option
My Daypo

Prova emo

COMMENTS STADISTICS RECORDS
TAKE THE TEST
Title of test:
Prova emo

Description:
Prova emo1

Author:
Gaiac
(Other tests from this author)

Creation Date:
05/05/2022

Category:
Others

Number of questions: 551
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Last comments
No comments about this test.
Content:
Nell'antichità, durante il processo di trapanazione: Venivano inflitte lesioni craniche al fine di "liberare" i soggetti delle fobie Venivano inflitte lesioni craniche al fine di "liberare " i soggetti da colpe commesse Venivano inflitte lesioni craniche al fine di curare i soggetti con pressione endocranica elevata Venivano inflitte lesioni craniche al fine di "liberare " i soggetti con comportamenti anormali .
I neuroni: Sono in grado solo di ricevere ma non elaborare e trasmettere impulsi nervosi. Sono in grado solo di elaborare e trasmettere impulsi nervosi. Sono in grado di ricevere, elaborare e trasmettere impulsi nervosi. Sono in grado solo di trasmettere impulsi nervosi .
Il colorante di Golgi è: Una soluzione di cromato d'oro Una soluzione di cromato di rame Una soluzione di cromato d'alluminio Nessuna di queste risposte .
Cajal sostenne: Che le differenti cellule nervose sono connesse in maniera continua e devono comunicare per contatto e non per continuità Che le differenti cellule nervose non sono connesse in maniera continua e devono comunicare per contatto e non per continuità Che le differenti cellule nervose sono connesse in maniera continua e devono comunicare per contatto Nessuna di queste risposte .
Il Sistema Nervoso Centrale: Non comprende il cervelletto È suddiviso in encefalo e midollo spinale È formato prevalentemente da cellule gliali Nessuna di queste risposte .
Il Sistema Nervoso Periferico: Comprende il cervelletto È l'insieme nervi che si possono individuare all'interno del SNC È l'insieme dei nervi che si possono individuare all'esterno del SNC Nessuna di queste risposte .
Il Sistema Nervoso Periferico: È l'insieme dei nervi che si possono individuare all'interno all'interno del SNC Comprende il cervelletto Comprende il midollo spinale Nessuna di queste risposte .
Lo sviluppo dell'encefalo ha inizio con: Il formarsi del prosencefalo Il formarsi del telencefalo Il formarsi del diencefalo Nessuna di queste risposte .
Il tronco encefalico comprende: Cervelletto e gangli della base I gangli della base e bulbo Mesencefalo, Ponte, Bulbo I gangli della base .
Vengono chiamati scissure: I piccoli solchi tra le circonvoluzioni Gli ampi solchi tra le circonvoluzioni Le creste delimitate dalle fessure Nessuna di queste risposte .
Le cellule che costituiscono il SNC sono: Solo neuroni Neuroni e cellule di Schwann Neuroni e cellule gliali Solo cellule gliali .
L' apoptosi è: Un processo patologico Non avviene nei neuroni È la conseguenza di una patologia Un processo fisiologico .
La teoria cellulare sostiene che: Non tutti i tessuti sono costituiti da unità microscopiche chiamate cellule Alcuni tessuti sono costituiti da unità microscopiche chiamate cellule Nessuna di queste risposte Tutti i tessuti sono costituiti da unità microscopiche chiamate cellule .
L' apoptosi è: Non avviene nei neuroni Nessuna delle alternative Un processo patologico È la conseguenza di una patologia .
La morte neuronale dovuta a processi patologici si chiama: Nessuna di queste risposte Necrosi Mitosi Apoptosi .
La neuroglia: È la principale tipologia cellulare del SNC Ha funzione principalmente di sostegno Non è presente nel SNC Conduce impulsi nervosi .
La corteccia cerebrale: Nessuna di queste risposte Fa parte del romboencefalo Fa parte del telencefalo Fa parte del diencefalo .
La corteccia cerebrale: Fa parte del diencefalo Fa parte del romboencefalo Nessuna di queste risposte .
La morte neuronale dovuta a processi patologici si chiama: Meiosi Apoptosi Mitosi Nessuna di queste risposte .
Il tronco encefalico comprende: Nessuna di queste risposte I gangli della base e bulbo I gangli della base Cervelletto e gangli della base .
Il diencefalo comprende: Ipotalamo e ipofisi Nessuna di queste risposte Talamo e ipotalamo Talamo e cervelletto .
Il diencefalo comprende: Talamo e cervelletto Ipotalamo e ipofisi Solo il talamo Nessuna di queste risposte .
Il colorante di Golgi è: Una soluzione di cromato di rame Una soluzione di cromato d'argento Una soluzione di cromato d'oro Una soluzione di cromato d'alluminio .
Il Sistema Nervoso Centrale: Nessuna di queste risposte Non comprende il cervelletto È contenuto all'interno di ossa e meningi Comprende i nervi.
Theodor Schwann enuncio': La teoria molecolare La teoria cellulare La teoria cerebrale Nessuna di queste risposte .
Entro quando l'anatomia macroscopica del SNC è stata descritta in dettaglio? Entro la fine del XVI secolo Entro la fine del XVII secolo Entro la fine del XV secolo Entro la fine del XVIII secolo .
Secondo gli egizi: Cervello e cuore insieme erano la sede dell'anima e dell'intelligenza Il cervello era la sede dell'intelligenza e il cuore dell'anima Il cuore era la sede dell'anima e dell'intelligenza Il cervello era la sede dell'anima e dell'intelligenza .
Durante la mammificazione: Il cervello veniva estratto e buttato via Il cervello veniva riposto nei sacri canopi Il cervello veniva suddiviso e alcune sezioni venivano gettate via Il cervello veniva inizialmente prelevato e poi riposto nei canopi .
Ippocrate: Sosteneva l'esistenza di una correlazione tra struttura e organo Sosteneva l'esistenza di una correlazione inversa tra struttura e funzione Non sosteneva l'esistenza di una correlazione tra struttura e funzione Sosteneva l'esistenza di una correlazione tra struttura e funzione .
Ippocrate sosteneva: Che il cervello non fosse solo coinvolto nella percezione e nella sensazione Che il cervello fosse solo coinvolto nella percezione Che il cervello fosse solo coinvolto nella sensazione Che il cervello non fosse coinvolto nella percezione .
Aristotele: Sosteneva che il cervello fosse la sede dell'anima Sosteneva che fosse il cervello il centro dell'intelletto Sosteneva che fosse il cuore il centro dell'intelletto Sosteneva l'esistenza di una correlazione tra struttura e funzione .
Dove aveva la lesione il paziente esaminato da Paul Broca? Frontale sinistra Frontale destra Temporale sinistra Temporale destra .
Galeano: Cercò di dedurre unicamente la funzione dell'encefalo dalle connessioni con i diversi distretti corporei Cercò di dedurre la funzione dell'encefalo dalla relazione con il cervello Cercò di dedurre la funzione di encefalo e cervelletto dalla loro struttura Cercò di dedurre unicamente la funzione del cervelletto dalla relazione con l'encefalo .
Chi, indagando, scoprì che il cervello era cavo? Galvani Galeano Aristotele Ippocrate .
Quando venne osservata la distinzione tra sostanza bianca e grigia? Tra il XV e XVI secolo Tra il XIII e XIV secolo Tra il XIV e XV secolo Tra il XVII e il XVIII secolo .
Galeano: Abbracciò la concezione ippocratica della funzione del cervello Abbracciò la concezione egizia della funzione del cervello Non abbracciò la concezione ippocratica della funzione del cervello Abbracciò la concezione Aristotelica della funzione del cervello .
Luigi Galvani e Emilio du Bois-Reymond dimostrarono che: Quando i nervi vengono stimolati elettricamente i muscoli opposti a quelli stimolati possono contrarsi Quando i nervi vengono stimolati non elettricamente i muscoli possono contrarsi Quando i nervi vengono stimolati elettricamente i muscoli possono contrarsi Quando i nervi non vengono stimolati i muscoli possono contrarsi .
Franz Joseph Gall fu l'ideatore: Delle moderne neuroscienze Della anatomia cerebrale Nessuna di queste risposte Della psicopatologia .
Luigi Galvani e Emilio du Bois-Reymond dimostrarono che: Il cervello stesso è capace di generare elettricità Il cervello è capace di generare fluidi Il cervello è incapace di generare elettricità Il cervello è capace di contrarsi .
Il neurologo francese Paul Broca esaminò il cervello di un suo paziente con problemi di linguaggio. Quando morì il suo paziente? Nel 1864 Nessuna di queste risposte Nel 1816 Nel 1863.
Il neurologo francese Paul Broca esaminò il cervello di un suo paziente con problemi di linguaggio. Quando morì il suo paziente? Nel 1861 Nel 1863 Nessuna di queste risposte Nel 1816.
Il più antico trattato egizio di medicina si chiama: Papiro Bremner-Rhind Papiro Rhind o di Ahmes Papiro di Edwin Smith Papiro di Abusir.
Franz Joseph Gall fu l'ideatore: Delle moderne neuroscienze Della anatomia cerebrale Della frenologia Nessuna di queste risposte .
Franz Joseph Gall si soffermò: Sulle protuberanze della superficie del cervello Su nessuna di queste Sulle protuberanze della superficie del cervelletto Sulle cavità del cervello .
Marie-Jean-Pierre Flourens si focalizzo': Sui nervi Sul cervelletto Sui muscoli Sul cervello .
Marie-Jean-Pierre Flourens: Effettuava studi sugli animali Effettuava studi sugli anfibi Effettuava studi sui rettili Effettuava studi sugli insetti3.
Chi fu a scopr6che le fibre nervose si dividono in due branche prima di entrare nel midollo spinale? Beniamino Franklin Galeno Bell e Magendie Galvani e Du Bois-Reymond .
La classificazione dei neuroni può essere fatta sulla base della morfologia: Del numero di spine dendritiche Nessuna di queste risposte Dei dendriti e degli assoni Della lunghezza del corpo cellulare .
Nel sistema nervoso periferico gli assoni sono ricoperti da: Una sostanza simile alla mielina Mielina Non sono ricoperti Nessuna di queste risposte .
La classificazione dei neuroni può essere fatta sulla base: Del numero di spine dendritiche Nessuna di queste risposte Della lunghezza del corpo cellulare Del numero dei neuriti .
I neuroni hanno tutti in comune: Solo soma Soma, assone e dendriti Solo l'assone Solo i dendriti .
I neuroni hanno tutti in comune: Nessuna di queste risposte Solo l'assone Solo i dendriti Solo soma.
I neuroni sono cellule del: Sistema cardiocircolatorio Sistema digerente Sistema gastrointestinale Nessuna di queste risposte .
I neuroni sono cellule del: Sistema gastrointestinale Sistema cardiocircolatorio Sistema nervoso centrale Sistema digerente .
L'interno del neurone è separato dall'esterno dalla: Membrana sinoviale Nessuna di queste risposte Membrana timpanica Membrana neuronale .
La membrana neuronale è composta da: Uno strato fosfolipidico Doppio strato fosfolipidico Quattro strati fosfolipidici Triplo strato fosfolipidico .
La membrana neuronale è composta da: Quattro strati fosfolipidici Triplo strato fosfolipidico Uno strato fosfolipidico Nessuna di queste risposte .
Il soma è: Il corpo cellulare del neurone La parte dendritica Nessuna di queste risposte La membrana neuronale .
Il soma è: La parte dendritica La membrana neuronale La parte assonale Nessuna di queste risposte .
Il soma contiene: Nessuna di queste risposte I mitocondri Il citosol e il nucleo Il citosol e i ribosomi .
I neuriti sono: Solo dendriti Nessuna di queste risposte Solo assoni Dendriti e assone.
La mielina: Rende l'assone isolato dal citosol Rende il neurone elettricamente isolato all'interno Rende il neurone isolato dalle sostanze presenti nel citosol Rende il neurone elettricamente isolato dall'esterno .
Le cellule della microglia: Non hanno un ruolo definito nel SNC Partecipano alla fagocitosi Partecipano alla trasmissione dall'impulso nervoso Derivano dai globuli rossi .
I neuriti sono: Prolungamenti citoplasmatici che hanno origine dai dendriti Prolungamenti citoplasmatici che hanno origine dal corpo corpo cellulare del neurone Prolungamenti citoplasmatici che hanno origine dall'assone Prolungamenti citoplasmatici che hanno origine dal nucleo del neurone .
Le cellule di Schwann: Provvedono alla formazione di diversi segmenti mielinici Ricoprono gli assoni in determinate zone dell'encefalo Ricoprono le cellule del SNC Provvedono alla formazione di un singolo segmento di mielina .
La classificazione dei neuroni può essere fatta sulla base: Delle connessioni Del numero di spine dendritiche Nessuna di queste risposte Della lunghezza del corpo cellulare .
Gli astrociti: Riempiono la maggior parte dello spazio tra i neuroni del cervelletto Nessuna di queste risposte Riempiono la maggior parte dello spazio tra i neuroni solo in alcune zone dell'encefalo Riempiono la maggior parte dello spazio tra i neuroni .
Gli astrociti: Sono le cellule numericamente più presenti nel sistema nervoso periferico Sono le cellule numericamente meno presenti tra le cellule gliali Sono le cellule numericamente più presenti tra le cellule gliali Sono le cellule numericamente più presenti in tutto il SNC.
