option
My Daypo

ps dello sviluppo e delle relazioni interpersonali

COMMENTS STADISTICS RECORDS
TAKE THE TEST
Title of test:
ps dello sviluppo e delle relazioni interpersonali

Description:
camisasca

Author:
filomena paradiso
(Other tests from this author)

Creation Date:
15/05/2022

Category:
Others

Number of questions: 121
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Share the Test:
Facebook
Twitter
Whatsapp
Last comments
No comments about this test.
Content:
"Le configurazioni si succedono in modo naturale e fluido, senza scatti o interruzioni, in un clima disteso e di divertimento condiviso". In quale tipo di alleanza si può osservare una situazione del genere nel Lausanne Trilogue Play (LTP)? alleanza cooperativa alleanza collusiva alleanza disturbata alleanza in tensione.
Quale delle seguenti caratteristiche è presente in un'alleanza familiare cooperativa, osservabile nel Lausanne Trilogue Play (LTP)? sono garantite le funzioni della partecipazione e organizzazione, mentre risultano problematiche l'attenzione focale e il contatto affettivo la famiglia commette errori interattivi che sono poi riparati tutte le risposte sono corrette la famiglia si coordina adeguatamente per dare sostegno al bambino.
Quali sono i tipi di alleanza familiare che possono essere individuati a partire dalla codifica del Lausanne Trilogue Play (LTP)? alleanze disturbate, collusive, in tensione e cooperative non è possibile individuare delle alleanze familiari a partire dalla codifica del LTP alleanze disfunzionali e funzionali alleanze disturbate, conflittuali, funzionali e collaborative.
Chi ha messo a punto un metodo strutturato per la valutazione delle relazioni familiari (LTP - Lausanne Trilogue Play ), coniugando una tradizione di studi e ricerche sulla famiglia e sullo sviluppo evolutivo del minore? Salvador Minuchin Tutte le risposte sono corrette Fivaz- Depeursinge e Corboz-Warnery Daniel Stern.
Qual è il presupposto scientifico alla base del Lausanne Trilogue Paly (LTP)? la famiglia viene stimolata a vivere momenti piacevoli e a ricercare momenti di intersoggettività attraverso l'osservazione dei comportamenti (famiglia praticante) si può accedere al livello dell'intersoggettività la famiglia deve riuscire a divertirsi insieme in quanto entità a tre Nessuna risposta è corretta.
In che cosa consiste la prima fase del Lausanne Trilogue Play (LTP)? il bambino è in posizione periferica, mentre i due genitori parlano insieme mamma, papà e bambino giocano insieme la madre (o il padre) e il bambino giocano insieme mentre l'altro genitore è in una posizione periferica il padre e il bambino giocano insieme mentre la madre è in una posizione periferica.
Nel Lausanne Trilogue Play (LTP) quale ruolo svolge il genitore in posizione periferica? Sia la prima sia la terza risposta sono corrette osservatore silente osservatore partecipante: deve mantenere un atteggiamento empatico senza interferire 0può intromettersi in alcune situazioni nella relazione tra il bambino e l'altro genitore8.
Nella terza fase del Lausanne Trilogue Play (LTP) cosa è possibile osservare? il grado di confusione dei genitori nella coordinazione delle loro azioni il grado di cooperazione tra i genitori Tutte le risposte sono corrette il livello di competizione tra i genitori.
Quante sono le possibili analisi del Lausanne Trilogue Play (LTP)? 2 3 5 4.
"La famiglia gioca insieme in modo adeguato ma deve impegnarsi per superare i continui alti e bassi a fronte di un evidente contrasto nello stile dei genitori". In quale tipo di alleanza si può osservare una situazione del genere nel Lausanne Trilogue Play (LTP)? alleanza cooperativa alleanza disturbata alleanza in tensione alleanza collusiva.
Cosa valuta l'analisi del processo del Lausanne Trilogue Play (LTP)? se il bambino è capace di gestire le 4 configurazioni che costituiscono una relazione a tre e il modo con cui realizza questa gestione se la famiglia sta collaborando e se i suoi membri si stanno aiutando a vicenda le transizioni tra le diverse parti del LTP e il passaggio da stati disarmonici a stati armonici e viceversa le interazioni non verbali della famiglia.
