4 metra giambici.
L'epicureismo a Roma era per lo più ignorato adorato apprezzato disprezzato.
Il modello per il DRN è: Democrito Euripide Empedocle Virgilio.
La notizia sulla "pazzia" di Lucrezio ci viene da: Epicuro Girolamo Donato Cicerone.
Lévi-Strauss è un antropologo che: ha applicato le tesi funzionaliste alla zooantropologia ha studiato il totemismo in termini zooantropologici ha indagato sul cervello umano ha studiato per primo la zooantropologia degli antichi.
Lucrezio e Seneca sono: l'uno epicureo, l'altro stoico l'uno cinico, l'altro stoico l'uno stoico, l'altro epicureo l'uno epicureo, l'altro scettico.
Generalmente la visione morale antica giudicava gli animali: estranei alla natura umana ma in grado di offrire degli esempi morali partecipi della natura umana ed in grado di condividerne la visione incapaci di intendere e di volere estranei alla natura umana.
La zooantropologia studia: il modo in cui le culture umane "pensano" gli altri animali il mondo degli animali come separato da quello degli uomini gli animali che vivono accanto all'uomo il modo in cui le culture umane "pensano" gli altri organismi viventi.
La cultura che l'antropologo può studiare sul campo è quella: innata indefinibile a priori a cui appartiene egli stesso appresa.
L'etnografia è una disciplina: individuale comparativa descrittiva collettiva.
L'antropologia anzitutto studia le somiglianze e le differenze fra: culture letterature etnie esseri umani.
I segni più diffusi in una cultura sono quelli: invisibili arbitrari linguistici udibili.
L'antropologia aiuta a vedere la propria esperienza del mondo come: assoluta costante relativa reale.
Lucrezio riprende da Filodemo di Gàdara: l'uso della poesia l'amore per i canti l'uso della prosa l'amore per gli dei.
In DRN I, 29-43 è notevole il ribaltamento del tòpos della selvaggia brutalità (ferinitas) animale il ribaltamento del tòpos della selvaggia brutalità (ferinitas) umana il ribaltamento del tòpos della felicità umana il ribaltamento del tòpos della felicità animale.
Filodèmo di Gàdara era: un maestro epicureo greco di stanza in Campania un maestro cinico latino di stanza in Campania un saggio epicureo latino un epicureo campano.
Il riferimento alla pax "venusiana" nel proemio del DRN è: nessuna delle altre risposte a questa domanda è giusta sia filosofico che politico sia filosofico che metafisico sia politico che sociale.
A differenza di Filodèmo, Lucrezio non pone la razionalità come discrimine uomo/altri animali considera l'infelicità degli altri animali considera gli altri animali come inferiori all'uomo tutte e tre le altre risposte presentate sono giuste.
L' "animalismo" di Lucrezio si basa su: il piacere catastematico che gli altri animali hanno per natura anticreazionismo tutte e tre le altre risposte presentate sono giuste assenza di discrimine uomo/altri animali.
Adýnaton in greco significa: cosa potente cosa impotente cosa possibile cosa impossibile.
L'adýnaton usato da Lucrezio, Virgilio Orazio è del tipo detto: inversio naturae deversio naturae reversio naturae conversio naturae.
"Ecloghe" letteralmente significa: (poesia) cantata (poesia) bucolica (poesia) legata (poesia) scelta.
Teocrito è un: poeta bucolico poeta lirico poeta tragico poeta giambico.
Titiro è: un soldato siracusano un agricoltore siracusano un agricoltore "raccomandato" un agricoltore triste perché ha perso la sua terra.
Il primo motivo per cui Lucrezio usa l'adynaton di conversio naturae in modo diverso dalla tradizione è: riguarda i vegetali riguarda tutti gli organismi viventi riguarda gli animali riguarda l'essere umano.
Il secondo motivo per cui Lucrezio usa l'adynaton di conversio naturae in modo diverso dalla tradizione è: riguarda il futuro riguarda il presente riguarda il passato più profondo riguarda il passato recente.
L'epòdo è: un verso della tragedia un verso dell'epos il verso della poesia ditirambica il verso della poesia giambica.
Orazio è l'autore principale del genere: oratorio satirico storico epico.
I giambografi presi a modello da Orazio sono: Giamblico e Tirteo Archiloco e Ipponatte Archiloco e Senofane Alceo e Ipponatte.