Le cellule gliali: Nessuna di queste risposte Contribuiscono alla formazione di neurotrasmettitori Contribuiscono alla funzione cerebrale in autonomia Contribuiscono alla funzione cerebrale sostenendo i processi neuronali .
Le cellule gliali: Insieme ai neuroni e al tessuto vascolare costituiscono il tessuto nervoso Insieme al tessuto vascolare costituiscono il tessuto nervoso Nessuna di queste risposte Da soli costituiscono il tessuto nervoso .
Il trasporto retrogrado è: Nessuna di queste risposte Il trasporto dal soma all'interno del nucleo Il trasporto di materiale dal soma al terminale Il passaggio di materiale da un neurone all'altro .
Il trasporto retrogrado è: Il trasporto di materiale dal terminale al soma Il trasporto dal soma all'interno del nucleo Il passaggio di materiale da un neurone all'altro Il trasporto di materiale dal soma al terminale .
L'assone: Si trova nelle cellule della milza Si trova nelle cellule epatiche Si trova solo nei neuroni Si trova nelle cellule cardiache .
Indicare quali delle seguenti strutture non sono uniche del neurone: Nessuna di queste risposte Assone e dendriti Nucleo, reticolo endoplasmatico rugoso, apparato del Golgi Vescicole sinaptiche .
Indicare quali delle seguenti strutture sono uniche del neurone: Vescicole sinaptiche, assone e dendriti Apparato del Golgi Corpo cellulare Nucleo, reticolo endoplasmatico rugoso .
Gli interneuroni: Nessuna di queste risposte Fanno sinapsi solo con altri neuroni Fanno sinapsi con le strutture della pelle Fanno sinapsi con i muscoli .
Gli oligodendrociti: Formano un unico segmento mielinico Formano un unico segmento mielinico su più di un assone Formano diversi segmenti mielinici, spesso su piu' di un assone Ricoprono solo un assone .
Gli oligodendrociti: Nessuna di queste risposte Hanno il ruolo di ricoprire il soma dei neuroni Hanno il ruolo di ricoprire gli assoni dei neuroni Hanno il ruolo di ricoprire i dendriti dei neuroni .
L'assone è composto da: Solo bottone terminale Cono di integrazione e bottone terminale Assone e bottone terminale Cono di integrazione, assone e bottone terminale .
Nella sclerosi multipla si osserva: La demielinizzazione in un'unica area cerebrale La demielinizzazione dei nervi La ipermielinizzazione dei nervi Lo sfaldamento di alcuni nervi spinali .
La sclerosi multipla viene considerata una malattia: Muscolo-scheletrica Autoimmune Infiammatoria Muscolare.
L'esame di eccezione per studiare eventuali patologie a carico del sistema nervoso periferico e muscolare è: Nessuna di queste risposte L' elettrocardiogramma L' elettrooculogramma L' elettroencefalogramma .
L' esame di eccezione per studiare eventuali patologie a carico del sistema nervoso periferico e muscolare è: L' elettromiografia L' elettroencefalogramma L' elettrocardiogramma L' elettrooculogramma .
Nella sclerosi multipla si osserva: La perdita di neurotrasmettitore in un'area specifica La perdita di mielina in un'area specifica La perdita di materia grigia in un'area specifica La perdita di mielina in piu aree .
Nelle neuropatie assonali: Sono intaccati i corpi cellulari Sono intaccati gli assoni Nessuna di queste risposte Sono intaccate le cellule di Schwann .
L' elettromiografia: È esame di eccezione per studiare eventuali patologie a carico del sistema gastrointestinale Si effettua in anestesia totale È esame di eccezione per studiare eventuali patologie a carico del sistema nervoso periferico e muscolare Si effettua in sedazione profonda .
L' elettroneurografia: Utilizza elettrodi superficiali posizionati sull'articolazione Nessuna di queste risposte Utilizza unicamente elettrodi ad ago Utilizza elettrodi ad ago posizionati nell' articolazione .
L' elettroneurografia: Utilizza elettrodi ad ago posizionati nell' articolazione Utilizza elettrodi superficiali posizionati sul muscolo Utilizza unicamente elettrodi ad ago Utilizza elettrodi superficiali posizionati sull' articolazione .
Cos'è la sclerosi multipla? È una condizione che colpisce il cervello e il midollo spinale È una condizione che colpisce i muscoli È una condizione che colpisce unicamente il midollo spinale È una condizione che colpisce il cervello e occhi .
Nelle neuropatie demienilizzanti: Nessuna di queste risposte Sono intaccate le cellule di Schwann Sono intaccati gli assoni Sono intaccati i corpi cellulari .
Il sintomo principale delle neuropatie è: La pressione alta La miopia Il dolore Il prurito .
La neuropatia: Può essere sensitiva Può essere motoria Può essere mista Tutte le risposte .
Cos'è la neuropatia? È una condizione che colpisce i muscoli È una condizione che colpisce unicamente il midollo spinale È una condizione che colpisce il sistema nervoso periferico È una condizione che colpisce il cervello e midollo spinale .
A cosa serve la mielina? Nessuna di queste risposte Ad accelerare le conduzioni dell'impulso elettrico negli assoni del sistema nervoso Ad accelerare le conduzioni dell'impulso elettrico nei dendriti nel sistema nervoso A diminuire le conduzioni dell'impulso elettrico negli assoni del sistema nervoso .
Tra i sintomi della sclerosi multipla troviamo: Tutte le risposte Mancanza di coordinazione Problemi di vista Problemi di linguaggio .
La sclerosi multipla viene considerata una malattia: Nessuna delle alternative Muscolo-scheletrica Infiammatoria Muscolare .
La forma di energia utilizzabile dal Sistema Nervoso per l' elaborazione di informazioni è: Nessuna delle alternative L' energia biologica L' energia bioelettrica L' energia biomagnetica .
Cosa si intende per potenziare di membrana a riposo? Si intende la differenza di energia ai due lati della membrana neuronale quando è a riposo e non sta generando impulsi Si intende la differenza di energia ai due lati della membrana neuronale quando è a riposo e non sta generando impulsi Si intende la differenza di carica elettrica ai due lati della membrana neuronale quando è a riposo e non sta generando impulsi Si intende la differenza di numero di ioni da una parte e l'altra della membrana .
La membrana plasmatica: Separa la cellula dall' ambiente circostante senza isolare il citoplasma È formata da un doppio strato fosfolipidico Permette scambi selettivi di sostanza tra l' interno e l' esterno della cellula Tutte le risposte .
I segnali elettrici che viaggiano lungo l' assone, dal corpo cellulare verso il terminale sono detti: Frequenza di scarica Nessuna delle alternative Potenziali d'azione PPSI.
I terminali assonali: Appartengono allo spazio extracellulare Nessuna delle alternative Sono strutture specializzate che consentono all'assone di trasmettere informazioni ad altri neuroni Danno origine alle branche collaterali.
Il potenziale d' azione è: Il segnale elettrico che viaggia lungo l'assone, dal terminale verso il corpo cellulare Il segnale elettrico che viaggia lungo i dendriti verso il terminale Il segnale elettrico che viaggia lungo l'assone, dal corpo cellulare verso il terminale Il segnale elettrico che viaggia lungo i dendriti verso il corpo cellulare .
Il potenziale d' azione è Il segnale elettrico che viaggia lungo i dendriti verso il terminale Il segnale elettrico che viaggia lungo i dendriti verso il corpo cellulare Il segnale elettrico che viaggia lungo l'assone, dal terminale verso il corpo cellulare Nessuna delle alternative .
Il neurone su cui agisce il neurotrasmettitore è chiamato: Nessuna di queste risposte Presinaptico Autorecettore Recettore.
Nella sinapsi il segnale chimico: Rimane a livello del terminale sinaptico Torna verso il soma Attraversa lo spazio intersinaptico Resta chimico nel neurone post-sinaptico.
Nella parte terminale dell'assone: Il segnale chimico viene convertito in segnale elettrico Il segnale elettrico non viene convertito Nessuna delle alternative Il segnale elettrico viene convertito in segnale chimico .
La zona del neurone deputata agli input, ovvero alla ricezione delle informazioni è: La fessura sinaptica Nessuna delle alternative Il nodo di Ranvier Il dendrite .
I terminali assonali sono: Strutture specializzate che consentono all' assone di recepire informazioni Nessuna di queste risposte Strutture specializzate che consentono all' assone di generare informazioni Strutture che consentono ai dendriti di generare informazioni .
I terminali assonali sono: Strutture specializzate che consentono all' assone di generare informazioni Strutture specializzate che consentono all' assone di recepire informazioni Strutture specializzate che consentono ai dendriti di generare informazioni Strutture specializzate che consentono all' assone di trasmettere informazioni ad altri neuroni .
L' eccitabilità è: Una proprietà fondamentale dei neuroni che consiste nella capacità di generare impulsi elettrici che si propagano lungo la membrana Una proprietà fondamentale di tutte le cellule che consiste nella capacità di generare impulsi elettrici che si propagano lungo la membrana Una proprietà fondamentale dei neuroni che consiste nella capacità di generare impulsi chimici Una proprietà fondamentale di tutte le cellule che consiste nella capacità di generare impulsi chimici .
Il neurone è una cellula: Nessuna di queste risposte Eccitabile Sostenibile Depressibile .
Il neurone su cui agisce il neurotrasmettitore è chiamato: Presinaptico Recettore Post-sinaptico Autorecettore.
Le "spine" sono strutture: Dei recettori Del soma Dell' assone Nessuna delle alternative .
La sinapsi è: Nessuna di queste risposte Il punto in cui passa l'impulso elettrico Il punto in cui due neuroni si toccano Il punto di congiunzione tra un neurone e l'altro .
I neuroni parlano tra di loro grazie alla: Propagazione dell'impulso elettrico Propagazione dell'impulso cinetico Propagazione dell'impulso chimico Nessuna di queste risposte .
Hanno il compito di captare le informazioni: Assoni Dendriti Soma Neuriti.
Il trasferimento delle informazioni da un neurone all'altro è chiamata: Terminale assonale Trasmissione sinaptica Sinapsi Cono di emergenza .
Il trasferimento delle informazioni da un neurone all'altro è chiamata: Nessuna di queste risposte Sinapsi Cono di emergenza Terminale dell'assone.
La parte finale dell' assone si chiama: Recettore Vescicola sinaptica Nessuna di queste risposte Assone.
La parte finale dell' assone si chiama: Bottone sinaptico Vescicola sinaptica Recettore Assone.
I segnali elettrici che viaggiano lungo l'assone, dal corpo cellulare verso il terminale sono detti: Potenziale a riposo Potenziale elettrico Potenziale postsinaptici Nessuna delle alternative .
Le "spine" sono strutture: Dell' assone Del soma Dei recettori Dei dendriti .
I potenziali postsinaptici sono: Segnali elettrici che viaggiano lungo i dendriti fino al terminale dell'assone Segnali elettrici che viaggiano lungo gli assoni fino al bottone corpo cellulare Segnali elettrici che viaggiano lungo i dendriti fino al corpo cellulare Segnali elettrici che viaggiano lungo gli assoni fino al terminale dell'assone .
I potenziali postsinaptici sono: Segnali elettrici che viaggiano lungo i dendriti fino al terminale dell'assone Segnali che viaggiano lungo gli assoni fino al terminale dell'assone Segnali elettrici che viaggiano lungo gli assoni fino al bottone corpo cellulare Nessuna delle alternative .
I segnali elettrici che viaggiano lungo l' assone, dal corpo cellulare verso il terminale sono detti: Potenziali d'azione Potenziale elettrico Potenziale a riposo Potenziali postsinaptici .
I segnali elettrici che viaggiano lungo i dendriti fino al corpo cellulare sono chiamati: Nessuna delle alternative Potenziale d'azione Potenziale elettrico Potenziale a riposo .
I segnali elettrici che viaggiano lungo i dendriti fino al corpo cellulare sono chiamati: Potenziale a riposo Potenziale elettrico Potenziali post-sinaptici Potenziale d'azione .
Il segnale chimico viene riconvertito in un segnale elettrico nel neurone post-sinaptico grazie a: Dei recettori Delle vescicole Dei trasportatori Degli enzimi .
Quali delle seguenti affermazioni non è corretta riguardo il canale Na voltaggio dipendente? Può essere attivato durante la fase di discesa del potenziale d' azione È permeabile agli ioni Na tanto quanto agli ioni K Tutte le risposte sono corrette È in uno stato aperto durante il potenziale di membrana a riposo .
Il trasporto attivo: Nessuna delle alternative Avviene secondo gradiente di concentrazione o elettrochimico Non utilizza ATP Avviene contro gradiente di concentrazione o elettrochimico .
La pompa sodio-potassio: Trasporta costantemente 2 ioni Na+ all' esterno della cellula e contemporaneamente 3 ioni K+ all'interno della cellula Trasporta costantemente 3 ioni Na + all'interno della cellula e contemporaneamente 2 ioni K+ all'esterno della cellula Trasporta costantemente 1 ione Na+ all'esterno della cellula e contemporaneamente 2 ioni K+ all'interno della cellula Nessuna delle alternative .