Quale delle seguenti caratteristiche NON è presente in un'alleanza familiare in tensione, osservabile nel Lausanne Trilogue Play (LTP)? la famiglia riesce a raggiungere l'obiettivo ma commette degli errori interattivi che sono poi riparati la famiglia non riesce a coordinarsi per raggiungere l'obiettivo ed il figlio è coinvolto in una triangolazione disfunzionale sono garantite le funzioni della partecipazione e organizzazione, mentre risultano problematiche l'attenzione focale e il contatto affettivo il clima affettivo può essere teso.
La lettura strutturale del Lausanne Trilogue Play (LTP) prevede un sistema di codifica del sistema familiare, attraverso la considerazione di quali funzioni? cooperazione e strutturazione dell'interazione collaborazione, coordinazione e condivisione interazione, divertimento ed empatia partecipazione, organizzazione, attenzione focale e contatto affettivo.
Le alleanze familiari cooperative e in tensione individuate attraverso la codifica del Lausanne Trilogue Play (LTP) sono: l'alleanza cooperativa è funzionale mentre quella in tensione è tipica di famiglie conflittuali entrambe sufficientemente buone soltanto l'alleanza cooperativa è una buona alleanza familiare costituiscono i due estremi di un continuum.
Quali sono le due tipologie di alleanza disturbata che si possono osservare nel Lausanne Trilogue Play (LTP)? caotiche e rigide conflittuali e ambigue aperte e nascoste funzionali e disfunzionali.
Quali sono le due tipologie di alleanza collusiva che si possono osservare nel Lausanne Trilogue Play (LTP)? caotiche e rigide conflittuali e ambigue funzionali e disfunzionali aperte e nascoste.
Quale delle seguenti caratteristiche è tipica di alleanze familiari collusive, osservabili nel Lausanne Trilogue Play (LTP)? questo tipo di alleanza è stata osservata tipicamente tra le famiglie che presentano una severa psicopatologia le famiglie riescono a raggiungere l'obiettivo ma commettono degli errori interattivi che sono poi riparati soltanto la funzione della partecipazione possiede un livello di funzionamento adeguato indica la presenza del massimo grado di disfunzionalità.
Qual è l'aspetto che differenzia maggiormente le alleanze collusive dalle alleanze disturbate nel Lausanne Trilogue Play (LTP)? il livello di cooperazione il clima affettivo l'ampiezza del conflitto e della ambiguità familiare nessuna risposta è corretta.
Quale delle seguenti caratteristiche è osservabile in un'alleanza disturbata nel Lausanne Trilogue Play (LTP)? tutte le risposte sono corrette è presente il massimo grado di disfunzionalità gli affetti sono chiaramente negativi, anche se possono essere coperti da una pseudopositività questo tipo di alleanza è stata osservata tipicamente tra le famiglie che presentano una severa psicopatologia.
Se non è soddisfatto nessuno dei quattro livelli funzionali (partecipazione, organizzazione, attenzione focale e contatto affettivo) presi in considerazione nel Lausanne Trilogue Play (LTP), che tipo alleanza familiare abbiamo? alleanza in tensione alleanza disturbata alleanza cooperativa alleanza collusiva.
Se non è soddisfatta la funzione dell'organizzazione al Trilogue Play (LTP), che tipo alleanza familiare abbiamo? alleanza cooperativa alleanza in tensione alleanza collusiva alleanza disturbata.
Quali sono le scale in cui è suddiviso il Sibiling Relationship Inventory? affetto e rivalità affetto, conflitto, rivalità e potere nessuna risposta è corretta affetto, conflitto e rivalità.
Cosa si intende per conflitto costruttivo relativamente alla relazione fraterna? implica una forte prevalenza di assertività il conflitto non può mai essere costruttivo costituisce un fattore di rischio per lo sviluppo di condotte aggressive anche in altri contesti implica una buona comprensione del punto di vista e delle ragioni altrui.
In base a quale caratteristica vengono distinte le due tipologie di conflitto, costruttivo e distruttivo, presenti nella relazione fraterna? in base al grado di affetto in base al livello di assertività in base alle strategie di risoluzione in base alla possibilità di trovare una soluzione al conflitto.
Cosa intendono Stoneman e Brody per processo di role crossover all'interno della relazione fraterna? il fratello maggiore perde il suo ruolo all'interno della famiglia d'origine quando esce di casa e si costruisce una sua famiglia, cosentendo al fratello minore di assumere il ruolo di primogenito nessuna risposta è corretta il fratello minore, superando le capacità del fratello maggiore e assumendosene in parte la cura, di fatto ne usurpa il ruolo di primogenito il fratello maggiore assume un ruolo genitoriale nei confronti del fratello minore.