L'idea dell'uomo come beniamino della natura è tipica: delle religioni di gran parte delle religioni di religioni antiche di religioni moderne.
Le religioni sono per gli antropologi: delle visioni del mondo impossibili da definire delle cornici teologiche delle cornici interpretative delle categorie metafisiche impossibili da definire.
Durkheim era un: etnografo socio-antropologo teologo filologo.
Il verticalismo zooantropologico nella tradizione occidentale è chiamato: nessuna delle altre risposte a questa domanda è giusta scala colturae mala natura scala naturae.
Lucrezio combatte il verticalismo zooantropologico: degli scettici degli stoici dei cinici degli epicurei.
In DRN I, 248-264 il brano analizzato evidenzia la visione zooantropologica di Lucrezio come: lateralistica orizzontalistica mentalistica verticalistica.
Gr. klìmax 'scala' in DRN I, 248-264 si riferisce: alla differenza tra essere umano e gli altri animali tutte e tre le altre risposte presentate sono giuste al tono del passo che sale gradualmente di intensità alla scala naturae.
Il termine "idilli" con cui Teocrito chiamava si suoi componimenti significa: specchietti quadretti elementi poemetti.
Si può dire che lo stile di Lucrezio è caratterizzato da "arcaismi"? no più no che sì sì impossibile dirlo esattamente.
Perché si può dire che il passo in DRN I, 248-264 fa da pars construens: perché costruisce il poema perché critica una teoria anziché limitarsi a costruirne un'altra perché costruisce una teoria anziché limitarsi a criticarne un'altra perché il poeta costruisce il brano in modo stilisticamente armonico.
Una sententia in ambito stilistico è: una frase che compare all'inizio di un discorso una frase in cui siano dati dei giudizi lapidari una frase ad effetto che chiude un ragionamento una frase che compare alla fine di un'orazione.
mens in latino significa ragionamento e intenzione ragionamento e mistificazione ragionamento e semplificazione ragionamento e attuazione.
In DRN I, 248-264 Lucrezio attribuisce in particolare una mens a: degli uccelli delle pecore dei buoi dei cervi.
In Lucrezio DRN I, 248-264 penitus pereunt è: una climax una anafora un'allitterazione una metafora.
Lucrezio (ed Epicuro) riprendono la teoria atomica da _________ Empedocle Democrito Virgilio Euripide.
nell'exemplum della mucca in cerca del vitellino Lucrezio rappresenta l'orizzontalità zooantropologica solo sul piano affettivo l'orizzontalità zooantropologica solo sul piano cognitivo l'orizzontalità zooantropologica sul piano affettivo-cognitivo nessuna delle altre risposte a questa domanda è giusta.
Lat. religio significa: "religione" in quanto fervore religioso tutte e tre le altre risposte presentate sono giuste "superstizione" attenersi al volere degli dei.
Per Lucrezio il discrimine tra uomo e altri animali sta nell'uso della parola: più sì che no sì no impossibile rispondere perché egli non vede tale discrimine.
L'Ifigenia in Aulide è una commedia di: Euripide Eschilo Sofocle nessuno dei 3.
La differenza tra gli individui di una stessa specie serve, secondo Lucrezio: perché i figli possano riconoscere i genitori perché i genitori possano riconoscere i figli perché i genitori riconoscano i propri figli e viceversa perché la riserva dei geni della specie possa incrementare.
Antioco di Ascalòna fu un: filosofo storico retore poeta.
Cicerone scrisse il De Officiis: dopo il 55 prima del 55 prima del 45 dopo il 45.
Polìstrato fu: storico filosofo poeta retore.
"disnificazione" di un animale significa: annullamento della sua individualità affermazione della sua individualità annullamento della sua animalità affermazione della sua animalità.
La mucca dell'episodio lucreziano (DRN II, 352-370): può parlare non può provare nessun sentimento prova sentimenti riguardo ad un evento appena occorso nel presente prova sentimenti riguardo ad un evento passato.
Lo schiacciamento isocronico è attribuito agli altri animali da: Lucrezio Polìstrato Epicuro Catullo.
Il verticalismo zooantropologico di Sallustio è ispirato da: l'idealismo platonico il determinismo di Leucippo il meccanicismo democriteo nessuna delle altre risposte a questa domanda è giusta.
Sallustio è celebre per: le sue quattro monografie storiche le sue tre monografie storiche la sua sola monografia storica le sue due monografie storiche.