La pompa sodio-potassio: Trasporta costantemente 2 ioni Na+ all'esterno della cellula e contemporaneamente 3 ioni K+ all'interno della cellula Trasporta costantemente 1 ione Na+ all'esterno della cellula e contemporaneamente 2 ioni K+ all'interno della cellula Trasporta costantemente 3 ioni Na+ all'esterno della cellula e contemporaneamente 2 ioni K+ all'interno della cellula Trasporta costantemente 3 ioni Na+ all'interno della cellula e contemporaneamente 2 ioni K+ all'esterno della cellula .
Le pompe ioniche: Inducono gradienti di concentrazione ionica Tutte le risposte sono corrette Lavorano in antitesi con i canali ionici Sono presenti nella membrana neuronale .
I canali ionici possono assumere diversi stadi: Tutte le risposte sono corrette Inattivo Aperto Chiuso .
I canali resting per il potassio: Richiedono energia per consentire il passaggio di ioni potassio dall' esterno all' interno della cellula Richiedono energia per consentire il passaggio di ioni potassio dall' interno all' esterno della cellula Consentono il passaggio continuo di ioni potassio dall' esterno verso l'interno della cellula Consentono il passaggio continuo di ioni potassio dall' interno verso l'esterno della cellula .
I canali di resting: Nessuna delle alternative Esistono soprattutto per il calcio Sono aperti anche a riposo Esistono soprattutto per il sodio.
Il trasporto attivo: Nessuna delle alternative Libera una grande quantità di energia Richiede energia Non richiede energia .
I canali ionici mediano: Il trasporto attivo degli ioni Il trasporto passivo degli ioni Richiede energia Nessuna delle alternative .
Il trasporto passivo: Avviene secondo gradiente Nessuna delle alternative Non avviene secondo gradiente È possibile attraverso l' uso di ATP .
Il trasporto attraverso membrana: Avviene solo in modo passivo Avviene in modo passivo e attivo Avviene solo in modo attivo Nessuna delle alternative .
Gli ioni: Sono distribuiti in maniera uniforme nello spazio intra ed extra cellulare: Sono distribuiti in maniera non uniforme nello spazio intra ed extra cellulare Nessuna delle alternative Sono distribuiti in maniera lineare nello spazio intra ed extra cellulare .
Su quale lato della membrana neuronale sono più abbondanti gli ioni Na? Non c'è nella cellula Interno Esterno Nessuna delle alternative .
Il potassio: È più concentrato all' interno della cellula È estraneo all' attività dei canali resting Tende a entrare nella cellula neuronale lungo il gradiente di concentrazione e tende a essere riportato all'esterno grazie al gradiente elettrico Nessuna delle alternative .
I gradienti di concentrazione: Spendono energia per riportare il sodio fuori dentro la cellula Sono differenze di concentrazione dovute alla disomogeneità degli ioni tra i due lati della membrana Dipendono dalla conduttanza della membrana Nessuna delle alternative .
Sul versante esterno della membrana plasmatica del neurone: Sono allineati fosfolipidi idrofili Non vi è attività elettrica Non vi è attività magnetica Nessuna delle alternative .
Sul versante interno della membrana plasmatica del neurone: Sono allineati fosfolipidi idrofili Non vi è attività elettrica Sono allineate delle cariche negative Nessuna delle alternative .
Quale delle seguenti affermazioni è corretta per quanto riguarda una sinapsi inibitoria? C' è l' ingresso di cariche negative nel neurone postsinaptico. Media una depolarizzazione C' è l' ingresso di cariche negative all'interno della cellula postsinaptica. Media una iperpolarizzazione C'è l' ingresso di cariche positive all'interno della cellula postsinaptica. Media una iperpolarizzazione C'è l'ingresso di cariche positive nel neurone postsinaptico. Mediana depolarizzazione .
Quale delle seguenti affermazioni è corretta per quanto riguarda una sinapsi eccitatoria? Nessuna delle alternative C'è l'ingresso di cariche negative nel neurone postsinaptico. Media una iperpolarizzazione. C'è l'ingresso di cariche positive nel neurone postsinaptico. Media una iperpolarizzazione. C'è l'ingresso di cariche negative nel neurone postsinaptico. Media una depolarizzazione. .
Quale delle seguenti affermazioni è corretta per quanto riguarda una sinapsi inibitoria? C'è l'ingresso di cariche positive all'interno della cellula postsinaptica. Media una iperpolarizzazione C'è l'ingresso di cariche positive nel neurone postsinaptico. Media una depolarizzazione Nessuna delle alternative C'è l'ingresso di cariche negative nel neurone postsinaptico. Media una depolarizzazione .
Il cono d'emergenza è caratterizzato da: Un'alta concentrazione di canali voltaggio dipendenti per il potassio Nessuna delle alternative Un'alta concentrazione di canali ligando dipendenti per il sodio Un'alta concentrazione di canali ligando dipendenti per il potassio .
Quale delle seguenti affermazioni è corretta per quanto riguarda una sinapsi eccitatoria? C'è l'ingresso di cariche positive nel neurone postsinaptico. Media una depolarizzazione. C'è l'ingresso di cariche negative nel neurone postsinaptico. Media una iperpolarizzazione C'è l'ingresso di cariche positive nel neurone postsinaptico. Media una iperpolarizzazione C'è l'ingresso di cariche negative nel neurone postsinaptico. Media una depolarizzazione .
Quando il potenziale d'azione invade il terminale presinaptico: Nessuna delle alternative Si aprono i canali voltage gated per il calcio Si aprono i canali resting Si aprono i canali ligand gated.
Durante un'iperpolarizzazione: Aumentano le cariche negative interne e quelle positive esterne Nessuna delle alternative Se l' iperpolarizzazione permane per un certo tempo, i canali si chiudono I canali voltage gated subiscono una modificazione della loro conformazione molecolare e si aprono .
Se il potenziale di membrana varia nel senso della depolarizzazione: Passa da -60mV a 50mV Nessuna delle alternative Passa da -60mV a -50mV Passa da-60mV a -65mV.
La membrana presinaptica è ricca di canali voltage gated per: Specifici aminoacidi Specifici neurotrasmettitori Il calcio Nessuna delle alternative .
I potenziali d'azione: Nessuna delle alternative Sono segnali sensibili alla propagazione elettrotonica Sono segnali sensibili alla quantità di neurotrasmettitore Sono segnali stereotipati .
Tipi di sinapsi: Nessuna delle alternative Sono solo inibitorie Eccitatoria e inibitoria Sono solo eccitatorie .
Il legame del neurotrasmettitore al recettore determina: Delle modificazioni di permeabilità ionica Delle modificazioni di gradiente elettrico Nessuna delle alternative La chiusura dei recettori stessi .
Il PdA è un un'impulso elettrico che viaggia lungo l'assone fino a essere trasmutato in un segnale chimico chiamato: Secondo messaggero Neurotrasmettitore Nessuna delle alternative Enzima .
I nodi di Ranvier: Hanno funzione nutritiva per il neurone Interrompono la guaina mielinica in alcuni punti Interrompono la barriera emato-encefalica Nessuna delle alternative .
Quando il potenziale d'azione invade il terminale presinaptico: Si i canali ligand gated Si aprono i canali resting Nessuna delle alternative Si aprono i canali voltage gated per il calcio .
Il PdA sono generati da: Un'iperpolarizzazione massimale Canali voltage gated Una propagazione dell'iperpolarizzazione dovuta al PPSE Nessuna delle alternative .
I PdA sono generati da: Una depolarizzazione a bassissima frequenza Un' iperpolarizzazione massimale Una propagazione dell' iperpolarizzazione dovuta al PPSE Nessuna delle alternative .
Quando un canale per il Na+ è chiuso: La sua resistenza al passaggio di sodio è molto bassa Il sodio tende comunque a essere riportato all'interno grazie al gradiente elettrico Nessuna delle alternative Il sodio tende comunque a uscire dalla cellula neuronale lungo il gradiente di concentrazione .
Quale delle seguenti affermazioni è corretta per quanto riguarda la fase di salita di un PdA in un neurone? Nessuna delle alternative Il potenziale di membrana diventa più negativo durante questa fase Il Na fluisce all'interno del neurone attraverso i canali per il Na voltaggio-dipendenti Il K fluisce all'interno del neurone attraverso i canali per il K voltaggio-dipendenti .
Il PdA è un impulso elettrico che viaggia: Lungo l'assone Lungo i dendriti Lungo il corpo cellulare Nessuna delle alternative .
I nodi di Ranvier: Vanno incontro a una depolarizzazione e ripolarizzazione Nessuna delle alternative Vanno incontro a una depolarizzazione continua Vanno incontro a una ripolarizzazione continua .
Il cono di emergenza è: La parte intermedia dell'assone Nessuna delle alternative La parte iniziale dell'assone La parte finale dell'assone.
Si dice che il PdA è un fenomeno "tutto o nulla"". Cosa significa? Significa che una volta superato il valore soglia non si propaga Nessuna delle alternative Significa che una volta superato il valore soglia si propaga con la medesima frequenza e si rigenera continuamente Significa che una volta superato il valore si propaga con la medesima ampiezza e si rigenera continuamente .
Quale delle seguenti affermazioni è corretta? I potenziali postsinaptici si propagano lungo i dendriti e il soma in modo elettrotonico I potenziali postsinaptici si propagano lungo i dendriti e il soma in modo attivo I potenziali postsinaptici si propagano lungo l'assone in modo elettrotonico Nessuna delle alternative .
Quali delle seguenti affermazioni è corretta? I PdA sono generati dai canali ligando dipendenti in particolare da quelli del cono di emergenza I PdA sono generati dai canali voltaggio dipendenti in particolare da quelli del terminale dell'assone I PdA sono generati dai canali voltaggio dipendenti in particolare da quelli del cono di emergenza Nessuna delle alternative .
Quali delle seguenti affermazioni è corretta? I PdA si propagano lungo l'' assone in modo passivo I PdA sono generati dai canali regolati da ligando I PdA sono modulati in ampiezza Nessuna delle alternative .
Quali delle seguenti affermazioni è corretta? I PdA si propagano lungo l'assone in modo passivo I PdA sono modulati in ampiezza I PdA sono generati dai canali voltaggio dipendenti I PdA sono generati dai canali regolati da ligando .
Quali delle seguenti affermazioni è corretta? I potenziali postsinaptici sono generati dai canali voltaggio dipendenti I potenziali postsinaptici si propagano lungo l'assone in modo attivo I potenziali postsinaptici sono generati dai canali regolati da lingando I potenziali postsinaptici sono modulati in frequenza .
Le variabili fondamentali per determinare la velocità di decadimento del segnale sono: Il diametro dell'assone e la lunghezza dell' assone Solo la lunghezza dell'assone Solo il diametro dell'assone Nessuna delle alternative .
Quando una sinapsi invia il proprio messaggio alla cellula postsinaptica, o quando un recettore viene stimolato: Si aprono delle conduttanze di membrana che portano la cellula ad allontanarsi dalla sua concentrazione magnetica Si aprono le conduttanze di membrana che portano la cellula ad allontanarsi dal suo potenziale di riposo Nessuna delle alternative Si chiudono delle condutture di membrana che portano la cellula ad allontanarsi dalla sua concentrazione magnetica .
Quando una sinapsi invia il proprio messaggio alla cellula postsinaptica, o quando un recettore viene stimolato: Si chiudono delle conduttanze di membrana che portano la cellula ad allontanarsi dal suo potenziale di riposo Si chiudono delle conduttanze di membrana che portano la cellula ad allontanarsi dalla sua concentrazione magnetica Nessuna delle alternative Si aprono delle conduttanze di membrana che portano la cellula ad allontanarsi dalla sua concentrazione magnetica .
Il potenziale d'azione è un fenomeno: Modulato in frequenza Modulato linearmente Nessuna delle alternative Modulato in ampiezza .
Il potenziale postsinaptico è un fenomeno: Nessuna delle alternative Modulato in ampiezza Modulato in frequenza Modulato linearmente .
Il potenziale d'azione si muove: Nessuna delle alternative In direzione elicoidale Linearmente Di conduzione saltatoria .
Un neurone presinaptico è inibitorio se: Scarica potenziale d'azione a bassa frequenza Attiva una sinapsi inibitoria, la quale provoca sulla membrana postsinaptica un PPSI Provoca sulla membrana postsinaptica un PPSE Nessuna delle alternative .
Cosa permette la depolarizzazione solo "in avanti " fino al terminale in un assone? L' attivazione dei canali voltaggio-dipendenti del sodio L' attivazione dei canali voltaggio-dipendenti del potassio L' inattivazione dei canali voltaggio-dipendenti del sodio L' inattivazione dei canali voltaggio-dipendenti del potassio .
Il cono d' emergenza è caratterizzato da: Un'alta concentrazione di canali voltaggio dipendenti per il potassio Un'alta concentrazione di canali ligando dipendenti per il sodio Un' alta concentrazione di canali ligando dipendenti per il potassio Un'alta concentrazione di canali voltaggio dipendenti per il sodio .
Il PdA può avere una durata di: Pochi millisecondi Molti millisecondi Molti giorni Poche ore .
Il potenziale postsinaptico è un fenomeno: Lineare Graduato Logaritmico Esponenziale .