Studi empirici hanno dimostrato che il rapporto tra fratelli è in grado di influenzare lo sviluppo: tutte le risposte sono corrette del sistema cognitivo della personalità della comprensione sociale.
In quale fase dello sviluppo i temi dell'autonomia, del rispecchiamento e dell'alleanza intragenerazionale sono centrali nella relazione fraterna? nessuna risposta è corretta durante l'adolescenza durante l'età prescolare durante la primissima infanzia.
Quale dei seguenti fattori individuali influenza la qualità della relazione fraterna? vicinanza di età tutte le risposte sono corrette genere ordine di nascita.
Quale delle seguenti funzioni NON è una funzione della relazione fraterna? sviluppo della personalità e dell'identità sviluppo delle competenze cognitive e sociali acquisizione di competenze scolastiche regolazione e socializzazione delle emozioni.
Quali sono le caratteristiche della relazione fraterna individuate in letteratura? l'empatia, l'interazione, il confronto e il potere (status) l'affetto, il conflitto, la rivalità e il potere (status) la vicinanza emotiva, la cooperazione e il conflitto nessuna risposta è corretta.
Quali sono le due dimensioni più approfondite in letteratura rispetto all'asimmetria tra fratelli, determinata da uno squilibrio di potere e ruolo? la difficoltà genitoriale e l'handicap di uno dei fratelli la rivalità e il conflitto il caretaking e il teaching il legame di attaccamento e il livello di affetto ricevuto.
Il sé categorico si basa: sulla percezione immediata e precoce proveniente dalle informazioni sensoriali tutte le opzioni sono corrette sulla capacità di autoriflessione e rappresentazione sulla comunicazione verbale e non verbale.
Quali sono gli indicatori della presenza del Sé categorico? indicatori linguistici autoriconoscimento categorie esteriori tutte le opzioni sono corrette.
Il sé esistenziale si sviluppa gradualmente nel: primo anno di vita nel secondo anno di vita è già presente alla nascita nel terzo anno di vita.
Quando compare il sé categorico? intorno ai 2 anni di vita intorno al 4 anno di vita intorno a 1 anno di vita verso il 3 anno di vita.
Il sé esistenziale si basa: sullo sviluppo delle competenze linguistiche sulla capacità di autoriflessione tutte le opzioni sono corrette sulla percezione immediata e precoce proveniente dalle informazioni sensoriali.
la consapevolezza primaria nessuna opzione è corretta coincide con il sé categorico coincide con il sé relazionale coincide con il sé esistenziale.
la coscienza di sé si articola: sé esistenziale nessuna opzione è corretta sé categorico tutte le ozpioni sono corrette.
A che età il bambino inizia a riconoscere gli altri tramite una attività di riflessione e valutazione? tra i 12 e i 8 mesi a 2 anni tra i 16 e i 20 mesi a 3 anni.
Quanti sono gli stati della consapevolezza dell'amizia secondo Selman? 5 6 4 3.
Quali sono le principali teorie sulla tipizzazione sessuale? tutte le opzioni sono corrette Kohlberg dell'apprendimento sociale psicoanalitiche.
In quale stadio, secondo Selman, il bambino considera due o più punti di vista che appartengono a singoli ma anche a gruppi? reciproco soggettivo autoriflessivo sociale convenzionale.
In quale stadio, secondo Selman, il bambino considera se stesso e gli altri come entità distitnte ma non differenzia i punti di vista? soggettivo narcisista egcentrico autoriflessivo.
Quanti sono gli stadi di sviluppo delle abilità di role taking secondo Selman? 3 5 4 6.
Le interazioni tra pari sotto i tre anni sono caratterizzate da: tutte le ozpioni sono corrette interazioni speculari differite unidirezionalità interazioni speculari contemporanee.
Fino a quale età prevale il periodo premorale? fino ai 3-4 anni fino ai 5 anni fino al primo anno fino ai 2 anni.
Quale autore parla di: periodo premorale, realismo morale e relativismo morale? Freud Piaget Kohlberg Vygostkij.
Fino a quale età prevale il realismo morale? dai 4-5 ai 8-9 anni dai 5 ai 7 anni dai 6 agli 8 anni dai 6 agli 9 anni.