Sallustio dice che "la natura ha fatto il bestiame prono" intendendo che: lo ha fatto rivolto al cielo e non alla terra nessuna delle altre risposte a questa domanda è giusta essendo a 4 zampe, è rivolto alla terra, quindi al corpo essendo a 4 zampe, è ben saldo nello spirito.
Sallustio vive: nel II sec. d.C. nel I sec. d.C. nel I sec. a.C. nel II sec. a.C. .
Seneca, praticando il vegetarianesimo, sente______più vivace: la sua anima il suo corpo il suo fisico il suo spirito.
Seneca interrompe il suo regime vegetariano perché proibito per legge da: Claudio Caligola Tiberio Nerone.
Seneca si fa vegetariano per ragioni: anzitutto filosofico-morali anzitutto salutiste anzitutto animaliste anzitutto morali.
In Seneca, ep. 108, Sozione fa una similitudine tra animali e: piante funghi rocce pianeti.
Sozione ritiene che: l'anima sia immortale e alla fine si ricongiunga al lògos l'anima sia immortale e passi di corpo in corpo l'anima sia mortale, come gli epicurei l'anima sia immortale ma, lasciato il corpo, non si può sapere dove andrà.
Per Sozione (Seneca, ep. 108) non mangiare animali garantisce al saggio pitagorico: innocentia impudentia indecentia impudicitia.
Due animali rappresentati come simboli di ferinità da Sozione (Seneca, ep. 108) sono: leoni e cinghiali leoni e avvoltoi leoni e aquile leoni e faine.
Abitudine alla crudelitas è per Sozione (Seneca, ep. 108) abitudine a: la crudeltà il crudivorismo lo spargimento di sangue la cattiveria.
Seneca critica una dieta troppo varia perché: fa male allo spirito tutte e tre le altre risposte presentate sono giuste fa male alla salute fa male alla morale.
sanguis e cruor sono sinonimi: no solo in parte sì impossibile da stabilire.
Il trattato sul mangiare carne che presenta analogie col passo senecano (in ep. 122) è di: Aristarco Plotino Platone Plutarco.
L'animalismo di Seneca (ep. 122) si rivolge anche contro: le condizioni degli animali selvatici la sofferenza degli animali d'allevamento la crudeltà degli animali in natura tutte e tre le altre risposte presentate sono giuste.
La preferenza senecana per il vegetarianesimo si dirige contro____ e ____degli alimenti carnei: l'eccesso; l'eleganza la necessità; la prelibatezza l'eccesso; lo spreco la penuria; la bontà.
In Seneca (ep. 122) la_______del vitto dei crapuloni causa l'innaturalità delle condizioni di vita degli animali: innaturalità accettabilità povertà reperibilità.
In Seneca (ep. 122) la prova più schiacciante che l'ordine naturale è stato ribaltato è: la condanna degli animali alla cecità la follia degli esseri umani la prigionia degli animal la condanna degli animali all'obesità.
Quale dei maestri dello stoicismo ha fondato l'ethologia? Posidonio Cleante Zenone Panezio.
L'ethologia è per Seneca una disciplina: scientifico-morale retorica artistica scientifica.
Il "campanello d'allarme" ignorato dagli umani nell'esempio posto da Seneca (ep. 59) è: la sete la sazietà il freddo il caldo.
Gli animali in Seneca sono maestri di "naturalità" nel comportamento_____: artistico militare mentale alimentare.
Gli animali per Seneca sono "specchio positivo": sempre mai dipende dalle opere prese in esame impossibile dire.
Tra le novità della visione orizzontalistica degli animali non umani in Lucrezio NON c'è: la coscienza del tempo la coscienza degli affetti parentali la dignità di individui la coscienza di classe.
La centralità della conoscenza percettivo-sensoriale è vista come pericolosa: perché può allontanare animali umani e non umani perché può facilitare una visione antropocentrica della realtà nessuna delle altre risposte a questa domanda è giusta perché marca la superiorità degli animali umani su quelli non umani.
Quanti macronuclei tematici sono contenuti nelle Georgiche: tre due cinque quattro.
Le Georgiche sono un poema didascalico: in 10 libri in 12 libri in 6 libri in 4 libri.
Il modello principale per Virgilio nelle Georgiche è: Empedocle Lucrezio Esiodo Omero.
Il "nirvana" del saggio epicureo è, per Lucrezio, osservare tutto: con animo violento con animo pacato con distacco con cinismo.