PPSE e PPSI: Si generano sui dendriti Nessuna delle alternative Si generano nella fessura sinaptica Si generano sul segmento iniziale dell'assone .
Quando il cloro entra nella cellula: Aumenta il numero di cariche positive sul versante interno della membrana Nessuna delle alternative Aumenta il numero di cariche negative sul versante interno della membrana Dominuisce il numero di cariche negative sul versante della membrana .
Quando, in una sinapsi GABAergica (inibitoria), il GABA si lega ai suoi recettori sulla membrana postsinaptica: Si chiudono dei canali per il cloro Si chiudono dei canali per il sodio Si aprono i canali per il sodio Nessuna delle alternative .
Il neurone presinaptico è inibitorio se: Provoca sulla membrana postsinaptica un PPSE Scarica potenziali d'azione a bassa frequenza Attiva una sinapsi inibitoria, la quale provoca sulla membrana postsinaptica un PPSI Nessuna delle alternative .
Il PPSI si propaga: Nessuna delle alternative Elettronicamente Attivamente In maniera rigenerativa .
Quali delle seguenti affermazioni sulla propagazione elettrotonica è corretta? È dovuta alla pompa sodio-potassio Nessuna delle alternative È dovuta non ai canali ionici, ma alle semplici proprietà di conduzione della membrana È dovuta ai canali ai canali ionici .
Quali delle seguenti affermazioni sulla propagazione elettrotonica è corretta? Si riduce in frequenza mano a mano che ci si allontana dal punto di origine Nessuna delle alternative Aumenta in ampiezza mano a mano che ci si allontana dal punto di origine Si riduce in ampiezza mano a mano che ci si allontana dal punto di origine .
I neuroni eccitatori sono generalmente: Neuroni di proiezione Interneuroni Neuroni inibitori Nessuna delle alternative .
Quando, in una sinapsi glutammatergica ( eccitatoria), il glutammato si lega ai suoi recettori sulla membrana postsinaptica: Si chiudono dei canali per il sodio Si chiudono dei canali per il potassio Si aprono dei canali per il potassio Si aprono dei canali per il sodio .
I neuroni eccitatori: Istituiscono con altri neuroni sinapsi asso-somatiche Nessuna delle alternative Istituiscono con altri neuroni sinapsi asso-dendritiche Istituiscono con altri neuroni sinapsi soma-dendritiche .
I neuroni inibitori: Nessuna delle alternative Istituiscono con altri neuroni sinapsi asso- somatiche Istituiscono con altri neuroni sinapsi asso-dendritiche Istituiscono con altri neuroni sinapsi soma-dendritiche .
I neuroni inibitori sono generalmente: Nessuna delle alternative Neuroni di proiezione Neuroni eccitatori Interneuroni .
Quando un neurone viene detto "inibitorio"? Se è presente (e viene liberato nella fessura sinaptica) un neurotrasmettitore eccitatorio Se ha recettori per un neurotrasmettitore inibitorio Se è presente (e viene liberato nella fessura sinaptica) un neurotrasmettitore inibitorio Nessuna delle alternative .
Quando un neurone viene detto "eccitatorio"? Nessuna delle alternative Se ha recettori per un neurotrasmettitore inibitorio Se è presente ( e viene liberato nella fessura sinaptica) un neurotrasmettitore inibitorio Se è presente (e viene liberato nella fessura sinaptica) un neurotrasmettitore eccitatorio .
Quando, in una sinapsi glutammatergica ( eccitatoria), il glutammato si lega ai suoi recettori sulla membrana postsinaptica: Si aprono dei canali per il potassio Si chiudono dei canali per il sodio Nessuna delle alternative Si chiudono dei canali per il potassio .
Quando, in una sinapsi GABAergica ( inibitoria), il GABA si lega ai suoi recettori sulla membrana postsinaptica: Si chiudono dei canali per il cloro Si aprono dei canali per il sodio Si aprono dei canali per il cloro Si chiudono dei canali il sodio .
I neurotrasmettitori: Tutte le risposte Vengono sintetizzati Vengono immagazzinati Vengono rilasciati .
I neurotrasmettitori: Devono presenti nei dendriti Devono essere presenti nella terminazione Devono essere sintetizzati nel soma Devono essere prodotti nella sinapsi .
I neurotrasmettitori peptidici: Nessuna delle alternative Sono delle brevi proteine Sono formati da un numero esiguo di atomi Sono sintetizzati a livello terminale .
I neurotrasmettitori a molecole piccole: Sono formati da numerosi atomi Nessuna delle alternative Sono formati da un numero esiguo di atomi Sono sintetizzati al livello del soma .
Il GABA: È il principale neurotrasmettitore inibitorio È il neurotrasmettitore da cui vengono sintetizzati tutti gli altri È il principale neurotrasmettitore eccitatorio Deriva dalla tirosina .
Le cellule piramidali: Nessuna delle alternative Hanno dendriti privi di spine e sono generalmente inibitorie Sono eccitatorie ed usano come neurotrasmettitore il glutammato Hanno spine dendritiche e sono generalmente eccitatorie .
Il glutammato: È il principale neurotrasmettitore inibitorio È il principale neurotrasmettitore eccitatorio È il neurotrasmettitore da cui vengono sintetizzati tutti gli altri Deriva dalla tirosina .
Detettori di coincidenza sono: Autorecettori Recettori NMDA Nessuna delle alternative Recettori AMPA .
I recettori presinaptici: Sono in grado di modificare la quantità di neurotrasmettitore rilasciato Svolgono una funzione di totale inibizione della sinapsi Nessuna delle alternative Scarica potenziale d'azione a bassa frequenza .
Il neurone si dice "inattivo" quando: Scarica potenziali d'azione ad altissima frequenza disperdendoli Provoca una sinapsi inibitoria Nessuna delle alternative Scarica potenziali d'azione a bassa frequenza .
Le sostanze agonistiche sono sostanze che: Stabiliscono la trasmissione Nessuna delle alternative Diminuiscono la trasmissione Accelerano la trasmissione .
Gli autorecettori sono: Nessuna delle alternative Sulla membrana post-sinaptica Sulle vescicole sinaptiche Sulla membrana presinaptica .
Il rilascio del neurotrasmettitore è: Sodio mediata Calcio mediata Potassio mediata Nessuna delle alternative .
Per instaurarsi, la LTP richiede la presenza di recettori: cAMP NMDA Nessuna delle alternative cGMP .
I recettori AMPA: Consentono principalmente il passaggio di sodio Consentono principalmente il passaggio di potassio Nessuna delle alternative Impediscono principalmente il passaggio di sodio .
I recettori possono essere: Nessuna delle alternative Regolati da ligando Regolati unicamente da neurotrasmettitori peptidici Regolati unicamente dal sodio .
I recettori sono: Proteine specializzate che percepiscono il neurotrasmettitore nello spazio intersinaptico Nessuna delle alternative Proteine specializzate che percepiscono il potenziale d'azione Proteine specializzate che percepiscono il neurotrasmettitore nello spazio presinaptico .
Quando gli ioni di calcio entrano nel terminale assonale: Favoriscono la fusione delle vescicole sinaptiche con la membrana post-sinaptica Nessuna delle alternative Favoriscono la fusione delle vescicole sinaptiche con la membrana presinaptica Favoriscono la fuoriuscita delle vescicole sinaptiche dal terminale sinaptico .
Le strutture che consentono il passaggio dell'informazione da un neurone all'altro vengono dette: Recettori Nessuna delle alternative Sinapsi Proteine di membrana .
Come si chiamano le strutture nel quale il segnale passa direttamente da un neurone all'altro: Gap junction Neurotrasmettitore Nessuna delle alternative Sinapsi chimica .
Fanno parte delle sinapsi elettriche: Gap junction Neurotrasmettitore Sinapsi chimica Nessuna delle alternative .
Le sinapsi elettriche sono importanti: Nel sincronizzare attività Nel modulare attività Nel sopprimere attività Nessuna delle precedenti .
Una sinapsi chimica è formata da: Fessura sinaptica Membrana post-sinaptica Membrana presinaptica Tutte le risposte .
Il citoscheletro: Ha un ruolo importante nella determinazione della morfologia di un neurone Ha un ruolo importante nella determinazione del funzionamento di un neurone Nessuna delle alternative Ha un ruolo importante nella determinazione del tipo di sinapsi di un neurone .
Gli elementi del citoscheletro: Sono sempre stabili Sono regolati rigidamente Sono regolati dinamicamente e sono in continuo movimento Nessuna delle alternative .
Nella malattia di Alzheimer i neurofilamenti: Vengono risparmiati Non sono coinvolti Formano l' "ammasso neurofibrillare" Formano le placche amiloidee .
Sono responsabili del trasporto assonale: I neurofilamenti Nessuna delle alternative I microtubuli Microfilamenti .
Il trasporto assonale può essere: Da un nodo di Ranvier all'altro Retrogrado Lineari Nessuna delle alternative .
Il trasporto assonale può essere: Anterogrado Lineari Nessuna delle alternative Da un nodo di Ranvier all'altro .
Il citoscheletro è formato da: Nessuna delle alternative Un unico elemento filamentoso Da due elementi filamentosi Da tre elementi filamentosi (microtubuli, neurofilamenti, microfilamenti).
Il canale NMDA è bloccato da uno ione: Potassio Nessuna delle alternative Calcio Sodio .
La plasticità è: La capacità di adattarsi alle modificazioni dell' ambiente interno Nessuna delle alternative La capacità di adattarsi alle modificazioni dell'ambiente esterno e/o interno La capacità di adattarsi alle modificazioni dell'ambiente esterno .
Quando fu descritto per la prima volta il fenomeno che prenderà il nome di long term potentiation? Nel 1873 Nel 1971 Nessuna delle alternative Nel 1973.
In quale struttura cerebrale fu descritto in un primo momento il fenomeno del potenziamento a lungo termine? Nessuna delle alternative Ippocampo Ipotalamo Amigdala .
Il PLT è: È l'indebolimento della trasmissione sinaptica, associato a meccanismi dei recettori metabotropi È il rafforzamento della trasmissione sinaptica, associato a meccanismi dei recettori metabotropi È il rafforzamento della trasmissione sinaptica,associato a meccanismi dei recettori ionotropi Nessuna delle alternative .
Per instaurarsi, il PLT RICHIEDE: NESSUNA DELLE ALTERNATIVE La presenza di recettori NMDA La presenza di autorecettori La presenza di recettori AMPA .
Il canale NMDA è bloccato da uno ione: Nessuna delle alternative Sodio Potassio Magnesio .
Stimolazioni prolungate e a bassa frequenza di una sinapsi possono condurre a: Long term depression Long term potentiation Chiusura dei canali del sodio Nessuna delle alternative .
Il trasporto mediato dalle proteine di membrana può essere: Solo passivo Solo attivo Attivo e passivo Nessuna delle alternative .
Nel trasporto passivo di membrana: Un soluto privo di carica si muove spontaneamente secondo il suo gradiente di concentrazione Un soluto privo di carica si muove spontaneamente contro il suo gradiente di concentrazione Un soluto privo di carica si muove attivamente contro il suo gradiente di concentrazione Nessuna delle alternative .
I principali costituenti della membrana plasmatica sono: Solo proteine Solo fosfolipidi Proteine e fosfolipidi Nessuna delle alternative .
Una molecola di fosfolipide possiede: Una testa idrofila e due code idrofobe Due teste idrofobe e una coda idrofila Nessuna delle alternative Una testa idrofoba e due code idrofile .
Le pompe ioniche: Trasportano attivamente ioni verso l'interno o verso l'esterno delle cellule secondo i loro gradienti di concentrazione Nessuna delle alternative Trasportano passivamente ioni verso l'interno o verso l'esterno delle cellule in direzione opposta ai loro gradienti di concentrazione Trasportano attivamente ioni verso l'interno o verso l'esterno delle cellule in direzione opposta ai loro gradienti di concentrazione .
La diffusione di ioni attraverso la membrana plasmatica lungo i loro gradienti elettrochimici contribuisce: Al potenziale di attività della membrana Al potenziale di riposo della membrana Nessuna delle alternative Al potenziale d'azione nella membrana .
La membrana del neurone a riposo è più permeabile al: Magnesio Nessuna delle alternative Sodio Potassio .
La concentrazione del K+ è: In equilibrio tra interno ed esterno della cellula Minore all'interno del neurone rispetto all'esterno Maggiore all'interno del neurone rispetto all'esterno Nessuna delle alternative .
La fRMI si basa: Nessuna delle alternative Sulla modificazione dello stato di ossigenazione dell'emoglobina nei globuli rossi Sulla modificazione dello stato di ferro nei globuli rossi Sulla modificazione dello stato di ossigenazione dell'emoglobina nei globuli bianchi .
In quali tecniche è prevista la somministrazione endovenosa di un radiofarmaco debolmente radioattivo? La PET La SPET Tutte le risposte La SPECT .
Quale tra queste tecniche valuta il metabolismo cerebrale? La TAC La PET La RMN Nessuna delle alternative .
Il DaTASCAN è indicato: Per rilevare la perdita di cellule nervose nella zona del cervello denominata corpo striato Nessuna delle alternative Per rilevare la perdita di cellule nervose nell'ippocampo Per rilevare la perdita di cellule nervose nella zona limbica del cervello .