Quante sono le 2 forme di giustizia individuate da Piaget? 3 2 nessuna 4.
Quante sono le fasi dello sviluppo morale secondo Piaget? 5 3 4 2.
La morale autonoma prevale nello stadio: è sempre presente pre-morale realismo morale relativismo morale.
La morale eteronoma prevale nello stadio: relativismo morale realismo morale in nessuno stadio pre-morale.
Kohlberg per studiare lo sviluppo morale cosa utilizza? l'osservazione dei test proiettivi dei dilemmi dei questionari.
Quanti sono gli stadi dello sviluppo morale secondo Kohlberg? nessuno stadio 2 3 4.
Gli stadi: preconvenzionale, convenzionale e post-convenzionale sono stati definiti da: Piaget Vygostkij Kohlberg? Freud.
Tra i fattori che influenzano il comportamento prosociale emergono: atteggiamento dei genitori tutte le opzioni sono corrette orientamento altruistico familiare pratiche educative.
La presenza di chiari segnali di emergenza favorisce: tutte le opzioni sono corrette il comportamento prosociale l'attivazione emozionale la diffusione di responsabilita'.
Quali sono i fattori che possono inibire il comportamento prosociale? tutte le opzioni sono corrette indecisione e utilizzo del comportamento altrui come modello nessuna opzione è corretta fenomeno della diffusione sociale.
Come è possibile definire il gioco? una forma di comunicazione una azione trasformativa sulla realtà una esperienza emotiva tutte le opzioni sono corrette.
Il gioco permette l'esplorazione del proprio corpo del mondo delle relazioni tutte le opzioni sono corrette.
Negli anni '90 rispetto agli studi sl gioco il gioco diviene strumento per ingare lo sviluppo infantile si studia la componente relazionale del gioco si arresta l'intersse verso lo studio del gioco nessuna opzione è corretta.
Quali caratteristiche si possono analizzare nel gioco? il contesto tutte le opzioni sono corrette le caratteristiche psicologiche il livello di comportamento osservabile.
Tra i possibili comportamenti osservabili durante il gioco, Piaget sottolinea? il gioco con regole il gioco con materiali sociali il gioco con parole i comportamenti epistemici.
Gli aspetti psicologici del gioco possono venire descritti come la combinazione di quante componenti? 3 6 5 4.
Chi sostiene che il gioco costituisce una invariante culturale? Bruner Huzinga Piaget Vygostkij.
Chi sostiene che il gioco permette il passaggio dalla dipendenza alla autonomia? Winnicott Bruner Piaget Freud.
Bruner in merito al gioco ha studiato nessuna opzione è corretta le competenze percettive e sensoriali le competenze emotive e i legami di attaccamento le competenze comunicative nei bambini piccoli.
Quale autore considera il gioco una palestra per le abilità metacomunicative? Bateson Freud Paget Vygostkij.
Quale autore attribuisce al gioco una funzione sociale in cui emerge il sé? Paget Vygostkij Mead Freud.
Quale autore attribuisce al gioco una funzione di catarsi? Piaget Freud Huzinga Vygostkij.
Quale stadio del gioco si basa sul far finta? il gioco senso-motorio il gioco con regole il gioco simbolico tutte le opzioni sono corrette.
Quale autore considera il gioco uno strumento della mente che aiuta il bambino a controllare i suoi comportamenti? Paget Freud Bruner Vygostki.
Il gioco con regole caratterizza: i 6-7 anni nessuna opzione è corretta l'età prescolare l'età adolsecenziale.
Il gioco sibolico caratterizza: l'età scolare il secondo anno di vita il terzo anno di vita il quarto anno di vita.
Quali sono gli stadi dello sviluppo del gioco per Piaget? gioco simbolico gioco con regole tutte le ozpioni sono corrette stadio senso-motorio.
Per Piaget lo sviluppo del gioco si articola in quanti stadi? 4 2 5 3.
Per Piaget, nel gioco ... viene facilitato l'apprendimento si assiste all'esercizio di strutture già disponbili tutte le ozpioni sono corrette prevale l'assimilazione.
Quale dei seguenti comportamenti NON è di aiuto per un bambino che ha subito un lutto significativo? assicurarsi che il bambino riceva informazioni corrette sulla malattia o sulle circostanze della morte difendere il bambino minimizzando il tragico lutto e impedendogli di partecipare a tutte le cerimonie connesse al decesso dare esplicitamente al bambino il permesso di addolorarsi ristabilire la routine il più presto possibile.