Il mito dell'avversione "nevrotica" di L. all'amore fisico sarà invece: avversione a tutto ciò che può turbare il sapiente incapacità di controllare l'istinto chiaro indizio di una forte delusione amorosa voglia d'amore repressa.
La donna umana è per Lucrezio falsa nel mostrare all'uomo il piacere sessuale che prova incapace di amare più passionale di una cavalla non sempre falsa nel mostrare all'uomo il piacere sessuale che prova.
L'idea della femmina "simulatrice" in amore è indice: di una società fortemente maschile di scarsa esperienza di grande esperienza di una nevrosi in Lucrezio.
A livello etnotassonomico le cavalle (in DRN IV, 1192 sgg.) rappresentano: l'unico nome di "specie generica" tra nomi di "forme di vita" l'unico nome di "forme di vita" tra nomi di "specie generica gli unici animali di sesso femminile presenti nell'elenco lucreziano gli unici quadrupedi presenti nell'elenco lucreziano.
Il gelo viene considerato da Lucrezio (DRN, V 218 sgg.): un agente atmosferico che cade dal cielo un prodotto atmosferico dipendente dalla temperatura nebbia pioggia fredda.
Il creazionismo è considerato da Lucrezio come: un'idea da stupidi un'idea poco diffusa una grande idea un'idea plausibile.
Lucrezio (DRN, V 218 sgg.) paragona il neonato umano a: un operaio un soldato un artigiano un marinaio.
La prima prova anticreazionista di Lucrezio (DRN, V 200 sgg.) è: la grandezza della terra la piccolezza della terra l'utilità di molte parti della terra l'inospitalità di molte parti della terra.
La seconda prova anticreazionista di Lucrezio (DRN, V 218 sgg.) è: la mansuetudine di molti animali per l'uomo l'inutilità e il pericolo per l'uomo di molti animali l'inutilità di molti animali per l'uomo l'utilità di molti animali per l'uomo.
La terza prova anticreazionista di Lucrezio (DRN, V 218 sgg.) è: la condizione dell'essere umano da adulto la condizione dell'essere umano adolescente la condizione dell'essere umano da neonato la condizione dell'essere umano in generale.
L'idea del cucciolo d'uomo privo di tutto si trova espressa nel______ platonico: Filebo Protagora Cratilo Critone.
Seneca rilegge il mito del Protagora: negandone le implicazioni positive per l'essere umano negandone le implicazioni negative per l'essere umano rafforzandone le implicazioni negative per l'essere umano rafforzandone le implicazioni positive per l'essere umano.
L'opera in cui Seneca enfatizza la sua posizione antropocentrica in zooantropologia è: De clementia De beneficiis Hercules furens Naturales Quaestiones.
Seneca afferma che l'essere umano occupa sulla terra la________posizione in termini di potere sulle cose della terra seconda quarta prima terza.
L'affermazione che quello umano è un animale "politico" è di: Platone Epicuro Aristotele Cicerone.
La pòlis, secondo Aristotele, basa la sua unità: sul lógos sulla foné sul kairós sulla túkhe.
Il mito del Protagora viene usato come cartina di tornasole per misurare: l'antropocentrismo speciecentrico tutte e tre le altre risposte presentate sono giuste lo speciecentrismo l'antropocentrismo.
Per Cicerone la "inermità" (mancanza di armi) fisica dell'essere umano è compensata da: la vita sociale la ragione e la vita sociale la forza fisica la ragione.
Per Seneca (ben. 4, 18) la "inermità" (mancanza di armi) fisica dell'essere umano è compensata da: la ragione la forza fisica la ragione e la vita sociale la vita sociale.
Il mito dell'aurea aetas si trova espresso per la prima volta in: Esiodo Platone Eschilo Omero.
L'aurea aetas in Lucrezio ______ l'essere umano: riguarda si estende a non riguarda non si estende a.
La condanna della guerra in Lucrezio è: assente esplicita diretta deducibile da varie osservazioni.
Nel passo fondamentale dell'elogio di Epicuro emerge: il forte antimilitarismo lucreziano la venerazione di Lucrezio per il suo maestro il pragmatismo lucreziano antimilitarismo, pragmatismo, venerazione di discepolo.
Report abuse Terms of use
HOME
CREATE TEST
COMMENTS
STADISTICS
RECORDS
Author's Tests