Quali tra queste NON è una tecnica morfologica per lo studio dell'encefalo? Nessuna delle alternative La PET La TAC La RMN.
Cos'è una slice? Rappresenta una fetta dell'encefalo del paziente Nessuna delle alternative Rappresenta una ricostruzione 3D dell'encefalo del paziente Rappresenta una ricostruzione 2D dell'encefalo del paziente .
Le tecniche di Neuroimaging: Nessuna delle alternative Hanno permesso l'analisi post mortem del tessuto cerebrale e del SNC Hanno permesso l'analisi in vivo del tessuto cerebrale e del SNC Hanno permesso l'analisi post mortem del funzionamento cerebrale e del SNC.
Il DaTSCAN permette di evidenziare alterazioni del sistema: GABAergico Dopaminergico Serotoninergico Nessuna delle alternative .
Il midollo spinale termina: Tra la prima e la seconda vertebra lombare (L1-L2) Nessuna delle alternative Tra la prima e la seconda vertebra sacrale (S1-S2) All'ultima vertebra sacrale (S5)).
Nelle meningi spinali: La pia madre aderisce alla dura madre La pia madre aderisce alla superficie del midollo spinale seguendone ogni contorno La pia madre aderisce all' aracnoide Nessuna delle alternative .
Le meningi ricoprono: Nessuna delle alternative Solo encefalo Solo midollo spinale Encefalo e midollo spinale .
Le meningi sono: 2 (dura madre, pia madre) 1 (dura madre) Nessuna delle alternative 3 (dura madre, Aracnoide, pia madre).
La dura madre è: È la meninge intermedia La meninge piu esterna Nessuna delle alternative È la meninge più interna.
L'aracnoide è: La meninge più esterna La meninge più interna La meninge intermedia Nessuna delle alternative .
Lo spazio subaracnoideo si trova: Tra duramadre e aracnoide Nessuna delle alternative Tra pia madre ed encefalo Tra aracnoide e pia madre .
La pia madre è: Nessuna delle alternative La meninge più interna La meninge più esterna La meninge intermedia .
Il tentorio del cervelletto è una piega della: Duramadre Aracnoide Pia madre Nessuna delle alternative .
Le meningi spinali: Non esistono Nessuna delle alternative Sono identiche alle meningi encefaliche Differiscono lievemente dalle meningi encefaliche.
Nelle meningi spinali: L' aracnoide aderisce alla pia madre L' aracnoide aderisce alla dura madre sovrastante Nessuna delle alternative L' aracnoide aderisce al midollo spinale .
La dura madre si estende: Fino alla seconda vertebra sacrale Fino all'ultima vertebra sacrale Nessuna delle alternative Fino all' ultima vertebra lombare .
Il periostio: Nessuna delle alternative È una membrana che riveste i legamenti e i tendini È una membrana che riveste le ossa in tutta la loro lunghezza È una membrana che riveste i tessuti cartilaginei .
Guardando il midollo spinale in sezione trasversale: La sostanza bianca è costituita prevalentemente da corpi cellulari e da interneuroni non mielinizzati Nessuna delle alternative La sostanza grigia è costituita prevalentemente da interneuroni non mielinizzati La sostanza grigia è costituita prevalentemente da corpi cellulari e da interneuroni non mielinizzati .
Le radici ventrali contengono: Gli assoni motori Nessuna delle alternative Gli assoni sensoriali I gangli .
Quanti paia di nervi spinali fuoriescono dal midollo spinale? 31 paia 32 paia 33 paia Nessuna delle alternative .
Guardando il midollo spinale in sezione trasversale: La sostanza bianca è costituita soprattutto da assoni mielinizzati Nessuna delle alternative La sostanza bianca è costituita prevalentemente da corpi cellulari La sostanza bianca è costituita prevalentemente da corpi cellulari e da interneuroni non mielinizzati .
Le radici dorsali contengono: Gli assoni sensoriali I gangli Nessuna delle alternative Gli assoni motori .
Il midollo spinale comunica con il corpo attraverso: Tronco encefalico Ipotalamo e ipofisi I nervi spinali Nessuna delle alternative .
Il midollo spinale comunica con l'encefalo grazie a: Tronco encefalico Ipotalamo e ipofisi Nessuna delle alternative Nervi spinali .
Dove è racchiuso il midollo spinale? Nel cranio Nella colonna vertebrale Nessuna delle alternative Nel periostio .
A livello delle corna posteriori del metamero: Nessuna delle alternative Sono localizzate tendenzialmente neuroni di proiezione Sono localizzate cellule di grandi dimensioni Sono localizzate cellule di piccole dimensioni .
I motoneuroni alfa: Sono neuroni motori Sono neuroni misti Nessuna delle alternative Sono neuroni sensoriali .
I motoneuroni alfa utilizzano come neurotrasmettitore: Il triptofano L' acetilcolina Nessuna delle alternative Il GABA.
I metameri sono: 34 33 31 Nessuna delle alternative .
I motoneuroni alfa: Sono localizzati a livello delle corna posteriori Nessuna delle alternative Sono localizzate a livello delle corna anteriori Sono localizzati a livello della sostanza bianca del midollo spinale .
Le vertebre cervicali danno vita a: 9 metameri spinali Nessuna delle alternative 7 metameri spinali 8 metameri spinali .
Il nervo è composto da: Nessuna delle alternative Solo endonevrio (composto da sottili fibre connettvali intorno ai singoli assoni ed è vascolarizzato) Solo epinevrio (densa rete di fibre di collagene) Epinevrio, perinevrio, endonevrio Solo perinevrio (penetra avvolgendo fasci di assoni detti fascicoli).
Le radici anteriori del metamero spinale: Sono sempre efferenti Nessuna delle alternative Sono sempre radici afferenti Sono sempre radici miste.
Le radici posteriori del metamero spinale: Sono sempre radici efferenti Nessuna delle alternative Sono sempre radici afferenti Sono sempre radici miste .
I neuroni pseudounipolari: Nessuna delle alternative Hanno un corpo interno al SNC Hanno un corpo esterno al SNC Hanno un corpo interno all' encefalo .
Come si chiama il gruppo dei muscoli innervato da un nervo motorio? Miomero Nessuna delle alternative Miocardio Perinervio .
L' area della cute innervata dalla componente sensitiva del nervo spinale prende il nome di: Dermatomero Perinervio Nessuna delle alternative Dermico.
La barriera ematoencefalica: Nessuna delle alternative È l'interfaccia cellulare tra il liquor e il SNC È l' interfaccia cellulare tra il sangue e il SNC È l' interfaccia cellulare tra la pia madre e il SNC.
Quali cellule gliali sono necessarie per creare la barriera ematoencefalica? Gli oligodendrociti Nessuna delle alternative Gli astrociti Le cellule di Schwann .
Quali cellule gliali hanno i filamenti che avvolgono i capillari cerebrali? Le cellule di Schwann Gli oligodendrociti Gli astrociti Nessuna delle alternative .
La barriera ematoencefalica: Tutte le risposte Lascia passare alcune molecole di grandi dimensioni la cui presenza è critica per un normale funzionamento del cervello Protegge il cervello dall'ingresso indesiderato di molte grandi molecole e di sostanze potenzialmente tossiche È selettivamente permeabile .
Il liquor: Scorre anche negli spazi subaracnoidei Tutte le risposte sono corrette È prodotto dai plessi coroidei Il riassorbimento avviene in ambito venoso tramite le granulazioni aracnoidee.
Quanti sono i ventricoli cerebrali? 3 4 2 Nessuna delle alternative .
Il liquor: È un liquido incolore e salato Ha funzioni metaboliche Protegge il materiale nervoso da urti e traumi Tutte le risposte sono corrette .
Nella condizione di idrocefalo: Tutte le risposte sono corrette C'è un rigonfiamento delle cavità ventricolari Spesso alla nascita non viene notata C'è un blocco del flusso di liquor dell'acquedotto mesencefalico .
Il liquor viene estratto dal corpo attraverso: La rachicentesi Prelievo arterioso Prelievo venoso Nessuna delle alternative .
In presenza di patologie il liquor: Risulta torbido Risulta incolore Risulta salato Nessuna delle alternative .
Qual è la triade di sintomi che caratterizzano l'idrocefalo? Nessuna delle alternative Tremore essenziale, disturbi dell'equilibrio e disturbi di memoria Disturbi della minzione, disturbi del sonno e eloquio rallentato Disturbi della minzione, disturbi cognitivi di tipo frontale e disturbi del movimento e di una camminata caratterizzante .
Si interrompe tra il vaso sanguigno e il tessuto neuronale: La dura madre La pia madre Nessuna delle alternative L' aracnoide .
Due paia di arterie riforniscono il cervello di sangue, quali sono? La carotide esterna e l' arteria vertebrale Le arterie polmonari e l'aorta Le arterie vertebrali e le arterie carotidi interne Nessuna delle alternative .
Quali informazioni sul sistema vascolare è corretta? I vasi sono a diretto contatto con il cervello I vasi non sono a diretto contatto con il cervello Nessuna delle alternative I vasi sono a diretto contatto con tutto il SNC.
Il sistema nervoso periferico è costituito: Nessuna delle alternative Dal midollo spinale Dai nervi che partono dall' encefalo e dal midollo spinale Dal tronco dell' encefalo .
In quali attività è coinvolto il sistema nervoso parasimpatico? Nelle attività coinvolte nell' incremento delle forniture energetiche dell'organismo Ha una funzione stimolante, eccitante, contraente Nessuna delle alternative Nelle attività associate con il dispendio di energia dalle riserve che sono immagazzinate nell' organismo .
In quali attività è coinvolto il sistema nervoso simpatico? Nella secrezione dei succhi digestivi e l' incremento del flusso sanguigno Nelle attività coinvolte nell' incremento delle forniture energetiche dell'organismo Nelle attività associate con il dispendio di energia dalle riserve che sono immagazzinate nell'organismo Nessuna delle alternative .
Quanti sono i nervi cranici? 11 10 12 Nessuna delle alternative .
Come si chiama un ulteriore componente del SNP? Sistema nervoso autonomo Sistema nervoso centrale Nessuna delle alternative Sistema gastrointestinale .
L' emisfero cerebrale destro controlla il movimento: Di entrambi i lati del corpo Del lato sinistro del corpo Nessuna delle alternative Del lato destro del corpo .
L' emisfero cerebrale sinistro controlla il movimento: Di entrambi i lati del corpo Del lato sinistro del corpo Nessuna delle alternative Del lato destro del corpo .
L' emisfero cerebrale sinistro riceve informazioni e comanda: Il lato sinistro del corpo Nessuna delle alternative Il lato destro del corpo Entrambi i lati del corpo .
L' emisfero destro riceve informazioni e comanda: Il lato destro del corpo Il lato sinistro del corpo Nessuna delle alternative Entrambi i lati .
Quale tra queste affermazioni riguardanti l'encefalo è corretta? Giace all' interno del cranio È la parte più grande e rostrale del cervello Tutte le risposte sono corrette È diviso a metà in due emisferi cerebrali .
L' area somatosensoriale primaria: Si occupa di accogliere ed elaborare le informazioni ricevute dai sensi dalle diverse parti del corpo Si occupa di accogliere ed elaborare le informazioni ricevute dal sistema uditivo Nessuna delle alternative Si occupa di accogliere ed elaborare le informazioni ricevute dal sistema visivo .
Il lobo occipitale elabora gli stimoli: Uditivi Somatosensitivi Visivi Nessuna delle alternative .
Il lobo occipitale si trova: Nessuna delle alternative Nella parte posteriore della corteccia cerebrale Anteriormente al lobo temporale Medialmente nell'encefalo .
Dove si trova l'ippocampo? Nel lobo parietale Nel lobo frontale Nel lobo temporale Nessuna delle alternative .
Qual è l' area deputata alla comprensione del linguaggio? L' area di Broca L' area uditiva primaria L' area di Wernicke Nessuna delle alternative .
Qual è il lobo cerebrale più esteso? Nessuna delle alternative Parietale Temporale Frontale .
La distorsione tra le dimensioni delle diverse parti corporee nell' homunculus dipende: Dalle differenze nella densità d'innervazione negli arti superiori Dalle differenze nella densità d' innervazione di una parte del corpo Nessuna delle alternative Dalle differenze nella densità d' innervazione negli arti inferiori .
Il lobo temporale è diviso dal lobo frontale e parietale dalla: Nessuna delle alternative Solco centrale Scissura laterale (o scissura di Silvio) Giro precentrale .
Il lobo parietale è posizionato: Anteriormente al lobo frontale Nessuna delle alternative Oltre il lobo frontale e il solco centrale Al di sotto del lobo temporale .
Quale area è deputata alla produzione del linguaggio? Nessuna delle alternative L' area di Broca L' area di Wernicke L' insula.
L' area motoria primaria: Nel lobo parietale Nessuna delle alternative Nel lobo frontale Nel lobo temporale .
L' area premotoria si trova: Nessuna delle alternative Nel lobo temporale Nel lobo parietale Nel lobo frontale .
La corteccia motoria è responsabile dei: Nessuna delle alternative Movimenti involontari Movimenti automatici Movimenti volontari .
La corteccia motoria si trova: Nel lobo frontale Nessuna delle alternative Nel lobo parietale Nel lobo temporale .