Quale delle seguenti affermazioni riferite all'elaborazione del lutto NON è vera: l'elaborazione del lutto è quel particolare dolore mentale che è proprio della esperienza della perdita di qualche cosa di buono che avevamo o che eravamo l'elaborazione del lutto è un particolare processo mentale lungo e articolato che si svolge ?a ondate? per mezzo delle quali ci avviciniamo e allontaniamo dalla percezione diretta del dolore mentale depressivo l'elaborazione del lutto comporta grandi trasformazioni delle immagini mentali sia di sé sia della persona perduta che potrà venire conservata soltanto in quanto sarà trasformata in ricordo l'elaborazione del lutto implica che la persona colpita possa dare libero sfogo alle proprie sensazioni ed emozioni, in altre parole al proprio dolore.
"Progressiva consapevolezza emotivo-cognitiva della perdita, sua accettazione profonda, stabile ristrutturazione emotivo-cognitiva della percezione di Sé che tenga pienamente conto della perdita e riconoscimento schietto del dolore che si sta provando, della sua sensatezza e legittimità ritornando ad accogliere, stimare, a volere bene al se stesso sofferente che ci si ritrova ad essere". Questa definizione fa riferimento al processo mentale di: dolore depressivo nessuna opzione è corretta accettazione della perdita elaborazione del dolore.
Cosa si intende per dolore depressivo? quel particolare dolore che implica la mancata elaborazione del lutto quel particolare dolore mentale che è proprio della esperienza della perdita di qualche cosa di buono che avevamo o che eravamo un tipo di dolore che implica soltanto aspetti negativi Nessuna risposta è corretta.
L'invischiamento nel processo del lutto e l'evitamento della perdita sono due componenti di: una mancata elaborazione del lutto dolore depressivo un lutto normale un lutto prolungato o traumatico.
L'affermazione "Nei giorni successivi al lutto il bambino può manifestare fantasie di ricongiungimento" è: falsa perché le fantasie di ricongiungimento possono manifestarsi soltanto nel momento in cui il bambino riceve la notizia del lutto vera solo in alcune situazioni particolari vera assolutamente falsa.
Quali sono le principali reazioni al lutto nei bambini? cambiamenti nel comportamento e nel pensiero Tutte le risposte sono corrette interazioni interpersonali caratterizzate da ritiro, isolamento sociale e comportamenti aggressivi reazioni emotive.
L'affermazione "Secondo diversi autori la quasi totalità dei bambini dai quattro anni di età sa che la morte è irreversibile, universale, ed implica la cessazione delle funzioni vitali" è: l'irreversibilità, l'universalità e la non funzionalità sono concetti che vengono acquisiti durante l'adolescenza falsa perché tutti gli autori concordano che tali conoscenze vengono acquisite a partire dagli otto anni non è possibile affermare ciò perché l'acquisizione di tali conoscenze dipende soltanto dall'esperienza personale del bambino falsa perché tutti gli autori concordano che tali conoscenze vengono acquisite a partire dai sei anni.
Come viene inteso il concetto di morte da parte dei bambini che hanno meno di tre anni? la morte è vista dal bambino come una separazione limitata, una specie di vita ridotta, un evento temporaneo il bambino ha già compreso che la morte è irreversibile e universale prima dei tre anni il concetto di morte non è per niente compreso dai bambini il bambino inizia a comprende il principio della non funzionalità.
La comprensione del concetto di morte nei bambini fa riferimento a: non è posssibile rispondere a questa domanda perché gli studi sul concetto di morte nei bambini sono troppo pochi non funzionalità, irreversibilità ed evento tragico irreversibilità e universalità non funzionalità, irreversibilità, universalità, causalità e mortalità personale.
Quale autore afferma che "Evitare il lutto é una importante variante patologica del dolore"? Nessuna risposta è corretta Stanulovic Lieberman Bowlby.
Nella diagnosi di PTSD secondo il DSM IV è necessario specificare se il disturbo è: tutte le opzioni sono corrette acuto o cronico lieve, grave ad esordio precoce, ad esordio ritardato.
Quale di queste caratteristiche NON è tipica dei soggetti che sperimentano un lutto prolungato? provano un'intensa sensazione di nostalgia sperimentano sentimenti di alienazione e di isolamento sociale riescono ad investire in nuove attività e nel loro futuro sono essenzialmente bloccati, cristallizzati in una condizione di lutto cronico.
Qual è la definizione del criterio diagnostico A del PTSD secondo il DSM IV? la risposta all'evento deve comprendere intensa paura, sentimenti di impotenza o di orrore (nei bambini questo può essere espresso con comportamento disorganizzato e/o agitato) l'individuo deve presentare almeno tre sintomi di evitamento ed attenuazione della reattività generale presenza di almeno un sintomo relativo alla sensazione di rivivere l'evento traumatico presenza di almeno due sintomi di aumentato arousal e di ipereccitabilità.
Qual è la principale differenza tra il Disturbo da Lutto Prolungato nei bambini e il Disturbo Post-traumatico da Stress? entrambe le risposte sono sbagliate entrambe le risposte sono corrette nel Disturbo da Lutto Prolungato c?è una maggiore tendenza alla letargia, al ritiro, alla depressione e all'apatia nel Disturbo Post-traumatico da Stress c?è una maggiore tendenza alla riproduzione ansiosa dell'evento e di pattern compulsivi.
Secondo il criterio diagnostico B del PTSD, facendo riferimento alla quarta edizione del DSM, quali sono alcuni dei sintomi relativi alla sensazione di rivivere l'evento traumatico? agire o sentire come se l'evento traumatico si stesse ripresentando entrambe le risposte sono corrette entrambe le risposte sono sbagliate ricordi spiacevoli ricorrenti e intrusivi dell'evento, che comprendono immagini, pensieri, o percezioni.
"I ricordi, i pensieri e le emozioni relative alla persona deceduta possono sollecitare le memorie spaventose relative alla modalità del decesso". Questa affermazione è vera per le situazioni di:\n lutto normale lutto prolungato tutte le risposte sono corrette lutto traumatico.
Quale spiegazione potrebbe essere fornita ad un bambino rispetto al suicidio del proprio genitore? nessuna opzione il fatto che il genitore non era in grado di sentire e di pensare in modo sano a causa di una malattia mentale il fatto che il genitore abbia desiderato in modo anomalo risolverei i suoi problemi è meglio non fornire alcuna spiegazione al bambino subito dopo l'avvenimento.
Quale delle seguenti caratteristiche è presente nel lutto traumatico e non nel lutto normale né in quello cronico? Senso di alienazione e di isolamento sociale sono tutte caratteristiche presenti soltanto nel lutto traumatico la causa della morte è terrificante e scioccante i soggetti sono essenzialmente bloccati, cristallizzati in una condizione di lutto cronico.
Quando una persona particolarmente cara ad un bambino muore in modo traumatico il bambino può manifestare delle difficoltà, quali? evitamento e appiattimento memorie intrusive relative al decesso Tutte le risposte sono corrette sintomi fisici o emotivi di accresciuto arousal.
Quale dei seguenti sintomi può essere presente nel Disturbo da Lutto Prolungato nei bambini? disturbi del comportamento alimentare pianto e richiamo della persona perduta Tutte le risposte sono corrette regressioni o perdite di competenze fondamentali.
L' Approccio che considera una complessa articolazione di elementi che entrano in gioco nei percorsi evolutivi e nei processi sottesi alle dinamiche dell'adattamento e del maladattamento si chiama: approccio cululativo del rischio della causalità diretta della causalità circolare process oriented.
Quali sono le principali caratteristiche dei soggetti resilienti? pianificazione tutte le opzioni sono corrette progettualità stima di sé.
la definizione - non semplice capacità di sopravvivere, ma utilizzo delle esperienze per riflettere, riparare e ricominciare a costruire e a realizzare progetti grazie alla forza e alle energie interiori - fa riferimento a: resilienza autodeterminazione autoefficacia risorsa.
Il maltrattamento psicologico comprende due dimensioni, quali? dimensione commissiva e omissiva dimensione intrapsichica dimensione relazionale e personale tutte le opzioni sono corrette.
Il fenomeno dell'abuso all'infanzia è grave a elevato rischio di ricorrenza tutte le opzioni sono corrette frequente.
Incuria, discuria e ipercura fanno parte di: abuso fisico patologia delle cure abuso emozionale abuso sessuale.