Il lobo frontale si trova: Nessuna delle alternative Nella parte posteriore del cervello Nella parte mediale del cervello Nella parte anteriore del cervello .
Anteriormente alle aree motorie cosa si trova? Le aree somatosensitive Nessuna delle alternative Le aree prefrontali Le aree uditive primarie.
Quale motoneurone provoca la contrazione della fibra muscolare intrafusale? Motoneurone beta Motoneurone gamma Nessuna delle alternative Motoneurone alfa .
Da cosa sono costituite le miofibrille? Da filamenti di actina e adenosina Nessuna delle alternative Da filamenti di leptina e miosina Da filamenti di actina e miosina .
Da cosa è costituita l' unità motrice? Da un motoneurone gamma, il suo assone e le fibre muscolari extrafusali da esso innervate Da un motoneurone alfa, il suo assone e le fibre muscolari extrafusali da esso innervate Da un motoneurone gamma, il suo assone e le fibre intrafusali da esso innervate Nessuna delle alternative .
Una singola fibra muscolare consiste in: Nessuna delle alternative Un fascio di miofibrille Un fascio di neurofibrille Un fascio muscolare .
Le fibre muscolari intrafusali sono innervate: Da due assoni Nessuna delle alternative Da un assone sensitivo Da un assone motorio .
Le fibre muscolari extrafusali: Sono innervate dagli assoni dei motoneuroni alfa Nessuna delle alternative Sono innervate dagli assoni degli interneuroni Sono innervate dagli assoni dei motoneuroni a piccole dimensioni .
Come si chiamano le cellule che costituiscono i muscoli? Tendini Fibre muscolari Fibre muscoidi Nessuna delle alternative .
Dove è situata la corteccia motoria primaria? Nessuna delle alternative Nel giro postcentrale del lobo parietale Nel giro precentrale del lobo frontale Nel giro postcentrale del lobo frontale .
Quale affermazione sulla corteccia motoria primaria è corretta? L' attivazione dei neuroni, localizzati in parti specifiche della corteccia motoria primaria, causa movimenti in specifiche parti del corpo È organizzata somatotopicamente È il principale punto di origine dei segnali sensomotori in partenza dalla corteccia cerebrale Tutte le risposte sono corrette .
I neuroni dell' area motoria primaria proiettano i loro assoni direttamente: Nessuna delle alternative Ai motoneuroni del corno ventrale del midollo spinale Ai motoneuroni del corno dorsale del midollo spinale Ai muscoli .
L' area motoria supplementare (AMS) e la corteccia premotoria (APM) si trovano: Al di sotto della corteccia motoria primaria Nessuna delle alternative Posteriormente alla corteccia motoria primaria Anteriormente alla corteccia motoria primaria .
I neuroni della corteccia motoria primaria svolgono un ruolo importante: Nella programmazione del movimento Nessuna delle alternative Nel dare inizio ai movimenti Nel mantenere il movimento iniziato dall' area premotoria .
Le aree della corteccia motoria secondaria hanno un ruolo importante: Nessuna delle alternative Nell'automatizzazione del movimento Nel dare inizio ai movimenti Nella programmazione di specifici pattern di movimento .
Tutti i tipi di sensibilità passano attraverso il talamo, tranne un tipo. Quale? Nessuna delle alternative La sensibilità olfattiva La sensibilità termica La sensibilità discriminatoria .
Dove scorrono i fasci ascendenti e discendenti? Nessuna delle alternative Nel canale vertebrale Lungo i nervi Lungo i tendini .
I fasci ascendenti: Trasportano informazioni sui movimenti da compiere Nessuna delle alternative Vanno dalla periferia al centrale Vanno incontro alla periferia .
I fasci ascendenti trasportano informazioni relative: Tutte le risposte sono corrette Agli stimoli tattili Agli stimoli termici Agli stimoli dolorifici .
Quasi tutte le vie afferenti, prima di arrivare in corteccia, passano e fanno sinapsi: Nessuna delle alternative Nell' ippocampo Nell' ipotalamo Nel talamo .
Gran parte della sensibilità cosciente è elaborata: Dalla corteccia Dal tronco dell'encefalo Nessuna delle alternative Dal cervelletto .
Le sensazioni non coscienti sono quelle trasmesse: Alla corteccia Al cervelletto e/o tronco dell' encefalo Nessuna delle alternative All' insula.
Dove si trova il secondo neurone della sensibilità? Nel cervelletto Nel tronco encefalico Nessuna delle alternative Nel talamo .
La branca centripeta del neurone pseudounipolare nel midollo spinale risale: Ipsilateralmente Nessuna delle alternative Controlaterale Da entrambi i lati .
Cosa è comune a tutte le vie tattili? La prima sinapsi a livello midollare Trasportano informazioni su fasci discendenti Il neurone pseudounipolare Nessuna delle alternative .
Il fascicolo gracile e cuneato terminano: Nel mesencefalo Nessuna delle alternative Nel ponte Nel bulbo .
Il terzo neurone della sensibilità tattile conscia e propriocettiva: Parte dal talamo e va in corteccia Nessuna delle alternative Dal talamo all'area visiva primaria Dal talamo all'ipotalamo .
Nella sensibilità dolorifica e termica: L' informazione arriva direttamente in corteccia L' informazione arriva direttamente al tronco dell' encefalo Si ha una prima sinapsi a livello midollare Nessuna delle alternative .
La "teoria del cancello " sostiene che: Il nostro corpo "preferisce " dar rilevanza, nel caso di due stimoli contemporanei (uno dolorifico ed uno tattile), a quello che esclude l' evento doloroso Nessuna delle alternative Il nostro corpo preferisce dar rilevanza sempre allo stimolo doloroso Il nostro corpo preferisce dar rilevanza sempre allo stimolo tattile .
I fasci che sono composti dalla branca centripeta del neurone pseudounipolare, nel caso della sensibilità tattile conscia e propricettiva, prendono i nome di: Fascicolo gracile e cuneato Fascio olivospinale Fascicolo longitudinale Nessuna delle alternative .
Le vie discendenti: Nessuna delle alternative Trasportano informazioni dal sistema nervoso centrale alla periferia Trasportano informazioni dai visceri al sistema nervoso centrale Vanno dalla periferia al sistema nervoso centrale .
L' interruzione del fascio piramidale compromette: Il movimento in tutto il suo esistere La forza del movimento Nessuna delle alternative La precisione del movimento .
Un danno alle fibre delle vie extrapiramidali compromette: La forza e la precisione del movimento Il movimento in tutto il suo esistere Nessuna delle alternative La resistenza muscolare .
Il fascio cortico-spinale: Nessuna delle alternative Decussa a livello bulbare Decussa a livello talamico Percorre il midollo ipsilateralmente all' input corticale .
Il fascio cortico-spinale: Nessuna delle alternative È un fascio discendente Decussa a livello talamico È un fascio ascendente .
Il fascio cortico-bulbare: Ha contatti solo controlaterali Nessuna delle alternative Ha contatti solo ipsilaterali Ha contatti controlaterali e ipsilaterali .
Nel bulbo sono contenuti i nuclei cranici? I e II IX e X III e IV Nessuna delle alternative .
Quali tra questi NON è un fascio ascendente che attraversa il tronco encefalico? Il fascio vestibolo-spinale Il lemnisco mediale Nessuna delle alternative Il fascio spino-talamico .
La pars compacta della della sostanza nera si trova: Nel bulbo Nessuna delle alternative Nel mesencefalo Nel ponte .
I centri della respirazione si trovano: Nel mesencefalo Nel ponte Nessuna delle alternative Nel bulbo .
Il nucleo rosso si trova: Nel bulbo Nel ponte Nessuna delle alternative Nel mesencefalo .
Nel mesencefalo sono contenuti i nuclei di quali nervi cranici? I e II V e VI Nessuna delle alternative III e IV.
Quali tra questi è un fascio ascendente che attraversa il tronco cerebrale? Il fascio piramidale Il fascio vestibolo--spinale Nessuna delle alternative Il lemnisco mediale .
Nel ponte sono contenute i nuclei di quali nervi cranici? Nessuna delle alternative V e VI III e IV I e II .
Quali di queste strutture NON è contenuta nel tronco cerebrale Gruppi di neuroni di proiezione diffusa L' area tegmentale ventrale Nessuna delle alternative Fasci ascendenti e discendenti .
Con quale struttura del tronco encefalico si unisce il midollo spinale? Bulbo Mesencefalo Nessuna delle alternative Ponte.
Quali tra queste è una struttura del tronco encefalico? Cervelletto Bulbo (o midollo allungato) Globo pallido Nessuna delle alternative .
Quali tra queste è una struttura del tronco encefalico? Ponte Nucleo caudato Cervelletto Nessuna delle alternative .
Quali tra queste è una struttura del tronco encefalico? Cervelletto Mesencefalo Nessuna delle alternative Putamen .
Il tronco encefalico regola: Nessuna delle alternative Attività puramente legata all' omeostasi Attività accessorie alla sopravvivenza Attività critiche per la sopravvivenza .
Qual è la funzione della via indiretta dei gangli della base? Automatizza il movimento Facilita l'inizio dei movimenti desiderati Inibisce il movimento Nessuna delle alternative .
Quali possono essere effetti collaterali dell'uso della levodopa? Scialorrea Nessuna delle alternative Disinibizione degli impulsi Aumento della sonnolenza diurna .
La terapia della malattia di Parkinson può essere: Solo neurochirurgia Farmacologica e neurochirurgica Nessuna delle alternative Solo farmacologica .
La malattia di Parkinson: Nessuna delle alternative È una demenza È una patologia del cervelletto Ha un decorso lento e un andamento "a scalino ".
Nella malattia di Parkinson: La degenerazione parte dai nuclei talamici La degenerazione parte dallo striato Nessuna delle alternative La degenerazione inizia nella sostanza nera mesencefalica .
La via dopaminergica: Parte dal caudato Parte dalla sostanza nera del mesencefalo Nessuna delle alternative Parte dallo striato .
Caudato e putamen formano: Lo striato Il neostriato La sostanza nera Nessuna delle alternative .
Quali sono le principali proiezioni dei gangli della base? Mesencefalo e corteccia prefrontale Corteccia motoria primaria e i nuclei motori del tronco dell'encefalo Corteccia somatosensitiva primaria e cervelletto Nessuna delle alternative .
Qual è la funzione della via diretta dei gangli della base? Automatizza il movimento Inibisce il movimento Facilita l' inizio dei movimenti desiderati Nessuna delle alternative .
Quale struttura dei gangli della base è quella di output verso il talamo? Nessuna delle alternative Putamen Globo pallido Striato .
È bersaglio dell' input corticale ai gangli della base: Nessuna delle alternative Lo striato Il globo pallido interno Il globo pallido esterno .
Il nucleo caudato e il putamen costituiscono: Nessuna delle alternative Lo striato La sostanza nera Il globo pallido .
I gangli della base si trovano: Nessuna delle alternative Nel prosencefalo basale Nel diencefalo basale Nel telencefalo basale.
Come si chiama il trattamento neurochirurgo per la malattia di Parkinson? Deep Bran Ablation Nessuna delle alternative Deep Brain Inhibition Deep Brain Stimulation .
Qual è la proteina coinvolta nella malattia di Parkinson? Nessuna delle alternative B-amiloide (beta amiloide) Tau a-sinucleina (alfa-sinucleina).
Il cervelletto è posizionato: Nessuna delle alternative Al di fuori della teca cranica In fossa cranica posteriore Nel canale vertebrale .
Costituiscono il principale sistema afferente del cervelletto: Nessuna delle alternative Cellule a canestro Le fibre muscoidi Le cellule dei granuli .
Le cellule di Purkinje utilizzano come neurotrasmettitore: Il GABA L' acetilcolina Nessuna delle alternative Il glutammato .
Le cellule di Purkinje si trovano: Nel cervelletto e nel tronco encefalico Nessuna delle alternative Unicamente nel cervelletto Nel cervelletto e nell' encefalo .
Le cellule di Purkinje esercitano: Un' azione eccitatoria Nessuna delle alternative Un' azione inibitoria Un' azione eccitatoria che inibitoria .
La corteccia cerebellare ha una struttura: Nessuna delle alternative Modulare Casuale Lineare .
I nuclei cerebellari profondi: Sono 5 paia Nessuna delle alternative Sono 2 paia Sono 3 paia .
I nuclei cerebellari profondi: Inviano le informazioni all'interno del cervelletto stesso Nessuna delle alternative Portano le informazioni dalla corteccia Inviano le informazioni all' esterno del cervelletto .
La corteccia cerebrale proietta: A zone mediali del cervelletto Nessuna delle alternative A zone ipsilaterali del cervelletto A zone controlaterali del cervelletto .
Middleton e Strick nel 1994:: Hanno dimostrato che le connessioni del cervelletto proiettano non solo ad aree motorie Hanno evidenziato l'esistenza di specifici circuiti segregati e paralleli Tutte le risposte sono corrette Hanno utilizzato il virus herpes simplex di tipo 1 (HSV1) come tracciante transneuronale retrogrado .
Il cervelletto è coinvolto: Nella modulazione di informazioni motorie e cognitive Nella modulazione di sole informazioni cognitive Nella modulazione di sole informazioni motorie Nessuna delle alternative .