Quante forme di trascuratezza sono state classificate? 2 1 3 4.
Difficoltà di crescita e ritardi nel linguaggio sono conseguenze di: maltrattamento psicologico abuso sessuale maltrattamento fisico tascuratezza.
L'anacronismo delle cure fa parte della: abuso emozionale trascuratezza ipercura discuria.
La sindrome di Munchausen per procura fa parte di: incuria discuria ipercura abuso sessuale.
I fattori da valutare per meglio diagnosticare una azione maltrattante sono: età tutte le opzioni sono corrette forma localizzazione.
Il maltrattamento fisico comprende diversi livelli di gravità, quali? non vi sono livelli di gravità lieve moderato e grave moderato grave e gravissimo minimo grave e gravissimo.
In età prescolare, difficoltà cognitive e bassi QI sono conseguenze di: discuria ipercura abuso emozionale maltrattamento fisico.
Quante sono le fasi di sviluppo dell'abuso sessuale? 3 2 non vi sono fasi 4.
Il post traumatic stress disorder è una conseguenza: maltrattamento fisico e abuso sessuale maltrattamento psicologico abuso sessuale maltrattamento fisico.
Qual è la definizione del criterio diagnostico A del PTSD secondo il DSM IV? presenza di almeno un sintomo relativo alla sensazione di rivivere l'evento traumatico la risposta all'evento deve comprendere intensa paura, sentimenti di impotenza o di orrore (nei bambini questo può essere espresso con comportamento disorganizzato e/o agitato) l'individuo deve presentare almeno tre sintomi di evitamento ed attenuazione della reattività generale presenza di almeno due sintomi di aumentato arousal e di ipereccitabilità.
Quale dei seguenti comportamenti sessuali nei bambini NON è da considerare un segnale di allarme? esplorazioni ed attività ludiche a connotazione sessuale attività ludiche a connotazione sessuale curiosità verso il proprio corpo e quello altrui tutte le opzioni sono corrette.
I seguenti comportamenti: mettere la bocca su parti sessuali, chiedere di essere coinvolto in atti sessuali, masturbarsi con oggetti e inserire oggetti in vagina/ano, sono: nessuna opzione è corretta comportamenti presenti esclusivamente nei bambini vittime di abusi comportamenti rari in bambini che non hanno subito abusi mentre sono presenti in una certa percentuale nei bambini abusati comportamenti assenti sia nei bambini non abusati.
Quale delle seguenti caratteristiche NON fa parte degli aspetti che caratterizzano la relazione educatore-bambino nei casi di sospetto di abuso e/o maltrattamento? c'è la tendenza da parte della vittima a normalizzare la situazione di abuso il disagio viene espresso dal bambino in maniera indiretta il bambino ha assoluta fiducia nell'altro è presente il bisogno da parte della vittima di mantenere un'immagine buona del genitore maltrattante.
Nella relazione educatore-bambino, "ascoltare le emozioni attivate da quanto osservato" significa: entrambe le risposte sono sbagliate entrare in contatto con le emozioni del bambino entrambe le risposte sono corrette entrare in contatto con le proprie emozioni attivate da quanto si sta osservando.
"Sospendere le aspettative e il giudizio, osservare ciò che accade con occhio obiettivo, non attuare interventi immediati e impulsivi, ascoltare le emozioni attivate costituiscono i principi dell'osservazione partecipe e dell'ascolto empatico". Questa affermazione è: vera solo per quanto riguarda l'ascolto empatico ma non per l'osservazione partecipe vera solo per quanto riguarda l'osservazione partecipe ma non per l'ascolto empatico vera falsa.
Nella diagnosi di PTSD secondo il DSM IV è necessario specificare se il disturbo è: acuto, cronico, ad esordio ritardato ad esordio precoce, ad esordio ritardato lieve, intenso nessuna risposta è corretta.
Secondo il criterio diagnostico B del PTSD, facendo riferimento alla quarta edizione del DSM, quali sono alcuni dei sintomi relativi alla sensazione di rivivere l'evento traumatico? entrambe le risposte sono corrette entrambe le risposte sono sbagliate ricordi spiacevoli ricorrenti e intrusivi dell'evento, che comprendono immagini, pensieri, o percezioni agire o sentire come se l'evento traumatico si stesse ripresentando.
Report abuse Terms of use
HOME
CREATE TEST
COMMENTS
STADISTICS
RECORDS
Author's Tests