Il controllo che il cervello esercita sul movimento e sulla postura è: Diretto Limitato all' apprendimento motorio Indiretto Nessuna delle alternative .
La presenza di un danno cerebellare: Nessuna delle alternative Impedisce l'avvio di un atto motorio Impedisce l'esecuzione di un atto motorio Riduce l'efficienza di un atto motorio .
Nell' ambito dell' apprendimento motorio, tramite la PET è stato dimostrato che: L' attivazione cerebellare rimaneva costante man mano che i soggetti apprendevano il compito L' attivazione cerebellare aumentava man mano che i soggetti apprendevano il compito L' attivazione cerebellare diminuiva man mano che i soggetti apprendevano il compito Nessuna delle alternative .
Il cervelletto: Modula e confronta Nessuna delle alternative Inibisce e attiva Pianifica e genera .
Nell'ambito dei modelli cognitivi del cervelletto, Bloedel sostiene che: Tutte le risposte sono corrette L' attività del cervelletto dipende dal compito e dal contesto nel quale viene eseguito Il cervelletto ottimizza la performance in relazione ad uno specifico contesto Il cervelletto è parte integrante di un network di ordine superiore .
Nell' ambito dei modelli cognitivi del cervelletto, Thach sostiene che: Durante la pratica ripetuta il cervelletto opera attraverso un un apprendimento che procede per tentativi ed errori Tutte le risposte sono corrette Il compito del cervelletto è di creare una connessione tra un contesto e una specifica azione motoria Il cervelletto è in grado di associare a uno specifico contesto una determinata risposta .
La sindrome cognitivo- affettiva cerebellare: Potrebbe essere la conseguenza dell' alterazione dell'interazione cerebello-corticale Nessuna delle alternative È la conseguenza di un danno ischemico cerebellare in zona emisferica sinistra Potrebbe essere la conseguenza di un danno ischemico cerebrale .
Nel cervelletto le funzioni visuospaziali sono lateralizzate: A destra Medialmente Nessuna delle alternative A sinistra .
Le aree filogeneticamente più antiche sono: Il verme e il nucleo del fastigio La Crus I e II Nessuna delle alternative I lobuli VIIIa e VIIIb.
Alterazioni nella sfera emozionale possono essere conseguenti: A lesioni cerebellari delle zone del lobo posteriore, del verme e paravermiane A lesioni cerebellari delle zone della Crus I e II A lesioni delle aree anteriori del cervelletto Nessuna delle alternative .
A quale regione del cervelletto viene detto "cervelletto limbico"? I lobuli I-IV Nessuna delle alternative La regione posteriore del verme Zona della Crus I e II .
Nel cervelletto la funzione del linguaggio è lateralizzata: Nessuna delle alternative Medialmente A sinistra A destra .
Gli output del cervelletto sono diretti: Nessuna delle alternative Unicamente alle aree corticali motorie Tanto ad aree motorie quanto ad aree della corteccia notoriamente deputate al controllo delle funzioni di ordine superiore Unicamente alle aree cerebrali che si occupano di funzioni superiori .
Quali sono le aree del cervelletto che con l' evoluzione sono quelle maggiormente aumentate? Quelle del neocerebello Quelle del paleocerebello Nessuna delle alternative Quelle del vestibolocerebello .
L' età d'esordio delle patologie cerebellari dominanti: Avviene dopo i 70 anni Avviene tra i 30 e i 50 anni Avviene prima dei 20 anni Nessuna delle alternative.
Nelle patologie cerebellari dominanti: Basta un genitore affetto dalla malattia Nessuna delle alternative Entrambi i genitori sono portatori sani del gene Basta che uno dei due genitori sia portatoresano.
La prevalenzadelle atassie dominanti è stata stimata tra: Nessuna delle alternative 0,8- 3,5: 10.000 0,8-3,5:100.000 0,8-3,5:1000.
L' età d'esordio delle patologie cerebellari recessive: Nessuna delle alternative È tardiva È precoce È in età avanzata.
Per atassia si intende: Movimenti involontari coreici Movimenti non coordinati è imprecisi Nessuna delle alternative Rigidità muscolare.
Nelle patologie cerebellari recessive: Entrambi i genitori sono portatori sani del gene mutato Basta un genitore affetto dalla malattia Nessuna delle alternative Basta che uno dei due genitori sia portatore sano.
L' alcool: Non ha effetto sui circuiti cerebellari Nessuna delle alternative Deprime l' attività dei circuiti cerebellari Iperattiva i circuiticerebellari.
Il tremore intenzionale: È presente a riposo Nessuna delle alternative Aumenta con i movimenti volontari Diminuisce con i movimenti fini.
Per " epigenetica " si intende: Alterazioni del DNA Modificazioni del DNA Modificazioni della cromatina Nessuna delle alternative .
La metilazione del DNA ha un ruolo importante: Nella modificazione genica Nella modificazione di proteine Nessuna delle alternative Nel silenziamemento dei geni e nell' espressione genica.
L' enzima DNMT è coinvolto: Nella replicazione del DNA Nella metilazione del DNA Nella modifica del DNA Nessuna delle alternative .
La metilazione: Nessuna delle alternative Aumenta la trascrizione genica Provoca il silenziamento genico Mantiene lo stato di trascrizione attivo .
Quali esoni sono coinvolti nell'ADCA-DN e HSAN-IE? Nessuna delle alternative 22 e 23 20 e 21 18 e 19.
La prevalenza delle patologie ADCA-DN e HSAN--IE è stimata essere: 1<1.000 <1/1.000.000 <1/1.000.00 Nessuna delle alternative .
Qual è il gene coinvolto nelle patologie ADCA-DN e HSAN-IE? DNMT2 DNMT1 Nessuna delle alternative DNMT3.
La mutazione del gene DNMT1 nelle patologie ADCA-DN e HSAN-IE è di tipo: Puntiforme Genomica Nessuna delle alternative Cromosomica .
La sinapsi che avviene tra una singola fibra dell' alfa motoneurone e le fibrocellule è detta: Placca neuromuscolare Fuso neuromuscolare Nessuna delle alternative Fuso motrice .
Il fascio corticospinale laterale è composto: Dall'80% di fibre piramidali che decussano Nessuna delle alternative Dall' 80% di fibre piramidali che non decussano Da 10% delle fibre piramidali che non si incrociano .
Quali neuroni rendono possibile la modulazione delle risposte nervose? Neuroni piramidali Neuroni internuciali Cellule stellate Nessuna delle alternative .
Il fascio corticospinale ipsilaterale è composto: Dal 10% di fibre piramidali che decussano Dall' 80%di fibre piramidali che non decussano Dal 10% di fibre piramidali che non decussano Nessuna delle alternative .
Quali neuroni sono posti tra un neurone afferente e quello efferente? Neuroni piramidali Nessuna delle alternative Cellule stellate Neuroni internuciali .
Le fibre che fanno da "ponte" tra il fascio piramidale e i nervi cranici sono denominate: Fibre bulbopontine Fibre muscoidi Nessuna delle alternative Fibre corticonucleari .
Gli assoni del fascio piramidale fanno sinapsi con: Nessuna delle alternative Con gli interneuroni del midollo spinale L' alfa motoneurone Con il motoneurone gamma .
Il fascio piramidale è deputato: Al movimento volontario Al movimento involontario Nessuna delle alternative Ai movimenti automatici .
I corpi cellulari dei neuroni del fascio piramidale hanno sede: Nell' area motoria primaria Nessuna delle alternative Nell' area motoria supplementare Nell' area premotoria .
Il fascio vestibolospinale è una via: Crociata Non crociata Nessuna delle alternative Ipsilaterale .
I fasci reticolospinali vengono suddivisi anatomicamente in: Nessuna delle alternative Fascio reticospinale pontino e fascio reticospinale bulbare Fascio corticospinale e corticobulbare Fascio rafespinale e tettospinale.
Quale tra questi fasci fa parte delle vie extrapiramidali? Fascio corticobulbare Nessuna delle alternative Fascio vestibolospinale Fascio corticospinale .
Il fascio tettospinale è una via: Nessuna delle alternative Crociata Distribuita su due lati Ipsilaterale .
Il fascio tettospinale discende fino: Alla parte mediale delle corna anteriori a livello lombare superiore Alla parte mediale delle corna anteriori a livello cervicale e toracico superiore Nessuna delle alternative Alla parte mediale delle corna posteriori a livello cervicale e toracico superiore .
Il fascio tettospinale origina: Nel mesencefalo Nel ponte Nel bulbo Nessuna delle alternative .
Il fascio vestibolospinale origina: Dal mesencefalo Dal ponte Nessuna delle alternative Dal bulbo .
Le strutture pre-piramidali: Nessuna delle alternative Avviano il movimento Modulano e coordinano il movimento Contengono i primi neuroni del movimento .
Le via extra--piramidali nascono: Nessuna delle alternative Dall' area premotoria Dall' area motoria supplementare Dall'area motoria primaria .
Quale tra queste non è considerata una struttura pre--piramidale: Cervelletto Nessuna delle alternative Tronco dell'encefalo Gangli della base .
Le aree afferenti sono quelle aree: Che fanno da stazione di rele' A cui arrivano le informazioni Nessuna delle alternative Che inviano informazioni .
Le aree efferenti sono quelle aree: Che inviano informazioni Che fanno da stazione di rele' Nessuna delle alternative A cui arrivano le informazioni .
Quale tra queste è una caratteristica dell' area premotoria? Nessuna delle alternative È sempre attiva bilateralmente È attiva ad emisferi alternati Si inattiva una volta iniziato il movimento .
Le afferenze dell' area 4 arrivano da: Tutte le risposte sono corrette Dall' area motoria controlaterale Nessuna delle alternative Dalla corteccia somatosensoriale .
Lesioni unilaterali dell' area motoria supplementare provocano: Nessuna delle alternative Perdita di forza Acinesia di braccio e gamba ipsilaterali Acinesia di braccio e gamba controlaterali .
Lesioni bilaterali dell' area motoria supplementare provocano: Nessuna delle alternative Acinesia totale Parestesie globali Astenia muscolare diffusa .
I neuroni a specchio hanno un ruolo importante: Nella cognizione sociale Nella cognizione matematica Nel ragionamento Nessuna delle alternative .
Quali aree del cervello sono implicate nella "qualità del dolore"? Corteccia somatosensitiva primaria e cervelletto L' insula e parte della corteccia cingolata Nessuna delle alternative Area visiva primaria e ippocampo .
Perché si chiamano "neuroni a specchio "? Nessuna delle alternative Sono neuroni che si attivano solo quando si guarda qualcuno che fa la la nostra stessa azione Sono neuroni che si attivano solo quando si immagina qualcuno che fa un' azione Sono neuroni che si attivano anche guardando qualcuno che fa un' azione .
I neuroni a specchio furono scoperti per primi in quale specie? Nessuna delle alternative Nelle scimmie Nei piccioni Nei felini.
I neuroni a specchio furono scoperti: Nei gatti Grazie a studi post-mortem su cervelli umani Nessuna delle alternative Casualmente .
Nella paralisi spastica, l' arco riflesso È interrotto È mantenuto Nessuna delle alternative È lievemente ridotto .
L' interruzione del fascio piramidale provoca: Ipotonia Paralisi flaccida Paralisi spastica Nessuna delle alternative .
La mancata coordinazione dei movimenti volontari prende il nome di: Atassia Alessitimia Atarassia Nessuna delle alternative .
L' incapacità nel compiere movimenti segmentari opposti prende il nome di: Adiodocinesia Atassia Nessuna delle alternative Dismetria .
Quando si parla di ipertonia? Quando c'è aumento patologico del tono muscolare Quando c'è diminuzione patologica del tono muscolare Nessuna delle alternative Quando c'è eccesso di forza nel compiere un movimento .
L' interruzione delle vie dei motoneuroni spinali provoca: Nessuna delle alternative Ipertonia Paralisi spastica Paralisi flaccida .
Quando si può osservare l' ipotonia? Nessuna delle alternative A riposo, durante i movimenti volontari ed involontari Solo durante il movimento volontario Unicamente a riposo e durante i movimenti involontari .
Quando si parla di ipotonia? Nessuna delle alternative Quando il muscolo è anormalmente in tensione Quando il muscolo è contratto per lunghi periodi Quando il tono muscolare è anormalmente basso .
Cosa si intende per tono muscolare? Nessuna delle alternative Tensione attiva dei muscoli, permanente e involontaria, di costante intensità Tensione attiva dei muscoli, permanente e involontaria, variabile per intensità a seconda delle differenti azioni Tensione passiva dei muscoli, permanente e involontaria, variabile per intensità a seconda delle differenti azioni .
Le strutture nervose che regolano la coordinazione sono: Il cervelletto Tutte le risposte L' apparato vestibolare L' apparato visivo .
I movimenti coreici sono: Sono presenti nel sonno Presenti nel sonno Nessuna delle alternative Assenti nel sonno .
I movimenti patologici possono essere: Estrinseci al muscolo Distali al muscolo Nessuna delle alternative Sovrapposti al muscolo .
La fascicolazione è Un movimento patologico estrinseco al muscolo Nessuna delle alternative Un movimento patologico intrinseco al muscolo Un movimento normale di più muscoli insieme .
La fascicolazione è: Una contrazione del muscolo cronica Una contrazione del muscolo lenta e ad intervalli regolari Una contrazione del muscolo rapida e ad intervalli irregolari Nessuna delle alternative .
I movimenti estrinseci sono caratterizzati da: Nessuna delle alternative Contrazioni di muscoli localizzate agli arti superiori Contrazioni di muscoli, talvolta complesse, senza finalità Contrazioni volontarie di muscoli talvolta complesse .
I movimenti coreici sono: Movimenti lenti e ritmici Nessuna delle alternative Movimenti automatici e rapidi Movimenti rapidi e improvvisi .
I movimenti atetosici sono: Nessuna delle alternative Lenti e ritmici Rapidi e improvvisi Lenti, aritmici e prolungati .
I movimenti patologici possono essere: Sovrapposti al muscolo Distali dal muscolo Nessuna delle alternative Intrinseci al muscolo.
I movimenti atetosici sono: Presenti in movimento e a riposo Nessuna delle alternative Sono presenti unicamente nel sonno Presenti unicamente a riposo .
Quali sono i recettori coinvolti nelle sensazioni propriocettive? Telerecettori Nessuna delle alternative Recettori laberinto-vestibolari e muscolo-scheletrici Recettori somatici .
Quali sono i recettori coinvolti nelle sensazioni esterocettive? Recettori muscolo-scheletrici Recettori labirinto-vestibolari Recettori somatici e telerecettoti Nessuna delle alternative .
Le sensazioni esterocettive sono: Coscienti Subliminali Nessuna delle alternative Incoscienti .
Le sensazioni esterocettive provengono: Nessuna delle alternative Dalla parte destra del corpo Dal mondo esterno Dai visceri .
Le sensazioni propriocettive provengono: Nessuna delle alternative Dal mondo intero Dalla parte interna del corpo Dal mondo esterno .
La via anatomica principalmente coinvolta nel tatto e nella propriocezione è: Nessuna delle alternative Via neospinotalamica Via del lemnisco mediale Fascio spinotalamico anteriore .
La sensibilità esterocettiva somatica è: Cosciente Incosciente Nessuna delle alternative Riflessa.
Le sensazioni enterocettive: Sono riflesse Nessuna delle alternative Sono incoscienti Sono coscienti .
Le sensazioni incoscienti hanno come riferimento generale: Il tronco dell'encefalo Nessuna delle alternative Il cervelletto La corteccia prefrontale .
Nella pratica chirurgica chiamata "cordotomia": La via del lemnisco mediale viene interrotta in uno o entrambi i lati per alleviare al paziente un dolore intrattabile Nessuna delle alternative La via neospinotalamica viene interrotta per alleviare al paziente un dolore intrattabile La via spinotalamica viene interrotta in uno o entrambi i lati per alleviare al paziente un dolore intrattabile .
La sensibilità termica: Segue le stesse vie del dolore acuto Nessuna delle alternative Segue le stesse vie della esterocezione Segue le stesse vie della propriocezione .
Quale via è responsabile degli aspetti affettivi fortemente spiacevoli e della reazione di allarme: Via talamica Via paleospinotalamica Nessuna delle alternative Via spinotalamica .
A seconda del tipo di dolore trasportato: Hanno le stesse vie di conduzione nervosa Hanno un' unica via di conduzione nervosa Cambiano le vie di conduzione nervosa Nessuna delle alternative .
Qual è il nucleo talamico coinvolto nel dolore cronico: Nucleo mediale Nucleo laterale Nucleo anteriore Nessuna delle alternative .
La via paleospinotalamica (o spinoreticolare) conduce: Il dolore cronico Il dolore acuto Nessuna delle alternative Il dolore idiopatico .
Dopo aver fatto sinapsi con il Il neurone delle sensibilità dolorifica, lo stimolo: Risale controlateralmente Risale ipsilateralmente Nessuna delle alternative Risale per metà ipsilateralmente e metà controlateralmente .
Quale tra queste non è organizzato somatotopicamente in corteccia? Il dolore Nessuna delle alternative Il movimento Il tatto .
Nella via del dolore il terzo neurone è situato: Nei gangli della base Nessuna delle alternative Nel tronco encefalico Nel talamo .
Cosa hanno in comune le vie del dolore e le vie del tatto? Il terzo neurone è comune a entrambe le vie Il secondo neurone è in comune a entrambe le vie Nessuna delle alternative Il primo neurone è comune a entrambe le vie .
Le vie del dolore sono: Discendenti Nessuna delle alternative Ascendenti Sia ascendenti che discendenti .
Il dolore idiopatico: Nessuna delle alternative Non ha causa evidente È un dolore ginecologico Ha sempre una causa rilevabile agli esami strumentali .
Quale può essere una causa del dolore neuropatico centrale? Sclerosi multipla Malattie cerebrovascolare Lesioni midollari Tutte le risposte sono corrette .
Il dolore neuropatico periferico può essere causato da: Frattura ossea Compressione radicolare Nessuna delle alternative Tendinite .
Quale dolore risponde meglio alla terapia analgesica o antinfiammatoria? Nessuna delle alternative Dolore neuropatico Dolore nocicettivo Dolore iodiopatico .
A livello fisiopatogenetico, il dolore è: Nocicettivo Tutte le risposte sono corrette Neuropatico Idiopatico.
Quale tipo di dolore ha un connotato di "sopravvivenza "? Nessuna delle alternative Dolore cronico Dolore non localizzato Dolore acuto .
Il dolore può essere: Cronico Acuto Non localizzato Tutte le risposte sono corrette .
La via neospinotalamica (o spinotalamica) conduce: Il dolore acuto Il dolore cronico Il dolore idiopatico Nessuna delle alternative .
Qual è il nucleo coinvolto nel dolore acuto: Nucleo laterale Nucleo anteriore Nessuna delle alternative Nucleo mediale .
Qual è la struttura deputata alla ricezione delle onde sonore? La pelle L' orecchio Nessuna delle alternative Gli occhi .
Le strutture dell' orecchio comunicano con il SNC attraverso: Il forame pervio Il meato acustico interno Nessuna delle alternative Il meato nasale .
L' orecchio esterno comprende: Padiglione auricolare ed il condotto uditivo esterno La cavità del timpano La staffa, l' incudine e il martello Nessuna delle alternative .
L' orecchio medio comprende: Il condotto uditivo esterno Padiglione auricolare La staffa, l' incudine e il martello Nessuna delle alternative .
Da quanti strati è composto il timpano? 3 4 Nessuna delle alternative 2.
L' orecchio interno comprende: La staffa, l' l'incudine e il martello Nessuna delle alternative Il laberinto osseo e membranoso Padiglione auricolare ed il condotto uditivo esterno .
Qual è il vero organo neuro-sensoriale uditivo: L' organo del Corti Corpuscoli di Pacini Nessuna delle alternative Forame di Magendie .
La chiocciola si trova: Nell' orecchio medio Nell'orecchio interno Nessuna delle alternative Nell' orecchio esterno .
Le aree uditive sono organizzate in base: Al timbro Alla frequenza All' ampiezza Nessuna delle alternative .
Qual è la funzione generale dei collicoli superiori? La localizzazione nello spazio delle informazioni sensoriali Il sequenziamento nello spazio delle informazioni sensoriali La localizzazione nel tempo delle informazioni sensoriali Nessuna delle alternative .
Gli strati superficiali dei collicoli superiori ricevono: Nessuna delle alternative Input verbali Input visivi Input uditivi.
Gli strati interni dei collicoli superiori, che ricevono input uditivi, sono disposti secondo una mappa: Temporale uditiva Spaziale uditiva Nessuna delle alternative Frequenza uditiva .
I segnali provenienti da ciascun orecchio sono trasmessi alla corteccia uditiva: Nessuna delle alternative Controlaterale all'orecchio che percepisce il suono Ipsilaterale e controlaterale Ipsilaterale all' orecchio che percepisce il suono .
L' orecchio dell' essere umano percepisce le vibrazioni: Fra circa 400 e 40.0000 hertz (cicli per secondo) Nessuna delle alternative Fra circa 20 e 20.000 hertz (cicli per secondo) Fra circa 20.000 e 30.000 hertz (cicli per secondo).
Per quanto riguarda il suono, l' ampiezza indica: L' altezza del suono Nessuna delle alternative L' intensità del suono Il timbro del suono .
I segnali provenienti da ciascun orecchio sono combinati fra loro: A livello dei nuclei olivari inferiori Nessuna delle alternative A livello dei nuclei olivari mediali A livello dei nuclei olivari superiori .
Le onde sonore provocano la vibrazione: Della membrana vibrante Della membrana timpanica Della membrana basale Nessuna delle alternative .
Ne suono, le vibrazioni sono trasmesse a tre ossicini dell'occhio medio: Martello, incudine e piccone Tamburo., incudine e piccone Nessuna delle alternative Martello, incudine e staffa.
Nell' orecchio, la finestra ovale trasferisce le vibrazioni al liquido contenuto: Nello umor acqueo Nella coclea Nel timpano Nessuna delle alternative .
L' organizzazione del sistema uditivo è: Retinotopica Nessuna delle alternative Somatotopica Tonotopica .
In quale lobo è contenuta l' area uditiva primaria: Lobo temporale Nessuna delle alternative Lobo frontale Lobo occipitale .
Qual è la proteina coinvolta nelle encefalopatie spongiformi? Proteina prionica Tau Alfa- sinucleina Nessuna delle alternative .
Nel disturbo neurocognitivo lieve: Nessuna delle alternative L' autonomia funzionale non è conservata solo per l' uso di ausili L' autonomia funzionale è conservata L' autonomia non è conservata .
Qual è la proteina coinvolta nella demenza da corpi di Lewy? Beta-amiloide Proteina prionica Alfa-sinucleina Nessuna delle alternative .
Le demenze primarie corticali sono caratterizzate da: Nessuna delle alternative Disfunzioni motorie Rallentamento e alterazioni comportamentali Disturbi cognitivi presenti fin da subito .
Le demenze primarie sottocorticali sono caratterizzate da: Alterazioni della memoria Disturbi cognitivi presenti fin da subito Nessuna delle alternative Rallentamento e alterazioni comportamentali .
Nel disturbo neurocognitivo maggiore: Nessuna delle alternative L' autonomia funzionale è compromessa L' autonomia è conservata L' attività funzionale è conservata grazie all' uso di ausili .
Il grado di gravità del disturbo neurocognitivo si basa su: Sul grado di interferenza con lo sviluppo autonomo delle attività quotidiane di base e strumentali e per livello di compromissione Nessuna delle alternative Sul grado di interferenza solo con lo svolgimento autonomo delle attività quotidiane di base Sul grado di interferenza con lo svolgimento autonomo delle attività strumentali .
Le difficoltà cognitive nelle persone con demenza: Hanno un netto miglioramento e un netto peggioramento poco dopo Hanno un declino rispetto al precedente livello di funzionamento cognitivo Nessuna delle alternative Sono stabili al livello di funzionamento cognitivo massimo raggiunto .
I criteri per porre diagnosi di demenza prevedono che ci siano: Solo i disturbi cognitivi Nessuna delle alternative Solo le alterazioni nel quotidiano Disturbi cognitivi e difficoltà nelle attività quotidiane .
Cosa può portare a un invecchiamento patologico? Cambiamenti nella personalità Eccesso di stress ossidativo Fisiologica riduzione dell' acetilcolina Nessuna delle alternative .
Si definiscono "anziani fragili" quelli: Nessuna delle alternative Con pluripatologie Tutti gli anziani sopra gli 80 anni Con l' osteoporosi .
Nelle demenze secondarie appaiono di grande importanza: La familiarità I fattori di rischio L' età Nessuna delle alternative .
Le demenze secondarie: Nessuna delle alternative Sono quelle che compaiono successivamente ad altre patologie Sono legate alla terza età Sono sempre irreversibili .
Le demenze secondarie: Rappresentano il 15% dei disturbi neurocognitivi Possono essere reversibili Sono causate da fattori di rischio Tutte le risposte sono corrette .
Quale tra questi è un fattore di rischio modificabile? Nessuna delle alternative La sindrome di Down Il diabete L' età .
Quale tra questi è un fattore di rischio non modificabile? L' età L' obesità Il diabete Nessuna delle alternative .
L' invecchiamento sano può produrre delle modificazioni delle modificazioni normali a seconda dell' età. Quale tra questi? Nessuna delle alternative Cambiamenti nella personalità Alterazioni delle funzioni sensoriali Demenza .
L' invecchiamento sano può produrre delle modificazioni normali a seconda dell' età. Quale tra questi? Calo nella velocità dell' elaborazione delle informazioni Nessuna delle alternative Demenza Cambiamenti nella personalità .
L' invecchiamento sano può produrre delle modificazioni normali a seconda dell'età. Quale tra questi? Fisiologica riduzione dell' acetilcolina Nessuna delle alternative Cambiamenti nella personalità Demenza .
Cosa può portare a un invecchiamento patologico? Danni al DNA Cambiamenti nella personalità Nessuna delle alternative Fisiologica riduzione dell' acetilcolina .
Report abuse Terms of use
HOME
CREATE TEST
COMMENTS
STADISTICS
RECORDS
Author's Tests